Magazine Cultura

Uno

Creato il 10 agosto 2011 da Renzomazzetti
Francesca: CIE Lampedusa.

Francesca: CIE Lampedusa.

Non vendo nulla perché vi sono troppi uomini. Le emigrazioni vanno troppo a rilento. Vi sono troppi cenciosi. Se gli straccioni se ne andassero, le persone solide comprerebbero di più. Il dramma è che essendovi troppi straccioni, viene prodotto di più di quanto non si possa vendere. E’ veramente molto semplice, ma, nello stesso tempo, anche molto triste. Viene prodotto troppo, cioè, secondo il concetto di chi è nel commercio, viene prodotto di più di quanto non possa essere venduto. Ma, domando io, in Germania viene prodotto di più anche di quanto non si possa consumare? Non sembra: infatti, malgrado tutte le lamentele sull’eccedenza delle merci e la sovrabbondanza dei mercati, vedo ancora una quantità di poveri diavoli d’ambo i sessi girare con calzoni e gonne rattoppati e con visi tristi. La ricchezza materiale generale di una nazione consiste nell’abbondanza dei suoi prodotti, mentre il denaro è soltanto lo specchio di questa ricchezza. La Germania è ricca e ultraricca: ma questa ricchezza si trova negli artigli di alcuni pochi. Costoro non ne mettono fuori nulla, se non contro danaro in contanti. Ma questo danaro è, di nuovo, nelle mani di pochi soltanto, che, però, non hanno la possibilità di fare uso di tutta quanta la ricchezza di merci. Per questo, gli altri se ne vanno in giro. La ricchezza e la potenza dei monopolisti del danaro sono collegate alla miseria e alla schiavitù dei poveri. E’ passato il tempo, in cui ci si faceva prescrivere dal cielo le istruzioni e, ad onore di Dio, ci si cingeva i fianchi con un cilicio. Non rinunciare, ma godere. Non solo la necessità esteriore, l’oppressione dello stomaco, il sollecito del palato, il rodente dolore della preoccupazione per il cibo mostreranno la loro potenza, ma anche entreranno in campo esigenze più nobili, spiriti a prova di spada e di colpi. E se tutto questo non fosse già nato, questa tremenda inuguaglianza dovrebbe contribuire a formare il sentimento dell’uguaglianza, come questa insopportabile schiavitù quella della necessità della libertà. Il bisogno è un profondo pensatore e un forte eroe. Il bisogno spezza il ferro. Le più grandi rivoluzioni nello spirito e nella vita degli uomini, si sono presentate tenendo per mano il bisogno. Allorché l’umanità, come uno schiavo disperato, languente, dimentico di Dio, giaceva a terra sotto il pugno di ferro dei romani, egoistico e bramoso d’oro, allora venne Uno e disse: Voi siete tutti fratelli. (meditazione su: Emigrazione di August Becker).

ALL’ORTO

All’orto! All’orto!

La terra non si ribella?

Tutto accetta, supina soccombe?

Sdegnata si ritrae vergognosa?

Senza un pizzico di fantasia?

Senza alcuna umana utilità?

Veramente è persa la speranza?

Non più riposa saggio nel sogno?

Funziona bene il tubo digerente?

Rutta liberamente sazio il consumatore?

Sgomita sculettando il mercato spensierato.

Verdure genuine, verdure genuine!

-Renzo Mazzetti-

 

[ Cerca: MARCINELLE ]

 


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Uno sguardo dal ponte

    sguardo ponte

    Le spaventose immagini dello tsunami in Giappone lasciano senza fiato, non c'è molto da dire. Purtroppo, però, c'è molto da vedere: la realtà fisica del muro... Leggere il seguito

    Da  Robomana
    CULTURA
  • Regala un libro ad uno sconosciuto

    Regala libro sconosciuto

    Riparte a distanza di un anno Leggere Leggere Leggere! Iniziativa di Alberto Schiariti per la promozione della cultura e dell’esercizio alla lettura. Leggere il seguito

    Da  Scrid
    CULTURA, LIBRI
  • Ho scoperto uno scrittore italiano

    Dopo la lettura di questo post, mi sono reso conto di aver scoperto uno scrittore italiano: Ferdinando Camon. Di lui non ho mai letto nulla, ne ho sentito... Leggere il seguito

    Da  Marcofre
    CULTURA, TALENTI
  • Esce in libreria uno tira ...

    Esce libreria tira

    ESCE IN LIBRERIA UNO TIRA L’ALTRO (ON THE TOP OF EVERYTHING ), di Sarah Kate Lynch, EDIZIONE SPERLING KUPFER. Leggi ancora | Pubblicato da Paige79 |... Leggere il seguito

    Da  Isn't It Romantic?
    CULTURA, LIBRI, ROMANZI
  • Uno sguardo digitale sul futuro

    sguardo digitale futuro

    Estratto da “Elogio degli Ebook” di Mauro Sandrini, un libro in cui gli ebook non sono solo un’occasione per discutere del futuro dell’editoria, ma di una... Leggere il seguito

    Da  Scrid
    CULTURA, LIBRI
  • N. 9: meglio uno solo

    No. 9 - There must be but one detective--that is, but one protagonist of deduction--one deus ex machina. To bring the minds of three or four, or sometimes a gan... Leggere il seguito

    Da  Dallenebbiemantovane
    CULTURA, GIALLI, LIBRI
  • Ritratti di uno slum in gujurat, india

    Ritratti slum gujurat, india

    “Recentemente ho trascorso una settimana nelle baraccopoli e le zone rurali tribali di Gujurat, uno stato nell’ India del nord. Le zone che ho visitato erano... Leggere il seguito

    Da  Catone
    CULTURA, VIAGGI

Dossier Paperblog

Magazine