Magazine Cultura

Un post che mi ha commosso

Creato il 02 giugno 2010 da Stepianii
Un post che mi ha commosso
Ho stima di Sandrone Dazieri. Penso che alla Mondadori abbia fatto un eccellente lavoro e che sia uno dei migliori scrittori italiani. Anche se non l'ho mai conosciuto di persona - cosa che mi dispiace - abbiamo almeno un amico in comune, Tito Faraci, e leggo sempre con piacere anche le sue, purtroppo poche, incursioni Diabolike. E seguo con assiduità il suo blog.Quando poco fa mi sono imbattuto in questo post che parla di serie televisive non ho potuto trattenere un applauso. Anch'io, come lui ho iniziato ad apprezzare le serie americane con Buffy. E anch'io, come lui, ora che 24 è finito - ho visto due giorni fa l'ultima puntata dell'ottava e ultima serie (sigh) - mi sento orfano di Jack Bauer.L'unica cosa che sembra dividerci è Flashforward che a me non ha mai detto nulla ;-)Ma c'è un punto del suo post che mi ha colpito più di tutti gli altri: quello in cui spiega i motivi per cui sceglie di vedere con i suoi amici una serie televisiva piuttosto che un'altra: Individuai ben presto gli elementi che servivano a tenere coeso il gruppo degli amici: prima di tutto nella serie la linea orizzontale (lo sviluppo, cioè, della storia della stagione che si svolgeva puntata dopo puntata)doveva di gran lunga predominare su quella verticale (gli avvenimenti della singola puntata). Poi doveva esservi un mistero da svelare, più o meno complesso: andava bene la magia di Lost come la quest alla bomba nucleare di 24. Poi le puntate dovevano chiudere bene, cioè rilanciando a quella successiva con un colpo di scena, costringendoci a guardarne una dopo l’altra sino a che gli occhi ci si chiudevano per il sonno. E ci piacevano i dialoghi ironicie scoppiettanti, i personaggi sopra le righe.In questi giorni sto ultimando con alcuni colleghi - gli stessi di cui ho parlato in questo post - la bibbia di una serie per Mediaset. E' una cosa piuttosto strana per la televisione Italiana: un mistery con una forte componente soprannaturale. Beh, non ci crederete, ma quelle esposte da Sandrone sono esattamente le caratteristiche che ho enunciato nella pagina di presentazione del progetto: 1) Una forte linea orizzontale. 2) Un mistero intrigante e avvincente che verrà ricostruito puntata dopo puntata e svelato solo nell'ultimo episodio. 3) Un Cliffhanger alla fine di ogni episodio che costringa lo spettatore a risintonizzarsi su Canale 5 la settimana seguente. 4) Dialoghi secchi e poco didascalici. 5) Personaggi di contorno fortemente caratterizzati.Non so se Mediaset ce l'approverà, ma ora sono più sicuro di avere colpito del segno.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Incipit “UN OSPITE A VERSAILLES” Ed. lulu.com

    Incipit OSPITE VERSAILLES” lulu.com

    Versailles, 1769 “Non riuscirò mai ad innamorarmi di nessun altro uomo”. Sophie non aveva occhi che per lui, il conte Charles Mercier. Alto, biondo, occhi... Leggere il seguito

    Da  Samilla
    CULTURA, LIBRI, ROMANZI
  • Riflessioni di un autore

    A distanza di una settimana dall’uscita di Tutta colpa di Miguel Bosé ho capito che chi ha letto il libro si è molto divertito e lo ha consigliato in giro. Leggere il seguito

    Da  Anellidifum0
    CULTURA, LIBRI
  • La storia di un matrimonio

    storia matrimonio

    di Andrews Greer -  Guanda Sì, tutto quello che volete, la tenacia della moglie, le insidie omosessuali, il passato in guerra, il figlio poliomelitico, i neri,... Leggere il seguito

    Da  Paolob
    CULTURA, LIBRI
  • Un mondo a puttane

    mondo puttane

    La settimana scorsa, in una di quelle sere in cui mi fiondo fuori dall’ufficio e corro verso Milano a bordo della mia Penelope Pizzo Mobile, mentre guidavo vers... Leggere il seguito

    Da  Elenatorresani
    ATTUALITÀ, CULTURA, LIBRI
  • Poesie per un no

    Poesie

    Roberto Rossi Testa, Poesie per un no, Nino Aragno Editore Molte cose, magari anche contraddittorie, rappresenta e contiene l’ultimo libro di versi di Roberto... Leggere il seguito

    Da  Fabry2010
    CULTURA, LIBRI, POESIE
  • Un pezzettino dal nuovo Lansdale...

    pezzettino nuovo Lansdale...

    «Leonard ruotò su sé stesso e si udì uno sparo e tutto quanto si illuminò per un attimo e una pallottola sibilò in aria e andò a conficcarsi nella parete. Lo... Leggere il seguito

    Da  Omar
    CULTURA, LIBRI
  • L’ altra citta’: un libro quasi film

    altra citta’: libro quasi film

    Di “cartonati” belli ne abbiamo visti tanti. Ma questo merita una particolare attenzione. Ci mostra una città con i suoi abitanti, quella che non vediamo... Leggere il seguito

    Da  Viadellebelledonne
    CULTURA, LIBRI

A proposito dell'autore


Stepianii 56 condivisioni Vedi il suo profilo
Vedi il suo blog

L'autore non ha ancora riempito questo campo L'autore non ha ancora riempito questo campo L'autore non ha ancora riempito questo campo

Magazines