Magazine Diario personale

Una canzone, un ricordo: SENTIMENTO

Creato il 23 agosto 2012 da Maris

Cara Lilli,

devi sapere che il mio papà, cultore di musica classica, di canzoni classiche napoletane e comunque di musica leggera della sua giovinezza, non riusciva quasi mai ad apprezzare le canzoni moderne (più o meno dagli anni '80 in poi). Diceva che spesso e volentieri erano "rumore" e non musica e che i cantanti moderni non cantavano ma "gridavano" :-)

Però c'erano delle eccezioni ogni tanto e capirai che essendo poche non posso non ricordarmele!

Ad esempio, rimase molto colpito dalla canzone vincitrice del Festival di Sanremo del 2000, che arrivò alla vittoria forse un pò a sorpresa perchè non era esattamente un brano nazional-popolare: parlo di SENTIMENTO della Piccola Orchestra Avion Travel.

Una canzone che devo dire piacque subito molto anche a me e che ascolto tanto volentieri anche adesso: un testo bellissimo ("Sul mare luccica la nostra barca tesa nel vento il suo nome è Sentimento...") ,  un'arrangiamento originale, un'atmosfera particolare.

E il mio pensiero quando la riascolto va non solo a mio padre ma anche a mia madre, che pure apprezzava questo brano: ho davanti agli occhi l'immagine di lei che gira allegra per la stanza accennando una danza sulle note del meraviglioso ritornello con in braccio il suo primo nipotino (figlio di mio fratello) di pochi mesi...

Quel ritornello, ancora oggi, mi suscita tanta emozione, con la sua melodia coinvolgente e con le sue parole intense..."Sopra il mare non passa mai il tempo...tempo che non passa mai...ci cercò, ci trovò"...

 

SENTIMENTO (Avion Travel) (2000)

Sul mare luccica la luna in transito

biancheggia il corpo di una bestia acquamarina

ed è un incrocio tra il cielo e il fondo

cosa mai vista s'inabissa quando s'alza

maronna mia questo cos'è

Castellammare pesce non ce n'è

Sul mare luccica la nostra barca

tesa nel vento il suo nome è sentimento

stella d'argento sono contento

tu m'hai portato nella mano in cima al mondo

stiamo a vedere quando uscirà

con gli occhi cosa ci domanderà

na na na....

Sopra il mare non passa mai il tempo

tempo che non passa mai ci cercò ci trovò

 

Ma noi chi siamo che ci facciamo

cosa vendiamo delle cose che più amiamo

e stare soli in mezzo al mare

con la paura ogni tanto di affogare

Diceva Ulisse chi m'o ffafà

la strana idea che c'ho di libertà

na na na....

Sopra il mare non passa mai il tempo

tempo che non passa mai ci cercò ci trovò

 


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Dossier Paperblog

Magazine