Magazine Cultura

Vernice fresca - Antonio Grassi

Creato il 06 maggio 2013 da La Stamberga Dei Lettori
Vernice fresca - Antonio Grassi
I Contenuti
Un fantasma aleggia sulla Terra: lo spettro della contaminazione biologica. La responsabilità della scienza è chiamata in causa nel quarto romanzo di Antonio Grassi che propone con Vernice fresca nuovi inquietanti scenari per il nostro futuro. Se infatti la scienza promette di regalarci utili e strepitose scoperte, è dai potenti della politica e dell'economia che deriva la scelta di una ricerca indirizzata al benessere di tutti, oppure alla catastrofe. Nel libro di Grassi la scienza in questione è la biotecnologia, promossa dall'immaginaria LgB (Life is good Bioresearch), "Moloch padano" di proprietà dei fratelli Tito, Lucio ed Elsa Zanica. A scatenare una sequela di eventi drammatici è la notizia di un presunto incidente di laboratorio occorso alla LgB con conseguente dispersione nell'aria di un virus altamente patogeno. La notizia viene diffusa dal gruppo ambientalista Gst (Gruppo salvaguardia territorio) e dal periodico La Tribuna, quotidiano del borgo a cinquanta chilometri da Milano, fotocopia di Crema, dove risiede il protagonista Duilio Cattaneo, uomo delle operazioni più delicate della LgB. L'intreccio della vicenda, ambientata nell'oggi, presto si rivela più intricato di un dedalo e più pericoloso del salto da un aereo senza paracadute; la trama si dipana grazie all'intervento di attori le cui vite si scontrano e si minacciano vicendevolmente. I personaggi del romanzo aggrediscono il lettore con l'ambiguità del loro essere reali, con tutte le ambizioni di potere, sesso, denaro, forse amore, e con gli scheletri nell'armadio caratteristici di un'umanità corrotta da più di un peccato originale e ansiosa di non essere risucchiata nell'oblio. Il tradimento arriva da chi ci sta molto vicino e l'omicidio è decretato da chi sta molto in alto. Co-protagonisti del romanzo sono gli ideali (tutti?) traditi del '68 e il mondo della provincia, all'interno del quale l'Autore si muove agilmente, smascherandone intrighi, contraddizioni, ipocriti formalismi e supponenza intellettuale. Niente di scontato, niente di rassicurante, come Grassi ci ha abituato a pensare anche nella sua precedente produzione letteraria. Il carattere scattante, nervoso, rapido del linguaggio "ricco di ossimori e metafore che spesso riportano i concetti dalle altezze del pensiero alla concretezza della nostra animalesca fragilità " rende la lettura onnivora, ansiosa di conoscere l'esito conclusivo, anche se, come nella vita reale, il passato non è mai defi nitivamente chiuso alle nostre spalle.
La Recensione
Per essere un thriller, genere che personalmente ritengo fin troppo limitato e costruito, Vernice  fresca si presenta molto bene: un romanzo fresco, intrigante, molto più originale di quanto possa  consentire la struttura rigida e spesso stereotipata del thriller.
Singolare la scelta dell'ambientazione glocal, a voler usare un neologismo: globale e locale  insieme. Si parla di ingegneria genetica, di guerra batteriologica, di strascichi di guerra fredda  che collegano l'Italia al Kazakistan, eppure tutta l'azione ha luogo nel cuore della profonda  provincia lombarda. Questo spirito si scorge meglio nella gestione dei personaggi, stritolati nella  morsa tra vita pubblica e vita privata, con conseguenti conflitti etici e così via.
Protagonista fondamentale e centro indiscusso del romanzo è Duilio Cattaneo, una personalità che si  presenta solida e granitica alla soglia dei sessant'anni; Duilio vive la sua vita giostrandosi tra il  lavoro in una grossa società farmaceutica a conduzione familiare (la classica grande e potente  famiglia con le mani in pasta pressocché ovunque) e la vita privata, la relazione con Olga, influente  avvocato della città. Come da copione, un incidente di laboratorio mal taciuto e mai ben chiarito ufficialmente dà  avvio all'azione: per Duilio sarà sempre più difficile chiudere gli occhi sulle attività più oscure e  llecite dell'azienda. L'incontro con una microbiologa e attivista avversa all'azienda capovolge tutto: mentre trame oscure si rivelano, Duilio perde le sue salde convinzioni e sarà costretto a rimettere in discussione ogni aspetto della sua vita.
Giocando liberamente con il tema del complotto, della guerra batteriologica, l'autore riesce a  smarcarsi dalle strette maglie del genere narrativo e a regalare al lettore, insieme a una storia  adrenalinica, un composito e verosimile ritratto dell'Italia contemporanea, soprattutto sugli aspetti  sociologici e politici: spregiudicati dirigenti d'azienda, comunisti folgorati sulla via di Arcore,  padri assenti, adulteri, idealisti irriducibili - questi i personaggi che affollano il romanzo. Tutto  ciò è ben sostenuto da una scrittura adeguata: l'autore è capace di ottime presentazioni dei  personaggi, scritte con uno stile nervoso e sintetico, a volte quasi lapidario. Sotto il profilo  stilistico la stessa cura riscontrata nell'elaborazione dei ritratti dei personaggi si presenta  egualmente adeguata, complice un vocabolio ricco e uno stile duttile, che si adatta alle diverse  sequenze, di azione o di riflessione.
Se questi sono gli innegabili punti di forza, qualche punto debole c'è, e non ne è altro che il  rovescio della medaglia: quella stessa scrittura ben ponderata talvolta diventa pesante, affatica la  lettura; certe descrizioni risultano eccessive, con effetti nefasti su un romanzo che, come richiesto  dal genere, dev'essere sempre frenetico e dinamico. Tutto si potrebbe dire, in effetti, meno che il  romanzo si faccia leggere facilmente e scivoli via con facilità: l'impegno richiesto, certo ben  ripagato, è notevole, pure troppo per un romanzo destinato a far riflettere, intrattenendo.
Laddove la scelta dell'ambientazione, audace, mi pare pressocché esente da difetti, quella stessa  scelta di personaggi e temi, che pure è uno dei punti di forza del romanzo, risulta talvolta  insoddisfacente: posto sia assolutamente realistico, il mondo evocato dall'autore sembra troppo  grigio e troppo riduttivo, come se in Italia, o nel mondo, vi siano solo gente spregiudicata,  adulteri, ideali traditi. Con l'ovvia esclusione del protagonista, alcuni personaggi conoscono una  caratterizzazione un po' estremizzata, verrebbe da dire, quasi faziosa.
Nel complesso, il giudizio è decisamente positivo, l'operazione condotta è audace e l'esperienza di  lettura esaltante e densa di carica riflessiva. Non scivola via, ma di sicuro lascia qualcosa.

Giudizio: +4stelle+
Articolo di Tancredi
Dettagli del libro
  • Titolo: Vernice fresca
  • Autore: Antonio Grassi
  • Editore: Libreria Dornetti
  • Data di Pubblicazione: 2013
  • Collana: 
  • ISBN-13: 9788890093838
  • Pagine: 492
  • Formato - Prezzo: Brossura - 17,00 Euro
Vernice fresca - Antonio Grassi

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Dossier Paperblog

Magazines