Magazine Famiglia

Una riflessione sul fotografare

Da Bimboverde
Oggi il post di Guchi mi ha fatto riflettere . Ho letto infatti  un intervento decisamente  interessante , che si raccorda , in modo deciso, con una serie di ragionamenti che facevo questi giorni di ultima estate. Recentemente una persona mia amica è stata molto male , soffrendo un dolore profondo e una crisi veramente importante. Rapportandomi con tutto questo male , da fotografo, non ho potuto non collegarlo con l'immagine che questa persona dava di sè e della possibilità, da parte mia,  di farne una foto, catturando, in una sorta di essenza visiva , i termini di quella sofferenza. Il discorso si è poi ampliato. Qualora avessi fatto quella foto, l'immagine prodotta avrebbe instaurato un rapporto con la persona ritratta, gli avrebbe fatto delle domande, dato delle risposte, magari sincere, sicuramente odiose. E proprio il mio amico mi ha detto una cosa che mi ha fatto riflettere : avrebbe infatti odiato e per sempre , quella fotografia , che infatti non ho fatto . Nasce così un patto, tra noi. Tornare a scattare solo quando le cose sarebbero andato meglio, patto invero infranto quasi subito ! Mai come in questi giorni mi sono reso conto del potere e della forte capacità comunicativa che il fotografare può avere sul mondo interiore delle persone .  Temi su cui voglio ancora riflettere e che mi aiuteranno sicuramente a lavorare meglio

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

A proposito dell'autore


Bimboverde 144 condivisioni Vedi il suo profilo
Vedi il suo blog

L'autore non ha ancora riempito questo campo L'autore non ha ancora riempito questo campo L'autore non ha ancora riempito questo campo

Magazine