Magazine Altri Sport

Vela - Audi MedCup: Matador e Vasco Vascotto, Il Bianco e il Nero

Creato il 18 giugno 2010 da Andrea
Vela - Audi MedCup: Matador e Vasco Vascotto, Il Bianco e il Nero A Marsiglia va in scena la seconda giornata di regate dell'Audi Med Cup 2010. Altra giornata da "straordinari" per i tattici, rinvio delle regate per instabilità. Aria intorno ai 10 nodi d'intensità e vento da 210°, il lato è di 1,6 miglia, si preannuncia una giornata da insidie "nascoste" in ogni dove, la classifica è corta. Quantum, Luna Rossa e Matador partono con la marcia giusta, è un bel primo bordo quello di Matador, la sinistra "paga" e la coppia Vascotto-Bruni ci si "ficca" dentro. E' un crescendo in solitario, il vantaggio aumenta ad ogni giro di boa, vittoria di Matador davanti a Bribon e Team Origin, gli Italo-Argentini conquistano la vetta della classifica generale.
Quando si dice, nulla è scontato. La seconda regata, ripropone lo stesso scenario della prima, poco vento, instabilità. Team Origin ha le chiavi per aprire la porta giusta, parte bene, si mette in posizione di controllo al primo passaggio in boa e riesce a chiudere ogni tentativo di attacco da parte dei Neozelandesi, i più attivi in fase d'attacco. Matador resiste bene per metà regata, quando, nella seconda bolina il lato di destra non è così favorevole, si perde terreno, un vero peccato.Origin porta a casa una vittoria che vale oro, Audi A1 e Team New Zealand riescono a capitalizzare una regata condotta senza sbavature. Per Matador, malgrado una seconda prova da dimenticare, la vetta della classifica, in coabitazione con Quantum, è sempre nella mani argentini capitanati da Guillermo Parada e compagni.
"Abbiamo regatato in versione color e poi in bianco e nero - sono le parole di Vasco Vascotto, stratega di Matador - purtroppo nella seconda regata siamo finiti in un classico buco di vento e questo ha compromesso quanto di buono avevamo fatto. La classifica al momento ci ha pedonato, siamo sempre li davanti insieme a Quantum."


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :