Magazine Attualità

Una modesta proposta per eliminare definitivamente i piccioni e i barboni dalle nostre città

Creato il 20 giugno 2014 da Abattoir

Antihomeless2

come-cacciare-via-i-piccioni_96d474c2f6c98e48c5bc06a215133874

Vorrei sottoporvi alcune considerazioni riguardanti la Salute Pubblica che credo possano interessarvi nel breve come nel lungo periodo.
Inizierei parlando degli spuntoni metallici anti-cacca-di-piccione sui bordi dei palazzi e nei pressi dei monumenti e dei siti d’arte.
Per quanto non provi alcuna empatia né tanto meno solidarietà verso questi animali, trovo tale soluzione fortemente scorretta. Se un animale vuole trovare un attimo di riposo, defecare tranquillamente e parlottare con gli amici, non glielo si deve impedire. Sarebbe una vittoria di Pirro, una bassezza morale, irrispettosa nei confronti del diritto trans-specista del riposo e del bivacco.

Eppure, se il piccione e i suoi escrementi diventano un serio problema per la salute dell’uomo e per le sue opere d’arte, bisogna fare qualcosa.
Ma, cari Signori, gli spuntoni logicamente, non risolvono nulla, spostano il problema altrove.
Dovrà pur cacare questo piccione!

Propongo alle Autorità competenti, di accettare questo modesto consiglio: al posto degli spuntoni, infima espressione di una superiorità dei mezzi ma non dell’intelletto, perché non mettere delle briciole avvelenate? Secondo i calcoli degli esperti, se le superfici sensibili fossero cosparse di veleni ad azione immediata, si risparmierebbe circa il 75% del bilancio annuo.
Per una semplicissima ragione: il costo di un’impresa di pulizia per rimuovere i cadaveri dei piccioni in un mese è molto più basso del costo delle ripetute pulizie di strade e piazze nell’arco di sei mesi.
Così con una semplice mossa, avremmo risolto il problema degli escrementi hic et nunc ed anche in futuro.

La domanda che mi porrete l’ho già anticipata: “E con gli animalisti? Come la mettiamo?”. Molto semplice, ricordate loro le leggi della Natura che vanno al di là della semplice realtà fattuale.

Da che mondo è mondo, la natura si è sempre auto-regolata in questi modi. Quando una specie diventa pericolosa per un’altra (e in questo caso i piccioni sono portatori di malattie e potenziali epidemie), quella più forte la elimina fisicamente, o almeno, ne contiene i numeri così da imporsi come dominante e continuare a esistere. Di conseguenza, si potranno creare leggi speciali per far fronte al problema collaterale degli animalisti, per i quali non consiglio l’eliminazione fisica, in quanto la maggior parte di loro è molto ben integrata nel mercato del lavoro. Alcuni esempi potrebbero essere la chiusura dei siti internet, delle sedi associative, fermi di polizia massivi, accuse di terrorismo e perquisizioni notturne.

Spostare il problema non è una soluzione, eliminarlo lo è.

Propongo in postilla una serie di misure per risolvere, infine, un altro gravoso problema che, come quello dei volatili, rischia di diventare una seria minaccia: i senzatetto.

Le misure di contenimento adottate finora, come abbiamo già analizzato precedentemente, oltre ad essere scorrette, de-territorializzano i senzatetto e li rendono incontrollabili.
Non credo che il vostro desiderio sia quello di un’invasione di senzatetto erranti per le città perché non sanno dove distendersi…
Dunque, propongo soluzioni efficaci e poco costose. Al posto degli sciocchi spuntoni, dolorosi e inefficaci, non fare assolutamente nulla dal punto di vista architettonico e ricreare i marciapiedi e le panchine come erano prima.
Così, una volta ristabilito l’ordine nel quotidiano del clochard, questi si sentirà sicuro e penserà di non dover temere nulla. Il momento sarà propizio e allora si metterà in scena una grande distribuzione nazionale di pasti gratuiti dei “Ristoranti del Cuore” che saranno avvelenati con sostanze poco costose ed altamente tossiche per l’uomo che porteranno alla morte i senzatetto nel giro di 12-20 ore.

Il solo inconveniente di questa tecnica è il lasso di tempo in cui il senzatetto tornerà a vivere disteso sui marciapiedi e negli angoli degli uffici. Si chiederà perciò un temporaneo ma efficace sacrificio per i cittadini.

Dal punto di vista legale non credo vi sia nulla da temere. Gli animalisti di solito tendono a non considerare la specie umana come facente parte delle loro rivendicazioni.

Nella speranza che le mie proposte siano di pubblica utilità, vi ringrazio per il tempo e l’attenzione concessimi.

 


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • NON c’era una volta

    c’era volta

    «Io credo di aver conosciuto la prima crisi della fiaba: quel momento tipico della post-modernità in cui raccontare ad un bambino, da un sacrosanto momento... Leggere il seguito

    Da  Abattoir
    ATTUALITÀ, CULTURA
  • Il pensiero: una poesia di Rahmat Khosrovi

    pensiero: poesia Rahmat Khosrovi

    Ultimi articoli Dell’economia e del metodo scientifico. 25 January 2014 Il pensiero: una poesia di Rahmat Khosrovi 25 January 2014 Pseudo-giornalismo... Leggere il seguito

    Da  Rosebudgiornalismo
    ATTUALITÀ, CULTURA, SOCIETÀ
  • L’epistemologia anarchica: una postilla

    L’epistemologia anarchica: postilla

    Ultimi articoli L’epistemologia anarchica: una postilla 31 January 2014 Servizio Pubblico Bambino e antigandhiano: o delle verità di Luigi Di Maio e di Giulia... Leggere il seguito

    Da  Rosebudgiornalismo
    ATTUALITÀ, CULTURA, SOCIETÀ
  • Biglietto per una corsa semplice

    Biglietto corsa semplice

    «Ho letto di un monaco zen che ha disegnato un cerchio: un segno che ha un inizio e che ha una fine. Un grande cerchio che, semplicemente, si chiude. Si chiude... Leggere il seguito

    Da  Abattoir
    ATTUALITÀ, CULTURA
  • Ancora su Fukuyama: una postilla

    Ancora Fukuyama: postilla

    di Michele Marsonet. Molti autori hanno giustamente rilevato i limiti di un libro che nell’ultimo decennio del secolo scorso conobbe un notevole successo. Leggere il seguito

    Da  Rosebudgiornalismo
    ATTUALITÀ, CULTURA, SOCIETÀ
  • Una settimana di “Vergognamoci per lui” (170)

    Un giorno di gogna non fa male a nessuno. Come dicono i filosofi più in gamba, è tutta esperienza. Su GIORNALETTISMO.COM EUGENIO SCALFARI 17/03/2014 Qualcuno... Leggere il seguito

    Da  Zamax
    ATTUALITÀ, POLITICA, SOCIETÀ
  • Basta una persona

    Non so proprio cosa dire a proposito della mancanza di lettori in questo Paese. Sarò cinico o realista, non so. Ma mentre Michelangelo dipingeva, la gente... Leggere il seguito

    Da  Marcofre
    CULTURA, EDITORIA E STAMPA, TALENTI

Magazines