Magazine Architettura e Design

Vertical Farm, coltivare in città a km 0 per sfamare il pianeta

Creato il 20 giugno 2010 da Andreadigrazia
Vertical Farm, coltivare in città a km 0 per sfamare il pianetaEntro il 2050, quasi il 80% della popolazione della terra sarà residente in centri urbani. Applicando le stime più prudenti alle attuali tendenze demografiche, la popolazione umana aumenterà di circa 3 miliardi di persone durante il periodo interinale. Si stima che circa 109 ettari di nuove terre (circa il 20% in più di terra che è rappresentato dal paese di Brasile) saranno necessari per produrre cibo sufficiente a sfamare loro, se le pratiche agricole tradizionali continueranno come sono praticati oggi. Attualmente, in tutto il mondo, oltre l'80% della terra che è adatto per la raccolta di colture è in uso (fonti: FAO e la NASA). Storicamente, circa il 15% è stato devastato da pratiche di cattiva gestione. Cosa si può fare per evitare questo disastro imminente? Una potenziale soluzione sono le Vertical Farm, fattorie verticali da costruire su palazzi all' interno del centro urbano, in maniera tale da sfamare la popolazione residente e creare un sitema produttivo a chilometri 0.
Il concetto di coltivazione indoor non è nuova, poiché la produzione in serra di pomodori, una grande varietà di erbe, e di altri prodotti è in voga da qualche tempo. La novità è l'urgente necessità di scalare questa tecnologia per ospitare altri 3 miliardi di persone. Un approccio completamente nuovo alla produzione interna deve essere inventato, utilizzando tecnologie all'avanguardia. LaVertical Farm deve essere efficiente, economica da costruire e sicura da usare.Se attuata con successo, rappresenta la promessa di rinnovo urbano, la produzione sostenibile di un approvvigionamento alimentare sicuro e vario (raccolto tutto l'anno di produzione) e la eventuale riparazione degli ecosistemi che sono stati sacrificati per l'agricoltura orizzontale.

Tradotto da: http://www.verticalfarm.com/


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :