Magazine Cultura

Uno scenario di quiete

Creato il 18 febbraio 2011 da Lucas
Se – attraverso una norma – si spezza il legame tra genitorialità e generazione, tra quest’ultima e la coppia femmina-maschio si aprono scenari davvero inquietanti per il futuro dell’uomo: figlio non più generato, ma proiezione ricreata, prodotta, assegnata. Francesco Riccardi, Avvenire di oggi¹.
M'incammino per strada, t'incontro, ti vedo là solo, una faccia triste, una faccia di chi vuole scappare. Anch'io sono solo, e la vedo la tua solitudine, s'inscrive nel mio volto, nella mia preoccupazione, nel mio vuoto che m'aspetta al secondo piano, senza ascensore, di una palazzina di periferia. Ho una camera vuota, un frigo pieno, un bagno caldo, e del tempo da dedicare alla tua perduta disperazione. Sono solo e vorrei condividerla con te questa solitudine. Non dico di farti da guida, no. Se sono solo è perché non sono una guida. Ho qualche soldo da parte, un'auto pagata, un lavoro che riempie una parte di vuoto e mi dà abbastanza per offrire luce alla tua possibile voglia di vedere. Sono solo, non sono coppia, ma ho le mie storie brevi, puttane che pago e che liquido per non cadere nella tentazione di un rapporto. Io non ti insegnerò niente di tutto questo. Io ti darò solo una mano, del tempo, qualche libro, la possibilità di ascoltare i miei dischi. Là c'è anche una tv, quasi sempre spenta. E uno spazio di quiete per essere solo te stesso.

¹Non ho molto da dire su questo tema. Ma le parole di Riccardi mi hanno aperto uno scenario inquietante. Ho voluto rappresentarlo come ho potuto. A proposito: magari esistessero norme che avessero potere di spezzare i legami con la genitorialità e la generazione e ci rendessero figli soltanto di noi stessi! 

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazines