Magazine Cinema

Una sola ripresa per tre film: that’s Uwe Boll

Creato il 10 novembre 2010 da Soloparolesparse

Avete visto il trailer di Blubberella?

Una sola ripresa per tre film: that’s Uwe Boll

A parte il fatto che mi sembra ci sia da divertirsi a livelli assoluti e godersi l’estremizzazione dell’arte cinematografica senza porsi ulteriori domande sulle qualità artistiche di Uwe Boll.
A parte questo, quell’attento analizzatore di quelli che una volta erano definiti film di serie Z che risponde al nome di Nanni Cobretti è riuscito a notare una cosa davvero interessante.

Andiamo per ordine. 

Quello che avete appena visto è il trailer di Blubberella, l’eroina oversize (diciamo pure obesa) di Uwe Boll.
Siamo in piena Seconda Guerra Mondiale, ci sono i tedeschi, c’è anche un improbabile Hitler.
E poi c’è questa eroina capace di fare il culo a tutti per un panino.

Ora guardate questo.

Esatto, è praticamente identico, protagonista femminile a parte.
Stesse scene, stessi costumi, stessi attori in ruoli praticamente identici.

Si tratta di Bloodrayn: the third Reich, altro film firmato Uwe Boll.
Il folle regista ha quindi riutilizzato scene, costumi e attori per girare due pellicole diverse.
Niente di strordinario, sia chiaro, era una scorciatoia usata molto spesso negli anni ’50 anche se in maniera decisamente meno evidente ed esplicita.
Serve ovviamente ad ottimizzare i costi e tirar fuori due prodotti al prezzo di uno.

Quindi la questione non avrebbe forse meritato un post se non ci fosse questo (nota: non guardate il teaser qui sotto se avete stomaci sensibili o siete particolarmente impressionabili).

Si tratta di Auschwitz, altro film di Boll che sta cercando spazi per farsi vedere in giro per il mondo.
Vero assolutamente che (sembrerebbe… stiamo sempre parlando di Uwe Boll) il tenore è completamente diverso, ma sono pronto a scommettere sulla testa dei figli di Berlusconi che questo è il terzo vertice di una incredibile, pazzesca, fenomenale, incredibile (aggiungete aggettivi a caso) trilogia uniproduttiva.

Uwe Boll ha scoperchiato la nuova frontiera della produzione cinematografica: chiamiamola pure tre per uno.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Una lettera

    lettera

    Piccolo e superfluo omaggio ad un racconto di poche pagine che contiene verità infinite.Ti scrivo questa lettera strana; la ricamo su un foglio che viene dopo... Leggere il seguito

    Da  Eraserhead
    CULTURA
  • Una bistecca

    bistecca

    Vi avevo già parlato dei racconti di Jack London, aventi per tema principale il pugilato.Proprio ieri sono capitato in libreria e l'occhio mi è caduto su... Leggere il seguito

    Da  Fidel
    CULTURA, LIBRI
  • Una domanda

    domanda

    da qui Dare consigli è semplice: ti accorgi che la vita ha una logica coerente, le persone presentano caratteristiche costanti, le relazioni si sviluppano... Leggere il seguito

    Da  Fabry2010
    CULTURA
  • Una vignetta

    vignetta

    Pubblico con piacere una vignetta della serie "Io il Cinquino", ideata e disegnata da un illustratore livornese, Claudio Monteleone (seguirà a breve un... Leggere il seguito

    Da  Scuolasara
    CULTURA
  • La torre di Uwe Tellkamp

    torre Tellkamp

    Oggi esprimerò un partito preso e segnalerò un libro che non ho letto di uno scrittore che non conosco. Capita, a volte, magari quando un risvolto di copertina... Leggere il seguito

    Da  Robomana
    CULTURA, LIBRI
  • Una famiglia normale per una storia orribile

    famiglia normale storia orribile

    Mi sono abbastanza stupita che l’evento di cui in questi giorni da settimane ormai parlano praticamente sempre e ovunque tutti i programmi televisivi delle reti... Leggere il seguito

    Da  Dallomoantonella
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Una foto e una storia

    foto storia

    Il milite Pippi (Archivio V. D'Aurelio)Osservare una vecchia foto è come isolarsi dalla realtà del momento per proiettarsi in un fugace attimo della vita che... Leggere il seguito

    Da  Cultura Salentina
    CULTURA