Magazine Curiosità

Un super ammasso di galassie distante 7 miliardi di anni luce

Creato il 16 gennaio 2012 da Astrofilicentesi

Un'immagine composita di 'El Gordo', l'ammasso galattico  ACT-CL J0102-4915 (Fonte: raggi X: NASA/CXC/Rutgers/J. Hughes et al; Ottico: ESO/VLT & SOAR/Rutgers/F. Menanteau; IR: NASA/JPL/Rutgers/F. Menanteau) Un'immagine composita di 'El Gordo', l'ammasso galattico ACT-CL J0102-4915 (Fonte: raggi X: NASA/CXC/Rutgers/J. Hughes et al; Ottico: ESO/VLT & SOAR/Rutgers/F. Menanteau; IR: NASA/JPL/Rutgers/F. Menanteau) Un super ammasso di galassie distante 7 miliardi di anni luce Si chiama 'El Gordo' (il ciccione) il piu' grande ammasso di galassie individuato nell'universo giovane. E' distante sette miliardi di anni luce ed e' stato osservato dagli occhi ai raggi X del telescopio spaziale Chandra della Nasa, in collaborazione con il Very Large Telescope (Vlt) del deserto di Atacama in Cile.
Noto con la sigla ACT-CL J0102-4915, El Gordo e' un enorme ammasso di materia tenuto insieme dalla forza di gravita' formato da gruppi di stelle e galassie. Secondo i ricercatori studiarlo potrebbe aiutare a saperne di piu' sulla materia oscura, la materia misteriosa che occupa il 25% dell'universo. E' una materia invisibile in quanto non interferisce con la luce, ma puo' essere osservata indirettamente tramite gli effetti gravitazionali che esercita sulla materia visibile di stelle e galassie. Sono attese risposte importanti anche sull'energia oscura, un'altra componente misteriosa dell'universo, che lo occupa per circa il 70%: e' una forma ipotetica di energia che pervaderebbe tutto l'Universo e che provocherebbe una costante 'spinta' espansiva.
''Gli ammassi galattici come questo sono proprio gli strumenti che ci possono aiutare a svelare questi misteri'', ha spiegato Jack Hughes, dell'americana Rutgers University di New Brunswick. ''Vogliamo infatti capire - ha aggiunto - se i modelli che abbiamo elaborato siano in grado di spiegare l'esistenza di questi oggetti''.
© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazines