Magazine Diario personale

Una bambina non ancora donna

Creato il 08 marzo 2012 da Cristiano @sosmammo
Una bambina non ancora donna
Ancora una volta sul solito treno: nel giorno della festa delle donne, una bambina non ancora donna è in piedi affianco al padre con cui parla e al quale racconta piccole cose. Cose da bambina, poco importanti, evidentemente. E infatti il padre la guarda, ma è come se non lo facesse, e non la sta neppure a sentire, preso dai suoi grandi pensieri da adulto.  Risponde con distrazione a domande probabilmente già sentite, come se non fosse a conoscenza del fatto che sono sempre le stesse le domande che facciamo, mentre invece sono le risposte che aspettiamo a dover essere ogni volta diverse, a seconda delle situazioni. Le domande, per il solo fatto di esistere, rappresentano sempre delle questioni aperte e ammettono infinite possibilità. Non stupiamoci, dunque, delle domande: non è da stupidi il ripeterle, soprattutto e finché non arrivano le risposte che attendiamo. E' invece la sufficienza con cui a volte si risponde a non essere ammissibile, anche se ogni scelta è libera e ognuno può fare ciò che vuole dei propri pensieri. E il padre è libero di trascinare una risposta scontata dopo l'altra, come se volesse far rotolare nel fango un carro colmo di mattoni e poi li gettasse da una rupe anziché costruirci una casa.  E io, che sto a guardare, col mio pensiero a mia volta libero incomincio a immaginare quella bambina non ancora donna non più su un treno che va sempre avanti e che ogni tanto si ferma nelle stazioni designate, ma su di un'altalena che vola in alto e torna quaggiù e che, ogni volta che sale, le permette di staccarsi dalla realtà e di sognare.  Questo è il regalo che le faccio nel giorno della festa delle donne: di trovare delle risposte nella fantasia se nel mondo non glie ne danno. E di restare per sempre una bambina che viaggi su un'altalena anche quando sarà diventata una donna. Una donna che continui a domandare, a occhi chiusi e senza mai fermarsi in nessuna delle stazioni che incontrerà lungo il suo viaggio.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Una ferita

    È il 1985, 21 novembre. Entro nell’aula magna dell’Università di Pisa per discutere la mia tesi su “Il Signore degli Anelli.” Socialfobica come sono, non... Leggere il seguito

    Da  Patrizia Poli
    DIARIO PERSONALE, UNIVERSITÀ
  • una mamma -quasi- normale.

    mamma -quasi- normale.

    sono una mamma normale che ieri finalmente è andata a fare la visita di controllo dal pediatra insieme al suo bambino. nonostante tutto…che emozione! Leggere il seguito

    Da  Leucosia
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Una tragedia?

    tragedia?

    Non sono un esperto di politica internazionale (per quanto sia molto più interessante di quella di casa nostra), pertanto è forse per questo che non riesco a... Leggere il seguito

    Da  Aquilanonvedente
    DIARIO PERSONALE, POESIE, TALENTI
  • Lavorare, una parola grossa

    Lavorare, parola grossa

    Questa mattina ho incontrato il mio amico Luigi che non vedevo da qualche tempo. Lui era il proprietario di una concessionaria d' automobili con un notevole... Leggere il seguito

    Da  Iosonoarrabbiato
    DIARIO PERSONALE
  • Colpa di una foto

    Forse colpa di questi giornate piovose, forse della malinconia che mi sento dentro, forse non lo só, ma m'imbatto in una foto, chissá come, chissá perché, di... Leggere il seguito

    Da  Selena
    DIARIO PERSONALE
  • una bella “pelleggiata” insieme!

    bella “pelleggiata” insieme!

    Domenica mattina, intorno alle dieci…domando a bruciapelo: -chicco sei pronto per una bella passeggiata con mamma e papà ? in macchina? -una bella... Leggere il seguito

    Da  Leucosia
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Una burla ben riuscita.

    burla riuscita.

    di Italo Svevo - Introduzione di Paolo Rumiz - La Biblioteca di Repubblica.Questo è uno di quei libricini in allegato con il giornale: quei regali che ti fa la... Leggere il seguito

    Da  Tazzina
    DIARIO PERSONALE, LIBRI

Magazine