Magazine Italia

Venezia minore

Creato il 26 ottobre 2011 da Walter_fano @walterfano
Venezia minore"Venezia minore" è un concetto importante per fruire degli aspetti insoliti e poco conosciuti della città, che discendono da una parte dalla storia dell'architettura, dall'altra dal cinema e dalla fotografia.
Il libro pionieristico e assai apprezzato anche da Le Corbusier, di Egle Trincanato, Venezia minore, aiuta a penetrare nella logica delle costruzioni civili veneziane, in particolare nei sestieri di Dorsoduro e Castello, determinata dall'utilizzo della pietra d'Istria, dalla presenza di alcuni stilemi (cornici, porte architravate, finestre monofore, bifore, polifore...) a volte rispondenti a soluzioni funzionali immediate, come la protettiva sporgenza dei barbacani sulle botteghe a piano terra, con il conseguente recupero di spazio abitativo nel piano superiore. Si tratta quindi di un importante codice di identificazione che impronta, anche nella vita quotidiana, un certo modo di concepire lo spazio e il decoro urbano.
Venezia minore era anche il titolo di un documentario del 1940 di Francesco Pasinetti, regista veneziano scomparso prematuramente (1911-49), fratello del romanziere Pier Maria Pasinetti. L'opera intendeva indirizzare la cinepresa alle sequenze di una vita quotidiana che scorreva lenta nelle calli, lungo i canali e attraverso i ponti dei sestieri di Cannaregio e Castello, ma anche alla Giudecca. L'interpretazione visiva di Pasinetti contrastava, per il suo realismo, con l'utilizzo scenografico della città in alcune grandi cerimonie pubbliche (come la visita di Hitler nel 1934).
E ancora, con Gianni Berengo Gardin, è possibile, grazie alle sue fotografie in bianco e nero, seguire un itinerario alternativo a Venezia che parte da Piazza San Marco innevata o battuta dalla pioggia o invasa dall'acqua alta, solcata dalle passerelle, finché scatto dopo scatto l'occhio si addentra nelle calli, scruta gli accessi, entra nelle case visitandone gli interni e ritraendone i proprietari: dal paesaggio al ritratto, questo è il filo del reportage di Berengo Gardin.
Il film Pane e tulipani (2000) di Silvio Soldini racconta una Venezia insolita negli interni bassamente illuminati, delle pensioncine di infimo ordine, delle trattorie, degli appartamenti popolari di Santa Marta. Il tipo di intreccio del film è quello denominato "scomparso a Venezia", in cui un uomo (nella fattispecie una donna) esce dalla propria insoddisfacente routine, evadendo significativamente dal proprio ruolo sociale, durante un viaggio veneziano all'origine apparentemente casuale, in verità iniziatico e profondamente autorivelatorio.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Pescaturismo a Venezia

    Pescaturismo Venezia

    L’offerta de L’altra Venezia si arricchisce di un nuovo servizio turistico-culturale: pescaturismo nella Laguna sud di Venezia. Leggere il seguito

    Da  Walter_fano
    INFORMAZIONE REGIONALE, ITALIA, NORD ITALIA
  • In idrovolante sopra Venezia

    idrovolante sopra Venezia

    Da venerdì 24 giugno un nuovo entusiasmante servizio prenderà l’avvio a Venezia: si tratta di un tour panoramico in volo sopra Venezia e la Laguna a bordo di... Leggere il seguito

    Da  Walter_fano
    INFORMAZIONE REGIONALE, ITALIA, NORD ITALIA
  • Vivere Venezia dal suo lato più gustoso: la tavola!

    Vivere Venezia lato gustoso: tavola!

    The goal is to offer the opportunity to appreciate the Venetian cuisine not in a restaurant but in a private home. These are the proposals: - A pause: it can... Leggere il seguito

    Da  Walter_fano
    CUCINA, ITALIA, NORD ITALIA, VIAGGI
  • Laboratorio Marmi Artistici Dall’Era a Venezia

    Laboratorio Marmi Artistici Dall’Era Venezia

    L’antico e nobile mestiere di scalpellino è una tradizione che rischia di scomparire, ma che meriterebbe invece tutte le azioni necessarie per essere preservato... Leggere il seguito

    Da  Walter_fano
    INFORMAZIONE REGIONALE, ITALIA, NORD ITALIA
  • Artigianato che vive a Venezia: l’Atelier di Muriel Balensi

    Artigianato vive Venezia: l’Atelier Muriel Balensi

    Muriel Balensi ha gli occhi del colore del mare quando il cielo è perfettamente limpido. Un blu magico e intenso come le creazioni in vetro che crea nel suo... Leggere il seguito

    Da  Walter_fano
    INFORMAZIONE REGIONALE, ITALIA, NORD ITALIA
  • Venezia città di cultura

    Venezia città cultura

    Qualche giorno fa è stato presentato il Rapporto sulla Produzione Culturale a Venezia, e i dati sono di notevole interesse: nel solo mese di agosto, sul... Leggere il seguito

    Da  Walter_fano
    INFORMAZIONE REGIONALE, ITALIA, NORD ITALIA
  • Jazz a Venezia

    Jazz Venezia

    L’offerta di musica classica a Venezia è notoriamente assai ampia: dai grandi teatri, ai concerti nelle chiese e nei palazzi, ma quando si parla di jazz,... Leggere il seguito

    Da  Walter_fano
    INFORMAZIONE REGIONALE, ITALIA, NORD ITALIA