Magazine Cultura

Uno scrigno di favole indiane: su audiolibro e in teatro

Creato il 22 gennaio 2011 da Milleorienti

Uno scrigno di favole indiane: su audiolibro e in teatroL’India è uno scrigno pieno di favole: basta pensare a celebri raccolte tradizionali come il Pañcatantra (in Italia pubblicato da Guanda) che influenzò anche la favolistica europea.
Se amate questo genere, per voi è un momento doppiamente magico: perché esce un audiolibro con una raccolta di antiche favole dell’India ma c’è anche uno spettacolo in tournée nei teatri italiani.

L’audiolibro si intitola appunto  Fiabe Indiane: sono dieci antiche favole lette da Fabio Bezzi, Debora Zuin e Silvia Soncini (edizioni Alfaudiobook, si può acquistare online). Sono leggende di bambini e grandi saggi, di animaletti scaltri e divertenti che tanto hanno da insegnare a noi umani. Qualche titolo: «La storia del bramino che faceva castelli in aria», «I ciechi e l’elefante» (un superclassico, utilizzato come modello gnoseologico nei testi induisti), «La lampada della povera donna», «Il leone scemo e la lepre furba», e tanti altri…
Qui sotto c’è un’anteprima audio:

Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.

.

Uno scrigno di favole indiane: su audiolibro e in teatro

In teatro invece, dopo il successo dell’esordio milanese, continua la tournée di Millesoli, un racconto di favole indiane – con commento musicale – interpretato da Pietro Pignatelli, che gli appassionati di musical hanno già potuto apprezzare in successi come Grease e Pinocchio ma anche nel musical bollywoodiano Bharati. Il suo spettacolo Millesoli sarà il 24 gennaio a Firenze Cantieri Florida, il 28 gennaio a Verona Teatro Camploy e il 31 gennaio a Napoli Teatro Acacia.
Una cosa da tenere presente è che i proventi dello spettacolo andranno a finanziare un progetto di beneficenza: una casa per le bambine che vivono nelle baraccopoli di Mumbai (se ne parla qui). Perché la vita, almeno per queste piccole, somigli un po’ di più a una favola.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog