Magazine Italiani nel Mondo

Un seme nella neve

Creato il 17 febbraio 2013 da Bartleboom
Un seme nella neve
Ero nei boschi di Tērvete, un giorno della scorsa estate, quando mi arrivò una telefonata. Mi dicevano che Knuts Skujenieks mi voleva vedere.
Skujenieks è uno dei più grandi poeti lettoni contemporanei. Aveva letto la mia traduzione di "Poga" (la sua poesia più conosciuta), gli era piaciuta, voleva conoscermi.
Due giorni dopo mi misi in viaggio per Salaspils, dove il poeta vive. La prima cosa che ti colpisce, incontrandolo, è il sorriso. Un sorriso buono e generoso. Lo avevo visto, in tante foto, in diverse occasioni anche in televisione. Ma quel sorriso, che mi accolse nella sua casa con l'orto, in una viuzza di Salaspils, era ancora più bello e più buono di quanto immaginassi.
E' stata una delle cose più belle che mi siano capitate. Conoscere Knuts, entrare nelle stanze dove sono le sue carte, i suoi libri, vedere il soppalco dove scrive. Conoscere Inta, la sua straordinaria moglie, colei che ha custodito le poesie che lui le spediva dal gulag in Mordovia dove ha passato sette anni, che è stata i suoi "occhi sul mondo" durante gli anni della deportazione, che gli spediva libri e riviste letterarie, che ha atteso il suo ritorno.
Sono venuto via quel giorno da casa Skujenieks con alcuni libri autografati e con una frase di Knuts: continua a tradurre le mie cose.
Un seme nella neve
Ne è nata questa cosa, che ho appena pubblicato su Biblioteca Baltica: la traduzione di alcune poesie e di qualche frammento delle lettere scritte dalla deportazione. "Un seme nella neve" è il titolo della raccolta delle poesie che Skujenieks ha scritto durante gli anni del gulag. Venne arrestato il 17 aprile del 1962 a Ventspils, con l'accusa di attività antisovietica. Aveva 26 anni. Da pochi mesi si era unito in matrimonio con Inta. Fu condannato a 7 anni di lavori forzati da scontare in un gulag in Mordovia.
Aveva il diritto di spedire due lettere al mese. Insieme alle lettere inviava alla moglie e agli amici anche le sue poesie. In quegli anni scrisse un migliaio di poesie. Un quinto di esse composero la raccolta "Sēkla sniegā" (Un seme nella neve), che fu pubblicata in Lettonia per la prima volta nel 1990.
Sniegs apdzēš rudeņa svilumu – La neve smorza l’ocra autunnale
(1964)

Sniegs apdzēš rudeņa svilumu.
Un debesis atgūst zilumu.
Un sarkans, aprūpēts, pazīdīts,
Bez skaņas mirkšķina acis rīts.
Kāpj saule lēnām – jo nav kur skriet,
Iet pasaule tā, kā tai vajag iet.
Un pats tu, kad redzi, cik diža diena,
Vairs negribi skriet ar pieri sienā,
Tev vajag izšķetināties no miega
Un rāmu sēklu sēt dziļi sniegā.
Tā runāt, tā rakstīt, tā dēstīt un sēt,
Lai tevi vairs nevar nonāvēt.
Tad kādi mākoņi pasauli stīpos,
Bet saule ripos, bet saule ripos,
Tad kādas miglas pār apvāršņiem svīdīs,
Bet saule smiesies un zemi zīdīs.
Un pats tu jutīsi saules pienu
Ar katru nakti, ar katru dienu.La neve smorza l’ocra autunnale.
E il cielo riacquista il suo blu usuale.
E rosso, curato e pasciuto
occhieggia il mattino muto.
Sale lento il sole – non si deve affrettare
Va il mondo, così come deve andare.
E tu stesso di fronte a un giorno di tal quiete,
non vuoi più sbattere la testa alla parete
divincolarti dal sonno, questo ti preme,
e nella neve affondare un quieto seme.
Parlare, scrivere, piantare e seminare,
così, perché non ti possano più ammazzare.
Seppur dalle nuvole la terra è avvolta,
il sole ruota, il sole ruota,
Per quanta nebbia l’orizzonte serra,
sorride il sole e allatta la terra.
E tu stesso del sole assaporerai il latte
per ogni tuo giorno, per ogni tua notte.

Continua su Biblioteca Baltica

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Un respiro di otto giorni

    respiro otto giorni

    L'umidità che toglie il respiro,la voce metallica proveniente dal registratore del fruttivendolo che attraversa le strade infuocate,la nostra pelosetta Sunny ch... Leggere il seguito

    Da  Chandy
    ITALIANI NEL MONDO, VIAGGI
  • Un pugno nell’occhio

    pugno nell’occhio

    Peppino Impastato in un quadro di Pino Manzella Non trascorrevo un 9 maggio a Cinisi da parecchi anni. La vita di chi vive all’estero, per scelta o... Leggere il seguito

    Da  Italianiaparigi
    ITALIANI NEL MONDO, VIAGGI
  • Come vincere un Coco

    Come vincere Coco

    foto di cocoroni.net Salve gente vi avevo annunciato di un piccolo regalo che mettevo in palio solamente per voi. Credevo che avrei avuto parecchio tempo al... Leggere il seguito

    Da  Wanesia
    ITALIANI NEL MONDO, PER LEI, VIAGGI
  • Un dinosauro in giardino

    dinosauro giardino

    Lo scheletro di un possente mammouth Se avete voglia di ricreare il mitico mondo di Jurassic Park nel giardino di casa vostra, non perdete la vendita all’asta... Leggere il seguito

    Da  Italianiaparigi
    ITALIANI NEL MONDO, VIAGGI
  • Un parto inaspettato

    parto inaspettato

    Il reparto bagagli del supermercato Auchan, nel centro commerciale Les Quatres Temps, è stato lo scenario ieri mattina di un lieto e inaspettato evento. Leggere il seguito

    Da  Italianiaparigi
    ITALIANI NEL MONDO, VIAGGI
  • Per un maledetto dollaro al giorno

    maledetto dollaro giorno

    La lurida bufala del famoso dollaro al giorno1 Bassa marea Nella enorme quantità di panzane che ci vengono riversate ogni giorno addosso ce n’è una che merita u... Leggere il seguito

    Da  Unaltrosguardo
    ATTUALITÀ, FOTOGRAFIA, ITALIANI NEL MONDO, SOCIETÀ, SOLIDARIETÀ, VIAGGI
  • Un sabato fa.

    sabato

    (Continua da qui) “Aspettate qui, ok?!”“Tranquilla, non ci muoviamo”. Con “Qui”, nello specifico, si intende il vialetto antistante l'uscita secondaria della... Leggere il seguito

    Da  Ilariadot
    ITALIANI NEL MONDO, VIAGGI