Magazine Italiani nel Mondo

Un opinione dal web

Creato il 22 giugno 2010 da Astonvilla
UN OPINIONE DAL WEB
A seguito di un viaggio a Cuba, sento il bisogno di esprimere alcune considerazioni che ho avuto modo di fare in questo paese. La prima considerazione è stata quella di vedere una popolazione tranquilla e felice. La musica, il ballo, lo stare insieme, erano espressione di tutta una popolazione. Un paese dove, si percepisce benissimo, esistono valori umani, voglia di socializzazione e tanta voglia di vivere, in una situazione economica non certamente felice, spesso in condizioni di miseria. Un paese Socialista di cui sono convinti sostenitori, dove nessuno accetta l’idea di avere una società capitalistica, anche se capiscono benissimo di vivere in un regime, dove non sempre la libertà è il massimo.
Noi viviamo in una società stressata, in cui non riusciamo ad essere felici, dove il nostro unico miraggio è il “DENARO” come se questi fosse la panacea di tutti i mali.
Di seguito vi segnalo passi d’interventi fatti dal Compagno CHE GUEVARA ai lavoratori cubani:
“Il salario è un male che nasce con l’affermarsi del capitalismo, che nasce, quando la borghesia prende il potere”.
“In una nuova società non si può considerare il lavoro come la parte buia della vita, ma tutto l’opposto”.
“Dobbiamo camminare su una base fondamentale, fare del lavoro una necessità morale, una necessità interna, abbandonare l’idea erronea, tipica di una società fondata sullo sfruttamento, per la quale il lavoro è un bisogno sciagurato dell’uomo, ma deve invece emergere l’altro aspetto del lavoro, una necessità spirituale”.
“Consideriamo in primo luogo che nel retribuire con un determinato salario un lavoratore che adempie alla norma, noi non lo paghiamo per la vendita della sua forza lavoro.”
“ Non possiamo dire semplicemente che il lavoratore lavora perchè se non lavorasse non mangerebbe.”
“In una società Socialista il lavoratore lavora perchè lavorare è il suo dovere sociale. Questo dovere sociale consiste nel produrre uno sforzo di media portata ricevendone in cambio un salario e al tempo stesso tutti i benefici che la società offre.”.
I benefici che la società (Stato) offre consistono: Energia elettrica, Gas, Acqua, Abitazione (spesso in stato precario), l’Istruzione, la Sanità; queste ultime due, in assoluto, tra le migliori al mondo. E poi i generi di prima necessità: pane, riso, fagioli, pollo, latte, zucchero, uova, ecc…
Con riferimento a questi benefici ho cercato di fare un’analisi di una famiglia come la mia che vive in un paese capitalista; Energia elettrica, gas, acqua, spazzatura, una figlia universitaria, occorre una spesa media mensile di 1200,00 euro. Se poi nel corso dell’anno bisogna ricorrere alle cure mediche o dal dentista e nel caso specifico ho avuto una richiesta per la cura dei denti di mio figlio, pari a 15.000,00 euro e poi occhiali, ticket, medicinali, ricoveri ecc…non capisco come si possa fare.
Senza entrare nel merito delle spese per i beni di prima necessità non capendo bene che cosa, questo capitalismo, ci faccia considerare beni di prima necessità.
In sostanza, mentre a Cuba queste spese non ci sono, come fa, in Italia un lavoratore medio e onesto o a maggior ragione un lavoratore precario o chi un lavoro non lo ha?
Mi viene spontaneo chiedermi. Dov’è la sinistra italiana? Quali valori hanno profuso in questi anni?
Leggo ancora un passo di un discorso del Compagno CHE GUEVARA:
“Rispettare la norma di lavoro e di qualità rappresenta per ogni operaio un dovere sociale nei confronti di tutta la comunità, poiche’ è questa che gli da il lavoro, gli garantisce di sfamare i suoi figli e il minimo indispensabile di benessere sociale, gli fornisce nei limiti della possibile assistenza e servizi pubblici e si preoccupa affinché le sue condizioni di vita migliorino.”.
Una popolazione, la nostra, in cui devi puntualmente affannarti per soddisfare i “Bisogni” che il capitalismo ci impone.
Penso proprio che questi signori del capitalismo ci stiano prendendo in giro, per arricchirsi sempre di più, ci fanno vedere, per mezzo stampa e tv, sempre di loro proprietà, i prodotti che noi dobbiamo consumare.
Ritengo che oggi tutti sentono la necessità di vivere una vita più sana, dove prevalgono i sentimenti, una società civile dove ci si può stare insieme, avere cura dei più deboli. Non è possibile che impegnati come siamo a produrre di più, a dedicare tutti i nostri sforzi alla conquista del “benessere individuale” abbiamo perso tutti i valori civili e umani.
In nome del capitalismo abbiamo tutti i giorni migliaia di giovani che muoino sulle strade per causa di macchine potenti per raggiungere altissime velocità, ma se i limiti sono, in autostrada, di 140 Km. perché costruire macchine da 300 Km. orari? Perché non diamo più spazio a studiare la produzione di macchine elettriche meno veloci, meno inquinanti, per non sentire che le domeniche si debba chiudere il traffico nelle grandi città per far sì che diminuisca l’emanazione di polveri sottili nell’ambiente? E il resto della settimana?
Quanti lavoratori muoiono ogni anno sui luoghi di lavoro? La spiegazione è che non ci possiamo fermare, dobbiamo produrre, produrre, perché i signori del capitale devono essere sempre più ricchi.
E’ possibile che dobbiamo vivere in una società dove ci siano personaggi che guadagnano milioni d’euro al giorno e la stragrande maggioranza si deve accontentare di 1000,00 euro al mese? E i pensionati? E i disoccupati?
E ancora una volta mi faccio la domanda? Dov’è la sinistra che predica il socialismo? Gestisce il potere, un reddito di almeno 20 volte superiore a quello di un comune cittadino e dopo un pò d’anni che esprime tutti i suoi “sforzi” in una sede parlamentare avrà un reddito vitalizio ben congruo e possibilmente la sua brava scorta e una macchina parlamentare a vita.
Riflessione finale: Perché non accontentarci di vivere una vita più sana, più tranquilla, più serena, vivere in una società dove ci si possa voler bene l’uno con gli altri?
SE QUESTO E’ IL “PROGRESSO” CONCLUDO CHE PREFERISCO VIVERE A CUBA.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Daiquiri for president - dal web

