Magazine Cinema

Un tentativo di Realscienza sprecato

Creato il 23 giugno 2011 da Dylandave

Un tentativo di Realscienza sprecato

- 6 Giorni sulla Terra – 2011 - ♥ e 1\2 -

di

Varo Venturi

Il genere fantascientifico è un tipo di cinema che in Italia non ha mai attecchito più di tanto, quindi sicuramente questo tentativo di Varo Venturi di parlarci di Alieni scegliendo come scenario la nostra Roma vale sicuramente l’ interesse di almeno una visione. Purtroppo però Varo Venturi, nonostante si professi un accanito sostenitore delle abduzioni da parte degli alieni e della manipolazione mentale che questi esercitano su di noi attraverso svariate forme, il suo film risulta essere solamente un enorme calderone di tutte queste teorie, senza però mai essere in grado di esporle in maniera cinematograficamente coinvolgente per lo spettatore. Ovviamente per lo spettatore che non ha alcuna nozione a priori di tutte queste teorie e decide di approcciarsi al film come un qualsiasi spettatore desideroso di godersi un film di fantascienza. E’ già infatti in questa catalogazione di genere però che il regista pone il suo primo accento, tenendoci a specificare che il suo è un film di realscienza e che intende mostrare quella che per lui è la vera realtà. Ecco allora che con questa presunzione si può subito capire che è impossibile produrre un film che risulti gradevole a un pubblico vasto e che magari si trova in disaccordo con la sua visione del mondo. Soprattutto poi se il prodotto finale contiene al suo interno numerose pecche stilistiche e tecniche. Tralasciando gli evidenti difetti nel mixaggio sonoro,  vi sono in 6 Giorni sulla terra delle  indiscutibili lacune sia nella sceneggiatura che nella recitazione degli attori. I buchi di sceneggiatura presenti nel film spesso non ci fanno comprendere in pieno i perchè di certe azioni dei protagonisti (o forse il regista compie il grossolano errore di darne per scontate le ragioni), e  rendono l’ intero prodotto narrativamente confuso e diviso a metà tra la sua evidente ostentazione di effetti visivi e il linguaggio degli iniziati, a tutti i costi inserito in maniera frequente. La recitazione inoltre è di evidente stampo televisivo e in ogni battuta denota un enfasi talvolta inopportuna che molto ricorda quella che spesso si vede nelle fiction. E’ un peccato perchè infondo alla base sembra evidente che da parte del regista c’è una ricerca e una dedizione all’ argomento molto chiara. Non a caso il regista si è avvalorato dell’ aiuto in fase di sceneggiatura di un esperto in materia come il professore Corrado Malanga. Molte delle teorie esplicate nel film sicuramente non avranno difficoltà infatti ad appassionare chi è molto convinto di queste dottrine o chi non sia di certo un iniziato alle tesi complottistiche di David Icke. E’ proprio per questa ragione che 6 Giorni sulla terra potrà più facilmente interessare un pubblico “militante” all’ interno di tali dottrine che chi invece sarà solamente interessato all’ opera cinematografica. Per quanto mi riguarda è sicuramente un’ occasione sprecata di una teoria cinematograficamente originale, che sarebbe però risultata maggiormente interessante senza la pretesa di convertire il suo spettatore ad essa.

Un tentativo di Realscienza sprecato

( Ipnosi aliena)
Un tentativo di Realscienza sprecato
( Imbarazzanti effetti speciali)

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Un libro

    libro

    Dopo una lunga vacanza dal mio blog è ora di ricominciare ad aggiornarlo un po'!Il metodo migliore è quello di iniziare con un piccolo capolavoro illustrato... Leggere il seguito

    Da  Milena Z
    CULTURA, LETTERATURA PER RAGAZZI, LIBRI
  • Un trionfo!...

    trionfo!...

    "XXVI Stagione del Teatro in Dialetto triestino", IV edizione premio "L'Armonia"per il miglior interprete maschile, the winner is: ROBERTO CRESO! Leggere il seguito

    Da  Icocaits
    CULTURA, PALCOSCENICO, TEATRO ED OPERA
  • Un gradino

    gradino

    Uno ha un bel dire vabbe' dai provo a non parlare sempre delle stesse cose, ché tanto lui sta già qui sopra, con quel cappellino da sfigato e il gesto con le... Leggere il seguito

    Da  Robomana
    CULTURA
  • Un giorno, un cane

    giorno, cane

    di Gabrielle Vincent Gallucci – p.64 – e.16,50Torna l’estate e torna la sciagurata pazzia italica di sbarazzarsi dei nostri amici cani e gatti che ci hanno fatt... Leggere il seguito

    Da  Centostorie
    CULTURA, LETTERATURA PER RAGAZZI, LIBRI
  • un inglese, un tedesco e un italiano

    In coda per l’ingresso agli Uffizi, una coda lunga, estenuante, di quelle che ti fanno passare la voglia delle gite culturali nei giorni in cui tutti fanno le... Leggere il seguito

    Da  Plus1gmt
    CULTURA, OPINIONI, SOCIETÀ
  • Un terzo

    terzo

    La Top 5 del sabato viene eccezionalmente rinviata a lunedì, dove avrete modo di leggere una speciale classifica "programmatica" di inizio stagione.Questo week... Leggere il seguito

    Da  Mcnab75
    CULTURA
  • - Un anno -

    anno

    Un anno è un anno.E fin qui siamo tutti d’accordo!Se i numeri fossero sufficienti a raccontare una storia, la nostra direbbero più o meno questo: 22 autori,... Leggere il seguito

    Da  Kritica Della Ragione
    CULTURA

Dossier Paperblog

Magazines