Magazine Cinema

Vacanze ai Caraibi di Neri Parenti: la recensione

Creato il 16 dicembre 2015 da Ussy77 @xunpugnodifilm

locandina1Voleva essere nostalgico e invece è aberrante

Torna il cinepanettone, ma è stantio e non commestibile. Difatti il film diretto da Neri Parenti si snoda attraverso tre episodi di difficilissima convivenza, che mettono in fila doppi sensi e volgarità di bassa lega.

Mario Grossi Tubi ha sperperato il patrimonio di famiglia in dubbi affari. Ora la sua unica speranza è il matrimonio tra la figlia Anna Pia e il, fantomatico, miliardario Ottavio. Nel mentre altre due storie si sviluppano: quella di Fausto e Claudia che, nonostante le differenze, hanno un feeling erotico incredibile e quella di Adriano, un dipendente patologico dalla tecnologia.

Il ritorno in grande stile del cinepanettone, connotato dagli innumerevoli cliché e da una comicità grossolana, è un completo fiasco, un vero disastro. Infatti Vacanze ai Caraibi soffre distintamente di una carenza di sceneggiatura e di freschezza. Tre episodi compongono la storia, che si sviluppa in modo frammentario e confusionario, e il meno riuscito di tutti è quello in cui Dario Bandiera (unico interprete coinvolto) è un assiduo utilizzatore della tecnologia e quindi dipendente da essa. Tuttavia nemmeno gli altri due si possono definire all’altezza perché la coppia semper fidelis di cialtroni da quattro soldi De Sica – Ghini finisce per appiattire il tutto a gag su peni e peti, mentre Argentero e Ilaria Spada si dilettano in un gioco a due, che risponde perfettamente al detto “gli opposti si attraggono”.

Si è affermato in alcune recensioni che l’intento metacinematografico della pellicola va premiato e che risulta interessante e gustoso. Mai definizione di “interessante” e “gustoso” fu usata così a sproposito, perché in fin dei conti Vacanze ai Caraibi è esclusivamente un prodotto dalle ambizioni limitate e prettamente goliardiche, al limite del parodistico. Di conseguenza i doppi sensi e le volgarità divengono gli unici veicoli utilizzabili per trasmettere un po’ di godimento fracassone ed, eccessivamente, spensierato. Ma ciò non può e non deve essere portato a esempio quando si parla di comicità, perché tale livello di inconcludenza creativa porta lo spettatore a misurarsi con un prodotto di infimo spessore, recitato malamente e privo di qualsiasi spunto “interessante” o “gustoso”. Difatti la solitudine di Bandiera e la sua frustrazione tecnologica si rivelano sentimenti non in grado di costruire una situazione comica degna di questo nome e nemmeno la cialtroneria redditizia di De Sica – Ghini produce il benché minimo sorriso, in un episodio in cui il figlio d’arte giogioneggia con maggior fatica, mentre l’attore romano lo segue a ruota. Maggiormente godibile, ma priva di novità, è la porzione di pellicola che vede come protagonista il sesso sfrenato tra Angentero e Ilaria Spada, due attori in grado di caratterizzare sufficientemente bene i ruoli della “cafona” e del “preciso”.

Difendere Vacanze ai Caraibi, attaccandosi a qualsiasi appiglio “sporgente”, è impossibile perché si denota un’incapacità di scardinare quegli stereotipi di genere che hanno fatto la fortuna dei precedenti film, ma che oggi finiscono per affossarla definitivamente. La volgarità verbale e visiva del prodotto di Neri Parenti è sorpassata ormai da anni, ma non è l’unico difetto che il film mette in mostra. Infatti è la struttura narrativa a crollare mattone dopo mattone, sequenza dopo sequenza, a causa anche di un montaggio eccessivamente brusco, che fa perdere in fluidità e scorrevolezza.

Insomma il cinepanettone pareva morto tre anni fa e invece è resuscitato, grazie al pedante accatastamento di situazioni già viste e idee stantie, frutto della mente di chi si è seduto dietro una scrivania (Martani e Brizzi su tutti). Vacanze ai Caraibi è un film che si accartoccia su se stesso e che dimostra di non avere né capo né coda. Nel mentre Parenti si sfrega le mani e inizia a contare i soldi del botteghino italiano, il quale non farà mancare il suo affetto (ingiustificato) durante le feste natalizie.

Uscita al cinema: 16 dicembre 2015

Voto: *


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Parenti serpenti (1992)

    Parenti serpenti (1992)

    Sulmona, Abruzzo, vigilia di Natale. L’anziana Trieste (Pia Velsi), casalinga ancora lucida ed energica e il consorte Saverio (Paolo Panelli), ex carabiniere, i... Leggere il seguito

    Da  Af68
    CINEMA, CULTURA
  • Vacanze ai caraibi

    Vacanze caraibi

    Regia: Neri ParentiInterpreti: Christian De Sica, Massimo Ghini, Angela Finocchiaro, Dario Bandiera, Ilaria Spada, Luca ArgenteroChe l'italica commedia fosse... Leggere il seguito

    Da  Beatrixkiddo
    CINEMA, CULTURA
  • Vacanze ai Caraibi – Il film di Natale

    Vacanze Caraibi film Natale

    La caccia alla dote può essere una soluzione in tempi di crisi. Titolo: Vacanze ai Caraibi – Il film di Natale Regia: Neri Parenti Cast: Christian De Sica,... Leggere il seguito

    Da  Sbruuls
    CINEMA, CULTURA
  • Recensione: L'importanza di chiamarsi Cristian Grei di Chiara Parenti

    Recensione: L'importanza chiamarsi Cristian Grei Chiara Parenti

    L’amore è un gioco. Ti va di giocare con me?Cristian Grei ha trentadue anni e una sola, acerrima nemica: E. L. James, che con le sue 50 Sfumature gli ha rovinat... Leggere il seguito

    Da  Sherzade90
    CULTURA, LIBRI
  • Buone vacanze…

    Buone vacanze…

    LIBRI E MARMELLATA CHIUDE FINO AL 15 SETTEMBREBuone Vacanze e tutte le lettrici e a tutti i lettori. Che sia un’estate ricca di libri, di sole, avventure ed... Leggere il seguito

    Da  Federicapizzi
    CULTURA, LETTERATURA PER RAGAZZI, LIBRI
  • Vacanze Romane

    Vacanze Romane

    Ce li ricordiamo su quella vespa anni 50 in giro per le strade di Roma? Gregory Peck e la bellissima Audrey Hepburn nel celebre film Vacanze Romane. Una storia... Leggere il seguito

    Da  Witzbalinka
    CULTURA, VIAGGI
  • Buone vacanze!

    Buone vacanze!

    Miei amati, sono partita per qualche giorno! Spero al mio ritorno di avere tante cose non troppo assurde da raccontare, intanto vi auguro buone vacanze,... Leggere il seguito

    Da  Rory
    CULTURA, MUSICA