    Daiquiri president

    RIPORTO QUA' UN ALTRO SCRITTO PRESO ALTROVE E CHE,COME NEL CASO PRECEDENTE NON POSSO CHE CONDIVIDERE AL 100%ANCHE SE TEMO CHE OLTRE CHE AGLI IDIOTI SI STIA... Leggere il seguito

    Da  Astonvilla
    ITALIANI NEL MONDO, VIAGGI
  • La fine di un mito? - dal web

    fine mito?

    Chissà se il Mitico Chè si sta rivoltando nella tomba, perché certo la Cuba di oggi deve essere molto diversa da quella che lui e Fidel sognavano, quando sulla... Leggere il seguito

    Da  Astonvilla
    ITALIANI NEL MONDO, VIAGGI
  • Vado a vivere a cuba - 1 - dal web

    Vado vivere cuba

    Si parte! Non è facile descrivere cosa mi aveva spinto a trasferirmi a Cuba. Forse è quello che spinge tutti a fare un passo del genere, e cioè un po' il senso... Leggere il seguito

    Da  Astonvilla
    ITALIANI NEL MONDO, VIAGGI
  • Cubane - dal web

    Cubane

    Camminano senza sapere dove andare. E' più che altro una questione di partecipazione: camminano perché farsi vedere è importante e che ne sai? Magari capita... Leggere il seguito

    Da  Astonvilla
    ITALIANI NEL MONDO
  • Il fascino de la habana - dal web

    fascino habana

    Hola gente,stavo leggende i vostri ultimi racconti su Cuba, e mi è venuta voglia di raccontare anche la mia ultima esperienza. Premetto che era il mio 3... Leggere il seguito

    Da  Astonvilla
    AMERICA, MONDO, VIAGGI
  • “Andiamocene dal Titanic!” – Lettera di un laureato 26enne a FdT

    +++SOTTOSCRIVI IL “MANIFESTO DEGLI ESPATRIATI“+++ ABBONATI AL BLOG “LA FUGA DEI TALENTI”, CLICCANDO IN FONDO A QUESTA PAGINA! Riceviamo e pubblichiamo la letter... Leggere il seguito

    Da  Fugadeitalenti
    ITALIANI NEL MONDO, SOCIETÀ
  • Web condicio

    condicio

    L’iniziativa del Presidente del Repubblica Giorgio Napolitano, che ha voluto rispondere pubblicamente mediante il sito web quirinale. Leggere il seguito

    Da  Db
    INTERNET, MEDIA E COMUNICAZIONE

Dossier Paperblog