Magazine Cinema

Videodrome (di David Cronenberg, 1983)

Creato il 30 novembre 2012 da Iltondi @iltondi

Max Renn (James Woods) dirige una piccola stazione televisiva che trasmette filmati pornografici. Alla ricerca di una novità eccitante, la trova quando il suo tecnico intercetta lo show pirata Videodrome: una serie di immagini violente, fra torture e omicidi. Max si dà da fare per rintracciare i responsabili della sua messa in onda, ma si accorgerà ben presto di aver intrapreso una strada impervia, dove la realtà si fa labile e i suoi confini sfumano pericolosamente. videodrome

Pellicola chiave nella filmografia di David Cronenberg, diretta conseguenza dei precedenti Brood – La covata malefica e Scanners (ricorrono i temi del potere debordante della mente e la deformazione del corpo). Dentro anche le ossessioni del Cronenberg successivo: mutazioni (La mosca), l’identità sfumata (Inseparabili), il percorso allucinatorio (Il pasto nudo, Spider), la fusione tra carne e metallo in un rapporto perverso (Crash), l’impero della tecnologia (eXistenZ). All’epoca ottenne uno scarso successo al botteghino, ma divenne in seguito un cult, manifesto di un cinema intriso di deliri (o presunti tali) e realtà alternative (non si può ritenere un legittimo precursore di Matrix?). Incubo perturbante, che estremizza il condizionamento mediatico fino a farlo diventare “un cancro al cervello”, aprendo riflessioni attuali ancora oggi (“La televisione è la realtà, e la realtà è meno della televisione”); e notare poi che il professor O’Blivion (oblio…) acquista vita eterna per effetto del mezzo televisivo. Potenzialmente, un film infinito, che, al di là delle singole interpretazioni, traccia un solco profondo attraversando i generi cinematografici: horror (il simil organo sessuale che si apre nella pancia di Renn può essere disturbante), erotismo sado-maso (Debbie Harry, cantante dei Blondie qui in versione rossa esplosiva, ha una notevole carica sessuale), elementi cyperpunk e di fantascienza. Esalta l’impulso voyeuristico della società e si intrufola pure nel terreno melmoso delle religioni aggressive (inventa la “chiesa catodica”). James Woods è impeccabile, personaggio ambiguo e fatto di contrasti (già dalle prime due scene, dove si contrappongono il disordine che domina nel suo appartamento e l’ordine della sua immagine in camicia e cravatta). Magnifici effetti speciali di Rick Baker (mister 7 Oscar). “Morte a Videodrome, gloria e vita alla nuova carne”!



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Videodrome n. 37

    Videodrome

    Antonio Banderas Titolo italiano: La pelle che abito Titolo originale: La piel que habito Regia: Pedro Almodovar Anno: 2011 Cast: Antonio Banderas, Elena... Leggere il seguito

    Da  Valentinaariete
    CINEMA, CULTURA
  • A dangerous method – David Cronenberg

    dangerous method David Cronenberg

    13 giugno 2012 Lascia un commento Tornare a Cronenberg e’ tornare in qualche modo a casa propria o forse a casa di uno zio a cui si vuole bene, una di quelle... Leggere il seguito

    Da  Maxscorda
    CINEMA, CULTURA
  • Videodrome n. 38

    Videodrome

    Michelle Pfeiffer Titolo italiano: Batman - Il Ritorno Titolo originale: Batman Returns Regia: Tim Burton Anno: 1992 Cast: Michael Keaton, Michelle Pfeiffer,... Leggere il seguito

    Da  Valentinaariete
    CINEMA, CULTURA
  • Il pasto nudo – David Cronenberg

    pasto nudo David Cronenberg

    20 giugno 2012 Lascia un commento Una voglia improvvisa ed eccomi nuovamente alla prese con "Il pasto nudo" dopo qualche tempo d’assenza sui miei teleschermi e... Leggere il seguito

    Da  Maxscorda
    CINEMA, CULTURA, LIBRI
  • Cosmopolis di David Cronenberg

    Cosmopolis David Cronenberg

    Fedelissima trasposizione dell'omonimo romanzo di Don DeLillo, Cosmopolis racconta la giornata non proprio qualsiasi del giovane milionario Eric Packer, che... Leggere il seguito

    Da  Alexdiro
    CINEMA, CULTURA
  • Crash – David Cronenberg

    Crash David Cronenberg

    21 giugno 2012 Lascia un commento Immagino che a Cronenberg non sia parso vero leggere un romanzo come "Crash" di Ballard e che a fine lettura si sia alzato di... Leggere il seguito

    Da  Maxscorda
    CINEMA, CULTURA, LIBRI
  • Veloci di mestiere (Fast Company) – David Cronenberg

    Veloci mestiere (Fast Company) David Cronenberg

    25 giugno 2012 Lascia un commento Oggi ho fatto una scoperta molto importante, esiste un David Cronenberg regista che non e’ David Cronenberg… il regista. Leggere il seguito

    Da  Maxscorda
    CINEMA, CULTURA, LIBRI