Magazine Cultura

Un libro, un regalo, una storia

Creato il 28 ottobre 2012 da Nicol Lynne

Un libro, un regalo, una storia
C'è solo una cosa più bella di ricevere un libro in regalo: regalarlo.
Scegliere un'avventura, percorrerla e destinarla a un amico è un gesto pieno d'affetto, stima e in certi rari casi un regalo che porta con sé anche un pezzo della propria anima.
Una sera d'autunno passeggiava per le intricate stradine di Notting Hill, avvolta da una pioggerella umida e invadente. Cercò rifugio in un negozio di libri usati e non ci volle molto prima che si perdesse nella miriade di titoli che gli scaffalli offrivano ai suoi occhi. Senza fretta, leggeva nomi di autori mai incontrati prima, s'incuriosiva sulle loro vite, scopriva trame dalle promesse interessanti e piano piano sentiva il corpo e la mente scaldarsi di un fuoco che era insieme passione e avidità. Brama di conoscere altri mondi, universi paralleli e vite immaginate da autori capaci di condividere realtà alternative nell'intimo e nel silenzio del propri pensieri.
Una galassia di libri accatastati negli angoli più disparati. Scaffali alti quanto il soffitto, in un negozio stretto e lungo dove l'immaginazione si colorava delle sfumature di migliaia di copertine ingiallite. Naturale che perdesse la cognizione del tempo.
Entrò poi una donna. La vide annusare le pagine di un libro dalla copertina rigida e sorrise nel vederla imbarazzata per quel gesto intimo e irrazionale. Si guardarono meglio e si riconobbero. Non si conoscevano bene, ma l'una sapeva chi era l'altra e ora scoprivano di avere una passione in comune: i libri usati.
«Questo lo hai mai letto?» domandò la donna. Era emozionata, di sicuro viaggare attraverso quelle pagine le aveva lasciato un bel ricordo.
Scrutò la copertina e la trovò bellissima, ma no, non lo aveva mai letto. Scosse la testa domandandosi come fosse possibile che non avesse ancora fatta sua un'autrice tanto conosciuta.
Ad ogni modo, le piacque la confidenza con cui la donna le si era rivolta. Era stato un momento intimo durante il quale era sicura di averla conosciuta meglio di quanto sarebbe riuscita a fare in una vita intera. In un negozio di libri i clienti si affiatano come fossero figli di una stessa fantasia.
«Ecco, è tuo» disse, acquistandolo per due sterline e appoggiandosi a una montagna di libri per scriverle una dedica.
C'è solo una cosa più bella di ricevere un libro in regalo: regalarlo.”
 

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Un giorno qualunque

    giorno qualunque

    Una volta si diceva “Io non ho nulla contro i gay, ho un sacco di amici gay” (su questa cretineria, per esempio, Gianni Morandi ha costruito l’intero Festival d... Leggere il seguito

    Da  Danielevecchiotti
    CULTURA, TALENTI
  • Un attimo di tempo

    attimo tempo

    – Scusi, che ore sono?– La primavera e un quarto. – Ma mi sta prendendo in giro?– No, ho l'orologio fermo a quel pomeriggio, a quel valico che divide due vallat... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Dietro a un muro un melograno

    Dietro muro melograno

    Proprio davanti a quella che un giorno era stata una latteria, circondata da case di ogni età, si trovava un cancelletto in ferro, color verde rame, già mezzo... Leggere il seguito

    Da  Maestrarosalba
    CULTURA, RACCONTI, TALENTI
  • Stresa, un aperitivo con...

    Stresa, aperitivo con...

    Il festival letterario “Stresa, un aperitivo con …” si svolgerà a Stresa venerdì 15, sabato 16 e domenica 17 giugno.Apre il festival alle 17 di venerdì 15 Laur... Leggere il seguito

    Da  Alfa
    CULTURA, EVENTI
  • Apologia di un vampiro

    Apologia vampiro

    Il ferro di cavallo è a rischio estinzione.Orbene questa notizia lascerà molti di voi indifferenti se non allegri ,che la metà della popolazione di pipistrelli... Leggere il seguito

    Da  Luigiderosa
    CULTURA, LIBRI
  • Un fanciullo invecchiato

    fanciullo invecchiato

    «Come il desiderio [...] anche il rimpianto non cerca di analizzarsi, ma di soddisfarsi; quando si comincia ad amare, non si passa il tempo a interrogarsi... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Inviare un racconto

    Inviare racconto

    La nostra Livin Derevel aveva già fatto un post con ottimi consigli su come inviare un romanzo a una casa editrice. Ora io oggi vorrei parlarvi di come inviare... Leggere il seguito

    Da  Queenseptienna
    CULTURA, LIBRI

Dossier Paperblog

Magazine