Magazine Cultura

un taglio netto tra i canyons...

Creato il 30 gennaio 2011 da Omar
un taglio netto tra i canyons...Danny Boyle, premio oscar nel 2009 per The Millionaire, assurse alla ribalta nell'ormai lontano 1996 con quel grande film che era (e senza dubbio è) Trainspotting. In seguito ha commesso alcuni inevitabili passi falsi, ma la qualità del suo lavoro è rimasta sempre altissima raggiungendo in taluni casi punte d'indubbio splendore - come ad esempio con la fantascienza intrisa di filosofia di Sunshine (2007) e, in misura solo un filino minore, col truculento e zombesco 28 giorni dopo (2002). L'ultima pellicola del cineasta britannico s'intitola 127 Hours, concorre nuovamente alla prestigiosa statuetta con un gruzzolo di ben sei nomination e conferma l'assoluta versatilità di un artista sempre originale e imprevedibile: il film, infatti, racconta l’incredibile storia (vera) dell’alpinista Aron Ralson, interpretato da James Franco, che rimase intrappolato tra le falde rocciose d'un canyon nello Utah e sopravvisse mozzandosi con un coltellino (dopo ben 127 ore, appunto!) l'arto maciullato sotto una gigantesca pietra.Boyle affronta il carico di toccante immedesimazione insito nella vicenda con la consueta, superlativa capacità di stupefazione visiva: propone infatti l’esperienza estrema di Ralston con i ralenti, gli split-screen e i fast-forward, le soggettive impensabili e i raddoppi di formato (la telecamerina, come nel suo amato/oun taglio netto tra i canyons...diato The Beach) che sono consoni alla sua cifra, ma anche con un pudore e una lucidità che negli ultimi lavori aveva forse un po' perduto. E così, al ritmo di una colonna sonora indovinata e coinvolgente (il regista su questo versante l'ha sempre saputa lunga) lo spettatore empatizza sin dai primi istanti col protagonista, apprezzandone lo slancio vitale e il puro, giovanile amore per la libertà (qualcosa che, almeno a principio, riporta alla memoria l'Alex Supertramp di quell'altro gioiello che era Into The Wild), salvo assistere impotente alla sua caduta a strapiombo tra due pareti di roccia durante una delle rischiose e solitarie partite di climbing. Da lì in poi il film discende senza risparmiarci alcunché gli inferi della sete, della solitudine e della disperazione, con moderato (e intelligente) utilizzo di flashback nonché un sapiente ricorso ai sogni dello sventurato. Poi arriva il taglio: crudo, sanguinolento e definitivo. E la tensione sale alle stelle. L'intera architettura, va detto, si regge pressoché esclusivamente sulle doti di direzione attoriale di Boyle, cosicché il bravo Franco (era solo un bellimbusto in Spiderman, dopotutto) da sì una prova di talento riuscendo - col solo primo piano - a costruire un personaggio irto di contraddizioni, dalla straordinaria forza d’animo, va però sottolineato che è la peculiare struttura narrativa dell'opera a regalargli il centro assoluto della scena per cui il dominio dell'attore appare incontrastato per dovere di script. Al termine di un’esperienza cinematografica sinceramente potente, si perdona quindi all'autore il finalino forse troppo telefonato (anche se veder comparire il vero Ralstom col suo moncherino produce il suo bel pugno nello stomaco). Emozionante.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • TFF28 – 127 ore – un grande Danny Boyle

    TFF28 grande Danny Boyle

    Danny Boyle si appresta a diventare uno dei maggiori registi in circolazione. L’assidua frequentazione del mondo filmico mi porta raramente a commuovermi di... Leggere il seguito

    Da  Soloparolesparse
    CINEMA, CULTURA
  • Premio Sunshine

    Premio Sunshine

    Grazie mille ai blog Imagination, Bookaway, L'ora del libro, Sognando leggendo, Welcome to bookland, Il magicomondodeilibri, Bookaholicsdiary, Lasciamileggere... Leggere il seguito

    Da  Weirde
    CULTURA, LIBRI
  • Premio Sunshine

    Premio Sunshine

    Gioia, gaudio e tripudio!!!! :D Siamo stati insigniti del Premio Sunshine! Grazie infinite a Fragola che ha pensato che il mio piccolo blogghino meritasse un... Leggere il seguito

    Da  Phoebes
    CULTURA, LIBRI
  • Sunshine Award

    Sunshine Award

    Ringrazio gli amici di Taccuino all'Idrogeno che mi premiano con un Sunshine Award. Non si pensi ad una cerimonia imbellettata o ad un riconoscimento infarcito... Leggere il seguito

    Da  Angeloricci
    CULTURA, LIBRI
  • Sunshine Award

    Sunshine Award

    Che bello, un premio!!!Il Sunshine Award!No, non sono ironica, sono proprio contenta... è un pomeriggio piuttosto uggioso e mi ci voleva proprio, quindi... Leggere il seguito

    Da  Valepi
    CULTURA
  • Hello Sunshine

    Hello Sunshine

    Ringrazio di cuore Samantha Baldin di Libriecaffelatte per avermi citato nella simpatica iniziativa della blogosfera, il Sunshine Award. Inutile dire che fa... Leggere il seguito

    Da  Mcnab75
    CULTURA
  • Sunshine Award

    Considerato che si tratta proprio del mio turno, ringrazio Appunti di carta e Marco del blog Dei libri passati presenti e futuri per avermi conferito un... Leggere il seguito

    Da  Antonio Maccioni
    CULTURA

Magazine