Magazine Politica

Una pasticca per togliere la paura: cos'è il Captagon, la "droga dei jihadisti"

Creato il 18 novembre 2015 da Tafanus

(Fonte: Anna Zippel - Repubblica.it)

pasticca togliere paura: cos'è Captagon,

Si chiama Captagon, costa dai 5 ai 20 dollari a dose ed è considerata "la droga della Jihad": si tratta di un mix di anfetamina (cloridrato di fenetillina) e caffeina che  -  miscelato anche ad altre sostanze  -  inibisce totalmente la paura e il dolore, provocando forte euforia. Nata inizialmente per essere utilizzata nei droga-party "borghesi" nei Paesi del Golfo (in primis in Arabia Saudita) e prodotta da decenni soprattutto in Medio Oriente, ha trovato da tempo la sua nuova patria in Siria, che ne è diventata il primo paese produttore, e dove si è diffusa capillarmente tra i militanti della 'Guerra santa".
Ad aiutare i jihadisti a compiere le loro carneficine, c'è dunque anche questa molecola, che viene assunta più che altro oralmente ma anche per iniezione: per fare due esempi, i medici che hanno eseguito l'autopsia ne hanno trovato tracce nel corpo di Seifeddine Rezgui, il 24enne terrorista tunisino che nel giugno scorso ha ucciso 38 persone sulla spiaggia di Sousse, e grandi quantità erano contenute nelle tasche dei combattenti dell'Isis uccisi dai curdi a Kobane durante gli scontri per liberare la città.
Sintetizzato negli anni '60 come psicofarmaco, il Captagon è stato proibito negli anni '80 dall'OMS perché crea dipendenza ma, come riporta un articolo di Libération, stando all'Organizzazione mondiale della dogane (Omd) i sequestri in Medio Oriente tra 2012 e 2013 sono passati da quattro a undici tonnellate. Secondo un report dell'Onu pubblicato nel 2013, è in Medio Oriente che avviene il 63% dei sequestri di anfetamine a livello mondiale. E giusto un mese fa, la polizia aeroportuale di Beirut ha sequestrato due tonnellate di pasticche di Captagon nascoste nell'aereo privato di un principe saudita.
Adesso, dopo gli attentati di Parigi, si indaga per capire se le siringhe trovate nella stanza occupata da Salah Abdeslam nell'Appart'City Hotel di Alfortville, nell'Ile de France, siano servite per fabbricare le cinture esplosive dei kamilaze o per iniettarsi, appunto, la droga.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Una guerra tra vittime

    guerra vittime

    Anna Lombroso per il SimplicissimusTra tante interpretazioni, decodificazioni aberranti: sul podio anche oggi l’ineffabile Lucia Annunziata che con toni epici s... Leggere il seguito

    Da  Albertocapece
    POLITICA, SOCIETÀ
  • Incollati a una sedia.

    Incollati sedia.

    Volevo non scrivere. Non di questo. Attendere e lasciare che tutto finisse dentro quello che sto preparando ma non per il Blog. Ora devo farlo. Leggere il seguito

    Da  Gianlucaweast
    SOCIETÀ
  • Bastasse una foto...

    Bastasse foto...

    Migranti e migrazioni. Si, ho capito, siamo alle solite e, se va avanti così non ci salverà né il cattivismo di Salvini né il buonismo di Papa Francesco.... Leggere il seguito

    Da  Bernardrieux
    INFORMAZIONE REGIONALE, POLITICA, POLITICA ITALIA
  • Una questione di qualità

    questione qualità

    Partenze remote – Korla“…salgono verso l’alto i monaci…”In viaggio – C.S.I.Chi dice che viaggiare significa libertà spesso dice il falso. Leggere il seguito

    Da  Pietro Acquistapace
    POLITICA INTERNAZIONALE, SOCIETÀ
  • Una biro.

    biro.

    (c) 2015 weast productionsAverne una, di biro. Per scrivere quella che è la mia vita. Quello che è stata. E che è, nell'istante fermato dallo scatto. Leggere il seguito

    Da  Gianlucaweast
    SOCIETÀ
  • Una mattinata con una donna

    Leggere il seguito

    Da  Farfalla [email protected]
    ATTUALITÀ, PARI OPPORTUNITÀ, SOCIETÀ
  • Una Manager in Svizzera

    “All’estero ho avuto opportunità professionali che -probabilmente- non sarebbero state possibili in Italia, per una giovane donna“: è tranchant nel suo... Leggere il seguito

    Da  Fugadeitalenti
    ITALIANI NEL MONDO, SOCIETÀ