Magazine Famiglia

Un uomo solo al comando, di nulla

Da Paolob
Uno crede di avere tutti gli strumenti, con l'età, per essere in grado di superare tutto, ma proprio tutto - sì con qualche disagio e tristezza - senza colpo ferire.
E invece la scorza presunta, l'immagine che vuoi dare, la parte che hai scelto di interpretare, di fronte alla morte, crolla. Crolla tutto.
Crolla tutto, in particolare perché la morte di mio padre ha coinciso con il fatto che ormai non ho più genitori.
È sostanziale. Il problema, se così lo vogliamo chiamare, non è che sia orfano. La parola orfano viene usata, nell'immaginario letterario soprattutto nel secolo scorso, per essere accompagnata a bambini soli e persi nel mondo, con tutti i risvolti drammatici e strappalacrime dei migliori/peggiori romanzi d'appendice.
Un adulto non è orfano. Quando definitivamente la natura fa il suo corso, un giorno ti ritrovi semplicemente e violentemente solo.
Ti ritrovi senza punti di riferimenti storici, senza i loro ricordi, senza i loro racconti. Ti ritrovi con una casa piena di vite vissute ormai muta, polverosa, abbandonata, vuota.
La morte di un genitore ti costringe a fare i conti con il tuo passato. E rimane in vita la speranza di spiegare, di capire, di continuare a sperare.
Ma la morte di 'tutti' i genitori è, scusate il gioco macabro di parole, tombale.
Non puoi capire più nulla, non puoi dire più nulla, non puoi raccontare più nulla.
A chi?

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Stupore è un sospiro

    Stupore sospiro

    Più delle sette meraviglie e molto più che se mi trovassi, io così piccolo, ai piedi dell'Everest: è impossibile cogliere l'immensità nel suo insieme. Rimane... Leggere il seguito

    Da  Cristiano
    FAMIGLIA, SOCIETÀ
  • Ho creato un mostro!

    Eleonora mi ha raccontato che alcuni dei suoi compagni di classe hanno le console portatili tipo il Nintendo DS e che uno l'aveva fatta giocare e si era molto... Leggere il seguito

    Da  Stefanod
    FAMIGLIA, SOCIETÀ
  • La saggezza di un ragazzino

    Ho comprato a mio figlio un piccolo borsello a tracolla. Più che altro era un'idea per fargli portare il telefonino con sè ogni volta che esce da solo o con... Leggere il seguito

    Da  Mamma Non Basta
    FAMIGLIA, SOCIETÀ
  • Pianta un albero!

    Pianta albero!

    Bellissima iniziativa quella di DoveConviene.Viene piantato un albero per ogni blog che aderisce, per sopperire alla produzione di CO2 che viene... Leggere il seguito

    Da  Slela
    FAMIGLIA, MATERNITÀ, SOCIETÀ
  • Un cuore a gruviera (Racconto)

    Il mio cuore a gruviera si sta lentamente rimarginando. Stanotte te lo posso dimostrare. Dovrai credermi e fidarti. Ti accarezzo i capelli scompigliati e... Leggere il seguito

    Da  Mamma Non Basta
    FAMIGLIA, SOCIETÀ
  • Un suono che dà gioia

    È sera. Anette è fuori a prendere gli ultimi regali ed io sono a casa con le bimbe. Alle nove di sera in teoria dovrebbero già essere a letto.In teoria. Leggere il seguito

    Da  Stefanod
    FAMIGLIA, SOCIETÀ
  • "Inventarsi" un sabato

    "Inventarsi" sabato

    Anette oggi è via tutto il giorno per una möhippa (addio al nubilato). A me quindi il compito di "inventare" un sabato con le bimbe. Leggere il seguito

    Da  Stefanod
    FAMIGLIA, SOCIETÀ

Dossier Paperblog

Magazines