Magazine Informazione regionale

Villa Pambuffetti a Montefalco (PG) Qualcosa che l’Eterno solo conosce…

Creato il 15 novembre 2013 da Goodmorningumbria @goodmrnngumbria

villa_pambuffetti_a_montefalco_(pg)Villa Pambuffetti è situata in Umbria, a Montefalco (PG), a pochi chilometri da Assisi e da Spoleto. E’ un luogo di grande suggestione dove la vita quotidiana scorre tranquilla e la gente conserva ancora l’abitudine di ritrovarsi a tavola per il pranzo e per la cena. Gabriele D’Annunzio la definì “Città del silenzio” dove “par che l’istesso ciel rischiari la campagna”, toccato dalla visione dei vasti paesaggi che si dominano da lì. Infatti da Montefalco lo sguardo si libra in alto e tocca veloce colli, boschi, fiumi e città: Assisi, Perugia, Spello, Foligno, Spoleto, Bevagna, Trevi.

La storia e l’arte vi hanno lasciato segni preziosi e indelebili: le mura trecentesche con porte e torri che ancora la proteggono, le strade acciottolate e le scalette fra gli edifici medioevali, le facciate e i loggiati dei palazzi signorili. Le sue chiese conservano ancora oggi capolavori d’arte che hanno affascinato viaggiatori d’ogni tempo, scrittori, musicisti, pittori; fra le tante del centro storico quella di San Francesco è la più importante. Eretta dai Minori Conventuali nel 1300, fu affrescata nell’abside centrale da Benozzo Gozzoli nella metà del ‘400 con episodi della vita di San Francesco d’Assisi. Benozzo vi realizzò dodici grandi dipinti in cui ritrasse il suo mondo.

Villa Pambuffetti è a ridosso delle mura, nel versante nord, con uno splendido panorama su Assisi e Perugia, immersa in un bellissimo parco in cui crescono abeti, cedri e cipressi secolari. Sorge nella zona destinata agli orti della città medievale, appartenuta poi a conventi e nobili del luogo, fino a quando se ne innamorò un valente architetto locale che, a metà dell”800, vi costruì la sua villa. Antonio Martini, questo il suo nome, colto e amante della storia, ispirò l’edificio al Rinascimento italiano e lo completò con richiami al gotico. Agli inizi del ‘900 i nuovi proprietari romani, i Conti Silenzi, lo modificarono in tono liberty e ne fecero una residenza lussuosa per “ospiti paganti” dove personaggi illustri del mondo della cultura, dell’arte e della scienza del tempo amavano incontrarsi e soggiornare. Il poeta Gabriele D’Annunzio, doveva essere uno degli habitué, visto che aveva voluto la sua stanza preferita, oggi la n. 2, di gusto esotico; gli arredi, quasi tutti in bambù e decorati all’orientale, sono ancora conservati. Altro ospite illustre di quegli anni fu Guglielmo Marconi, insieme alla figlia Elettra.

Nel 1939 la villa e il parco vengono acquistati da Argante Pambuffetti. Uomo volitivo, generoso e tenace muore improvvisamente, lasciando incolmato un vuoto che si trasforma, per la villa, in un periodo di abbandono. Ma alla fine degli anni ’80 la figlia di Argante, Argantina, decide di recuperare la vocazione all’accoglienza di questo luogo avviando una rispettosa opera di restauro che ne ha conservata intatta l’atmosfera intima e calda. Il fascino della sua storia, perciò, emerge ancora, integro e discreto, attraverso mille particolari che sembrano trovarsi perfettamente a proprio agio accanto ai vantaggi della modernità. Dal 1 Aprile 1992, anno dell’inaugurazione, le sue mura antiche hanno accolto, tra l’altro, il premio Nobel Carlo Rubbia, il Presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro, Christian Barnard, Federico Zeri, Vittorio Sgarbi, Roberto Capucci, Uto Ughi, Mario Scaccia, Alberto Sordi e tanti altri…

Villa Pambuffetti è oggi uno degli alberghi più affascinanti d’Italia e, fra questi, uno dei pochi dove la cucina è curata direttamente dai proprietari insieme allo chef Pasqualino Titta, che da sempre l’hanno voluta tipicamente locale, semplice e raffinata al tempo stesso. Dalle proprietà terriere della famiglia proviene l’olio biologico con cui si condiscono le pietanze, e la frutta; dal mercato locale arrivano tutti gli ingredienti, inclusi il tartufo e i salumi di Norcia; dai vigneti di Montefalco provengono i famosi vini rossi omonimi: il Sagrantino D.o.c.g. e il Rosso di Montefalco, appunto.
Splendidi, vigorosi e amabili come nel caso del Sagrantino Passito, essi hanno una storia antica quanto quella della città, e una fama che va rapidamente diffondendosi nel mondo. Accompagnano superbamente arrosti e dessert.

Nella bella stagione il rosso del vino si mescola ai colori vivaci dell’estate montefalchese. L’aria, infatti, si anima delle tinte accese dell’antica giostra della Fuga del Bove, dei giochi di bandiere fra i quattro Quartieri della città e delle gare di abilità fra balestrieri e tamburini in costume rinascimentale. Ogni sera, in agosto, musica, teatro e prosa allietano gli angoli più belli della città, mentre le taverne dei Quartieri forniscono occasioni di incontro goliardico e allegro. In settembre si svolge invece la Settimana Enologica, mostra mercato dei Vini Montefalco e dei prodotti tipici del territorio; in settembre la Festa dell’Uva, con carri a tema sulla vendemmia e le attività legate alla produzione del vino. Il Prof. Pietro Pambuffetti, filosofo e storico, così descrisse l’atmosfera che pervade la villa e il parco: “Dal colle che la sovrasta e quasi la difende, l’eco delle campane di S. Agostino, con la loro musicale e indefinita tenerezza, attinge ancora dal profumo delle resine e dal grigio pallor degli ulivi qualcosa che l’Eterno solo conosce”.

Montefalco (PG) via della Vittoria 20 tel. 0742 379417

[email protected]



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • PD, Domenica 9 marzo primarie a Magione, Panicale e Montefalco

    Domenica marzo primarie Magione, Panicale Montefalco

    Sono tre i Comuni, tutti in provincia di Perugia, in cui domenica il Partito Democratico aprirà le porte di sedi e circoli per legare alla partecipazione degli... Leggere il seguito

    Da  Goodmorningumbria
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ
  • Mercoledi’ a pg christian meyer batterista di elio e le storie tese

    Mercoledi’ christian meyer batterista elio storie tese

    Christian Meyer di Floriana Lenti Passione, amore folle per il jazz, umiltà e voglia di costante crescita sono gli ingredienti segreti di uno dei più famosi... Leggere il seguito

    Da  Goodmorningumbria
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ
  • Eterno godimento

    Eterno godimento

    Nell'ultimo anno sono stata spesso a Roma: a settembre, a febbraio ed ora.Per mero piacere, sia pure con la scusa di buone cause di varia natura. Leggere il seguito

    Da  Lanterna
    ITALIA, SOCIETÀ, VIAGGI
  • La Villa della Regina

    Villa della Regina

    "Tra le altre cose che esaltano la felice posizione geografica in cui e`situata la città di Torino, c`e` la collina che sorge non lontano dalla Città`. Leggere il seguito

    Da  Sirio
    INFORMAZIONE REGIONALE, VIAGGI
  • Mi son perso qualcosa?

    Si passa dalle cazzate di Bondi(a Taranto si muore per il fumo di sigaretta e non per l’Ilva),all’orangotango di Calderoli dato al ministro Kyenge,fino... Leggere il seguito

    Da  Lucaralla
    SOCIETÀ
  • Giorni-per-qualcosa

    Dopo l'ultimo esame della sessione ti ritrovi immediatamente con così tanto tempo libero che...* ...ehm, no, aspetta, inizio completamente toppato. Riproviamo. Leggere il seguito

    Da  Luciusday
    SOCIETÀ
  • Siria: qualcosa non torna

    Siria: qualcosa torna

    S’illude chi spera che possa essere Obama a scongiurare una nuova guerra in Siria: fosse per lui – che non ha chiuso Guantanamo ed ha bombardato la Libia, che h... Leggere il seguito

    Da  Giulianoguzzo
    OPINIONI, POLITICA, POLITICA INTERNAZIONALE, SOCIETÀ