Magazine Viaggi

Vila-Matas, Parigi non finisce mai

Creato il 23 giugno 2011 da Witzbalinka

Nel suo romanzo del 2003 Parigi non finisce mai lo scrittore barcellonese Enrique VilaMatas rende uno strano omaggio a Marguerite Duri e a Ernest Hemingway e, in una maniera di stare ed essere al mondo che non si può comprendere al margine dei libri e delle parole. In più di un senso, si tratta di un romanzo di educazione sentimentale, un libro che racconta le maniere in cui un giovane esordisce nelle strade della vita e dell’arte.

vila-matas paris

Il titolo del libro proviene dall’ultimo paragrafo del romanzo autobiografico di Hemingway, A Moveable Feast, dove lo scrittore statunitense parla della capitale francese dicendo che, se si ha vissuto qui, è una città che non finisce mai, nella quale, o forse nella sua memoria, uno finisce sempre per ritornarci in maniera differente a seconda di ogni individuo. Nel caso di Hemingway, come dice l’ultima frase del romanzo, prevale il ricordo dorato degli anni della sua gioventù durante la quale fu molto povero e molto felice.

Al ricordo luminoso di Hemingway, Vila-Matas oppone ironicamente e malinconicamente se stesso, perché anche lui da giovane era molto povero a Parigi ma, a differenza del Premio Nobel, anche molto sfortunato e questo è ciò che vuole raccontarci nel suo libro, gli scarsi due anni nei quali, all’inizio degli anni settanta, egli era molto povero e molto infelice a Parigi a causa alla sua ignoranza sul come procedere correttamente tanto nella vita quanto nella letteratura, campi nei quali si trovava fermamente installato in un culto del nero, del nichilismo e della disperazione, sinonimo insostituibile secondo il quale egli credeva nell’ eleganza e nel distinto in entrambi i terreni.

La vita di azione ed incessanti feste di Hemingway dà l’idea a Vila-Matas di diventare scrittore (esilarante è, a questo proposito, il concorso di doppi di Hermingway col quale si apre il libro); il problema sorge quando viene a coscienza che per essere scrittore bisogna scrivere e bene se è possibile. È proprio in questo momento che chiede consiglio a Margarite Duri, proprietaria della mansarda dove vive e che affitta ad un prezzo simbolico che si dimentica sempre di pagare. La risposta della grande scrittrice francese viene in forma di lista o decalogo di cose da fare quando si scrive un romanzo, un decalogo che VilaMatas si sforza di interpretare e portare a termine per terminare quello che, alla fine, sarebbe stato il suo primo romanzo, L’assassina istruita, del cui processo di redazione ci va informando compiutamente il libro con un senso dell’umorismo infallibile e penetrante.

L’umore intelligente è una delle grandi virtù di un libro ricco di aneddoti, riflessioni e personaggi che funziona come un parzialmente fittizio romanzo autobiografico; solo mediante la finzione possiamo avvicinarci alla vita di qualcuno che contiene ampi spazi per il lirismo, la riflessione e il saggio circa il grande tema della letteratura e i suoi particolari e intraprendere una relazione con la vita.

 

Paul Oilzum Only-apartments Author
Paul Oilzum

Romanzo inclassificabile e inesauribile che, parafrasando il suo titolo, da l’impressione di non finire mai, è una lettura più che idonea per accompagnarla quando affitta appartamenti a Parigi

Contattami 

Vanessa Rosselli Only-apartments Translator
Tradotto da: Vanessa Rosselli
Contattami


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Trovare lavoro a Parigi

    Trovare lavoro Parigi

    Da quando ho messo online il sito Italiani a Parigi e questo blog ho ricevuto tantissime email riguardo la possibilità di trovare un lavoro a Parigi. Trovare... Leggere il seguito

    Da  Italianiaparigi
    ITALIANI NEL MONDO, LAVORO, VIAGGI
  • Trovare casa a Parigi

    Trovare casa Parigi

    I tetti di Parigi Gli italiani residenti a Parigi che non hanno mai abitato in una chambre de bonne alzino la mano. Effettivamente questa modesta sistemazione... Leggere il seguito

    Da  Italianiaparigi
    ITALIANI NEL MONDO, VIAGGI
  • Un dirigibile survola Parigi

    dirigibile survola Parigi

    Se abitate a Parigi, o la state visitando in questi giorni, avrete sicuramente notato l’insolita presenza di un enorme dirigibile che sorvola la capitale... Leggere il seguito

    Da  Italianiaparigi
    ITALIANI NEL MONDO, VIAGGI
  • Parigi…all’indietro

    Leggere il seguito

    Da  Italianiaparigi
    ITALIANI NEL MONDO, VIAGGI
  • Una piramide a Parigi

    Leggere il seguito

    Da  Italianiaparigi
    ITALIANI NEL MONDO, VIAGGI
  • Di nuovo a Parigi!

    Oggi ritorno a Parigi. E' veramente strana la vita! Chi l'avrebbe mai detto che la mia attività lavorativa avrebbe iniziato lì! Al Museo della Musica mi hanno... Leggere il seguito

    Da  Danielepipitone
    ITALIANI NEL MONDO, VIAGGI
  • Tanti sardi a Parigi!

    Non sono mai stato uno di quelli che va a cercare i propri compatrioti in terra straniera. Anche quando ero a Firenze non ho mai frequentato circoli o... Leggere il seguito

    Da  Danielepipitone
    ITALIANI NEL MONDO, VIAGGI