Magazine

Vettel vince a Montecarlo

Creato il 30 maggio 2011 da Ilariapitlane @IlariaPitLane

Vettel vince a MontecarloCome pronosticato dal titolo del post precedente, Vettel è il Re di Montecarlo 2011: una vittoria non facile, contro avversari che gli hanno complicato la strada verso il successo fino alle ultime – controverse - curve. Controverse perché l’entrata in scena della Safety Car (incidente di Petrov) a qualcosa come 6 giri dalla fine sembra non avere molto senso:
  • La gara ha raggiunto il 75% necessario per essere considerata valida e chiusa, anche se il limite delle 2 ore non è ancora stato toccato;
  • Nelle prime tre posizioni si stanno dando battaglia tre campioni: Vettel, Alonso e Button promettono di certo altre scintille prima della bandiera a scacchi
  • Il tedesco della Red Bull si ritrova probabilmente nelle condizioni peggiori rispetto agli inseguitori: le sue gomme sono allo stremo e una SC può essere provvidenziale.

Tre variabili che ben mescolate danno tre quesiti:
  • Dichiarare chiusa la corsa, con l’ordine d’arrivo congelato al 72° giro, senza ripartenze?
  • Ripartire per consentire ai primi tre di giocarsela fino alla fine, con le stesse gomme/musi/alettoni, e la possibilità di effettuare le normali soste ai box nei giri rimanenti?
  • Restart con nuovi pneumatici per tutti e gara quindi azzerata?

La soluzione migliore appare quella di, se ripartenza deve essere, farla avvenire nelle condizioni esistenti al momento dello stop, così da non alterare il potenziale in gioco. Nella GP di Monaco di oggi questo avrebbe voluto dire forse togliere un minimo di vantaggio a Vettel, che con gomme fresche ha probabilmente guadagnato quel tanto necessario a scrollarsi di dosso l’insidioso Alonso nelle ultime curve. Ma il Campione del Mondo in carica ha dimostrato comunque di avere le carte giuste per una bella vittoria, perché ha saputo far fronte sia alle incertezze del box sia alla pressione legata al nuovo avvio di gara: promosso anche stavolta, Vettel si sta comportando bene su ogni pista. Un voto positivo anche alla Ferrari, che non delude le aspettative con una bella prestazione e un Alonso consistente fino agli ultimi metri; peccato per Massa, finito fuori forse per la troppa foga di Hamilton. Proprio l’inglese della McLaren è al centro di diverse polemiche per la sua aggressività nei sorpassi: probabilmente troppo irruento e con scarso senso della misura, quello che è senza dubbio un gran talento a volte rischia di esagerare, condizionando negativamente le gare degli altri piloti (in quest’occasione proprio Massa e Maldonado). Sempre a proposito di Hamilton, da segnalare il bel duello delle prime battute della corsa con Michael Schumacher; purtroppo la gara del tedesco della Mercedes si è conclusa troppo presto e nemmeno Rosberg oggi ha saputo fare di meglio. Montecarlo archiviata, si pensa al Canada: quali sono le vostre opinioni sulla corsa cittadina di oggi, e sugli interrogativi sollevati in questo post?A presto e, prima di concludere, l’ordine di arrivo:
1. Sebastian Vettel (GER/Red Bull-Renault) 260,520 km in 2h09:38.373, media 120,574 km/h)2. Fernando Alonso (SPA/Ferrari) a 1.138
3. Jenson Button (GB/McLaren-Mercedes) a 2.378
4. Mark Webber (AUS/Red Bull-Renault) a 23.101
5. Kamui Kobayashi (GIA/Sauber-Ferrari) a 26.916
6. Lewis Hamilton (GB/McLaren-Mercedes) a 27.210
7. Adrian Sutil (GER/Force India-Mercedes) a 1 giro
8. Nick Heidfeld (GER/Lotus-Renault) a 1 giro
9. Rubens Barrichello (BRA/Williams-Cosworth) a 1 giro
10. Sébastien Buemi (SVI/Toro Rosso-Ferrari) a 1 giro
11. Nico Rosberg (GER/Mercedes) a 2 giri
12. Paul di Resta (GB/Force India-Mercedes) a 2 giri
13. Jarno Trulli (ITA/Team Lotus) a 2 giri
14. Heikki Kovalainen (FIN/Team Lotus) a 2 giri
15. Jérôme d'Ambrosio (BEL/Virgin-Cosworth) a 3 giri
16. Vitantonio Liuzzi (ITA/Hispania-Cosworth) a 3 giri
17. Narain Karthikeyan (IND/Hispania-Cosworth) a 4 giri
18. Pastor Maldonado (VEN/Williams-Cosworth) a 5 giri

p.s.: è bello ricordare che Vettel ha trionfato a Montecarlo proprio 10 anni dopo Schumi! :)

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :