Magazine Cultura

Uscire a Roma: il Testaccio

Creato il 31 maggio 2012 da Witzbalinka

Antica area industriale piena di magazzini e despositi il Testaccio, che si trova ai piedi del colle Capitolino, sotto l’esclusiva, lussuosa e tranquilla zona dell’Aventino, è uno dei pochi quartieri che si azzarda a contendere a Trastevere la condizione di assoluta romanità. Almeno per quanto riguarda i suoi residenti che amano definirsi romani de Roma: i più romani tra tutti i romani. E’ per questo, e per il forte vincolo  di comunità che tradizionalmente li ha uniti, che è importante il Testaccio, non  per palazzi, fontane, templi, sculture o piazze, che certo non abbondano e sono quasi insignificanti rispetto ad altri segni più distintivi della zona, ovvero una serie di strade con nomi d’inventori moderni (Alessandro Volta, Benjamin Franklin…), una vecchia discarica, un cimitero ed un macello abbandonato.

roma testaccio

Proprio a quest’assenza di monumenti importanti-  al di là del Cimitero Acattolico, della Piramide di Caio Cestio, del Museo di Via Ostiense e del Monte Testaccio- non ci sono molte cose che meritano di essere definite attrazioni turistiche, ma si attribuisce al radicato senso di romanità moderna del quartiere, che una volta visitato risulta difficile da dimenticare e rappresenta alla perfezione il suo celebre ed animatissimo mercato.

Nonostante tutto da tempo nelle sue strade la povertà e la marginalità di sempre convivono senza grandi tensioni con i nuovi abitanti con maggior potere d’acquisto che si sono trasferiti nel quartiere negli ultimi decenni a seguito di una serie di operazioni immobiliari di dubbia moralità e per intressi piuttosto torbidi che hanno cambiato profondamente l’aspetto degli edifici e comportato la comparsa di moderni sushi bar, negozi macrobiotici, caffé, discoteche e ristoranti, oltre ad altri nuovi generi di attività.

Non che prima si mangiasse male al Testaccio. Al contrario, il quartiere può vantare alcune delle migliori trattorie della città, come ad esempio Checchino dal 1887 (via di Monte Testaccio 30),  tempio indiscusso dell’autentica cucina romana, Agustarello (via Giovanni Branca, 100), pure un autentico museo della tradizione gastronomica della città, famoso per piatti come i leggendari rigatoni con la pagliata, l’elegante Luna Piena (via Luca Della Robbia, 15/17), o la curiosissima Tuttifrutti (via Luca Della Robbia, 3), il cui squisito menù cambia quotidianamente e dalla quale, poichè chiude molto tardi,  risulta meno difficile incamminarsi direttamente verso una delle tante discoteche e club della zona. Per esempio i due piani dedicati all’R&B e all’elettronica dell’Akab/Cave (via di Monte Testaccio 68-69), che è anche sala concerti, o del vicino Caffé d’Oriente (via di Monte Testaccio 36), famoso per le sue sessioni di musica latina dal lunedì al giovedì oltre che per la sua interessante terrazza aperta d’estate.

Paul Oilzum Only-apartments Author
Paul Oilzum

Infine l’Alpheus (Via del Commercio, 36) propone una varia ed eclettica offerta musicale che comprende concerti, cabaret e teatro per coloro che vogliono esplorare la notte quando affittano appartamenti a Roma

Contattami 


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Carceri, la foto che non doveva uscire

    Carceri, foto doveva uscire

    Questo blog ieri ha pubblicato (qui) ciò che doveva rimanere segreto: la foto di una delle celle di sicurezza presso i posti di polizia. Quelle che secondo il... Leggere il seguito

    Da  Albertocapece
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Uscire e Mangiare economico a Roma

    Uscire Mangiare economico Roma

    Per i romani il cibo è un rito che racchiude un piacere infinito, per questo sono esigenti per quanto riguarda i sapori e gli aromi diffusi dai cibi. Ecco perch... Leggere il seguito

    Da  Witzbalinka
    CUCINA, DOVE MANGIARE, VIAGGI
  • Roma

    Roma

    1972, Federico Fellini.Diretto da Federico Fellini e co-scritto con Bernardino Zapponi, “Roma” racconta due storie basate sulla vita di Fellini. Leggere il seguito

    Da  Robydick
    CINEMA, CULTURA
  • Uscire dalla paura: Fagocitazione

    Uscire dalla paura: Fagocitazione

    L'essere fagocitati è la ferita gemella dell'abbandono ed è altrettanto potente. A volte siamo più in contatto con la paura di essere controllati, manipolati o... Leggere il seguito

    Da  Colorefiore
    ASTRONOMIA, CULTURA, PSICOLOGIA
  • Letture per uscire dalla Crisi

    Letture uscire dalla Crisi

    In quelle che furono chiamate “chiacchierate al caminetto” ovvero “fireside chats”, Roosevelt si rivolgeva alla Nazione americana, attraverso la radio che sempr... Leggere il seguito

    Da  Iniziativa21058
    INFORMAZIONE REGIONALE
  • Il fallimento dei tecnici: proposte alternative per uscire dalla crisi.

    fallimento tecnici: proposte alternative uscire dalla crisi.

    A.Mazzoleni arte-fotografia digitaleAppare ormai evidente, dai livelli dello spread, anche ai più ottusi filomontiani, che le sue ricette e quella di Madama... Leggere il seguito

    Da  Controcorrente
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Uscire dal quadro

    Uscire quadro

    *Così come sei messa, Lea, non si capisce se tu voglia uscire oppure no, tornare dentro, dentro al quadro che nemmeno prevede una cornice. Ti sei messa in una... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ

Dossier Paperblog