Magazine Cultura

Vita da precario

Creato il 23 febbraio 2011 da Spaziokultura
Questa è la società del precariato che costringe tante persone a sopravvivere e ad arrivare a fine mese senza un euro in tasca... quando naturalmente c'è da aspettare fine mese! Quanti infatti lavorano saltuariamente e chissà quale mese prendono uno stipendio? In questa categoria sicuramente spiccano i docenti della scuola o forse sarebbe meglio dire ex scuola: a furia di decreti e di ammortizzatori sociali, infatti, sono ridotti proprio all'osso. La Gelmini ha poi dato il colpo di grazia con delle riforme che badano al portafoglio e non agli alunni e agli insegnanti. E' vero che la scuola italiana per tanto tempo è stata una vera e propria agenzia di collocazione, ma è anche vero che ridurla ai minimi termini come accade oggi è veramente da barbari. La cultura passa attraverso le ore interminabili in classe e soprattutto la crescita di un popolo si misura dal suo livello culturale. Negli altri paesi europei si privilegiano gli investimenti per la cultura e la pubblica istruzione, in Italia se si deve tagliare qualcosa lo si fa a carico di alunni, docenti e famiglie. Il docente precario risponde ad un preciso identikit: laurea, abilitazioni varie, master e corsi di perfezionamento a bizzeffe, anni di esperienze e onorevole servizio per lo Stato italiano senza vedersi riconosciuto nemmeno un euro di scatto d'anzianità!
Cosa ne sarebbe stata della scuola italiana in questi anni senza questi docenti?Perchè in Italia ci devono essere poi docenti di ruolo di primo livello e docenti precari di secondo livello?Il precario molto spesso ha più stimoli di un insegnante che traghetta la propria esistenza verso la meritata pensione; il precario vive la scuola come una cellula della società moderna, tecnologica e avanzata, mentre al contrario molti continuano a proporre solo modelli tradizionali; il precario è disposto al sacrificio pur di avere un euro in più su cui magari poter contare in estate quando non si ha lo stipendio!Pensate addirittura che in alcuni famosi musei del nostro Paese l'insegnante di ruolo paga il biglietto ridotto, mentre il precario lo paga per intero!Ma è possibile un Paese così? Non dovrebbe invece essere privilegiato, laddove è possibile naturalmente, chi dell'incertezza economica ormai ne ha fatto un vessillo? Non dovrebbe essere l'eccellenza a determinare il merito? Provate ad entrare in una scuola e poi in una classe e provate a mettervi dietro ad una cattedra.Siete sicuri che tutti potrebbero fare questo mestiere? Che tutti saprebbero tenere testa a 30 (dico trenta) adolescenti sempre più viziati? e poi sapete quanti problemi l'insegnante-psicologo deve affrontare!Dal multiculturalismo al numero sconsiderato di alunni per classe, dal ragazzo con handicap senza insegnante di sostegno o con poche ore al ragazzo che ha i genitori separati; ma tanti davvero aspetti che se non hai la passione e lo stimolo lasci tutto dopo dieci minuti.Consideriamo questi aspetti e le grandi professionalità di ch vive la precarietà con  dignità!Una dignità purtroppo sempre più calpestata da chi per esempio ha bloccato l'aggiornamento delle graduatorie e ha pensato a delle graduatorie regionali: sapete cosa significa?Migliaia di docenti precari non potranno aggiornare i loro punteggi, non potranno lavorare dalle code e dovranno continuare ad arrangiarsi ancor di più. Arrangiarsi sottolineo perchè noi non ci arrenderemo mai  a queste logiche...

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Una vita violenta

    vita violenta

    1962, Brunello Rondi, Paolo Huesch.La storia di un ragazzo di borgata, Tommaso Puzzilli, nella Roma sottoproletaria di periferia. Leggere il seguito

    Da  Robydick
    CINEMA, CULTURA
  • L’Arte-Vita e la Vita come Arte

    L’Arte-Vita Vita come Arte

    “Il colore è un mezzo per influenzare l’anima. Il colore è il tasto. L’ occhio è il martelletto. L’ Anima è un pianoforte con molte corde. L’ artista è la mano... Leggere il seguito

    Da  Fasterboy
    ARTE, CULTURA
  • La vita è un casino

    vita casino

    Non riesco a scrollarmi l'atmosfera marina che mi è rimasta sulla pelle assieme al sale (anche se la doccia me la sono fatta eh). Leggere il seguito

    Da  Enricobo2
    CULTURA, VIAGGI
  • La nostra Vita

    nostra Vita

    Luchetti è un narratore prima di essere un regista. Quando ci si accinge alla visione di un suo film, si deve partire da questa premessa. E, nel suo narrare,... Leggere il seguito

    Da  Ludacri87
    CINEMA, CULTURA
  • Fuori dalla vita...

    Fuori dalla vita...

    Ti rendi conto di quanto ci rinchiudiamo fuori dalla vita, per comodità e per abitudine e per semplice mancanza di occasioni? Di come ci barrichiamo in un... Leggere il seguito

    Da  Linda
    CULTURA, LIBRI
  • Un’altra vita

    Un’altra vita

    di Pasquale Vitagliano Paolo Ruffilli, Un’altra vita, Fazi, 2001 Venti storie d’amore in cerca di Un’altra vita. Già nel titolo, l’ultima opera di Paolo Ruffill... Leggere il seguito

    Da  Fabry2010
    CULTURA, LIBRI, ROMANZI
  • Pugno di vita...

    Pugno vita...

    L’amore non è ripetizione. Ogni atto d’amore è un ciclo in se stesso, un’orbita chiusa nel suo rituale. È - come posso spiegarti? – un pugno di vita. Leggere il seguito

    Da  Linda
    CULTURA

Magazine