Magazine Altri Sport

Vela - La battaglia dei campioni olimpici

Creato il 05 maggio 2010 da Andrea
Vela - La battaglia dei campioni olimpici
Nel Circuito Audi MedCup le medaglie non sono mai mancate neanche all'esordio nel 2005, ma adesso, per l'evento di apertura in Portogallo, il numero sale a ben ventidue! Cinque appartengono al brasiliano Torben Grael (BRA), quattro a Robert Scheidt (BRA) - entrambi su Luna Rossa (ITA) - quattro al tedesco Jochen Schuemann (GER) - All4ONE (FRA/GER) - e quattro a Ben Ainslie (GBR) - di TeamOrigin (GBR). Poi ci sono le due medaglie di Ian Walker (GBR) - tattico su Bribón (ESP) - le due vinte Iain Percy (GBR) e quella vinta da Andrew Simpson (GBR) (sempre con Ainslie su TeamOrigin).
È probabilmente la prima volta che le leggende della vela olimpica moderna si affrontano in una regata di flotta. "Non ci avevo pensato, ma adesso che me lo fate notare è certamente un avvenimento. Allora, bisogna essere ancora più preparati!", dice Ben Ainslie di TeamOrigin.
"Per me è come essere tornato a scuola; devo imparare ancora molto di questa nuova barca e non abbiamo avuto tanto tempo per gli allenamenti. Quindi, forse è meglio che mi concentri su questo, piuttosto che sulla rosa degli avversari!".
TeamOrigin si è allenato con l'avversario e campione del Mondo Matador (ARG), mentre il team di 'casa' Bigamist 7 (POR) e Bribón hanno scelto di testare le acque di Cascais con venti anche superiori ai 27 nodi.
"E' stata una settimana di allenamento molto proficua per conoscere bene il campo di gara in ogni condizione. L'aria è molto ballerina e non bisogna mai dar niente per scontato", dice Nacho Postigo, direttore tecnico del Circuito Audi MedCup e navigatore su Bigamist 7.
Puerto Calero, pronto a difendere il titolo nelle GP42 SeriesSquadra vincente non si cambia: ecco perché il vincitore del Campionato 2009 nelle GP42 Series - Puerto Calero (ESP) - sceglie di mantenere lo stesso equipaggio e lo stesso approccio alla regata. Il timoniere è ancora José María Ponce (ESP), navigatore Alicia Ageno (ESP), tattico Gustavo Martínez Doreste (ESP), e trimmer Domingo Manrique (ESP, 1992 medaglia d'oro in Flying Dutchman). Daniel Calero (ESP), che è anche project manager ha detto:
"Mantenere lo stesso equipaggio aiuta perché ci conosciamo bene tutti. Vogliamo difendere il titolo e speriamo di iniziare bene proprio a Cascais".
Il Trofeo del Portogallo, Cascais, inizia martedì 11 maggio, con le regate di prova ufficiali delle TP52 Series. Da mercoledì 12 il Circuito Audi MedCup 2010 sarà trasmesso live attraverso l'Audi MedCup TV su
www.medcup.org

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

COMMENTI (1)

Da OK MORANDO SERGIO Crocefieschi Genova Malpotremo Lesegno Italia Argentina San Morando
Inviato il 11 maggio a 15:09
Segnala un abuso

Vi sono sport realmente pericolosi a volte per le prestazioni sportive svolte a volte sono pericolosi per i mezzi che si adoperano per praticare le varie discipline sportive,sembrava che la vela fosse esente da codesti pericoli, la scomparsa dell'olimpionico Simpson deve fare riflettere tutti.Come vale per i mezzi da lavoro..anche i mezzi sportivi devono essere costruiti sicuri vale per tutti gli sport. Morando