Magazine Diario personale

Voeri Vess by Baroni Renato

Da Parolesemplici
marinaoddone.wordpress.com

marinaoddone.wordpress.com

 Sgrazz d’uga

con grann d’òr che lusiss,

mcl che scorr

jn di rònsg e in di fòss,

pòrt che se derva

a praa con erba d’argent,

luna e stèll

a portada de man.

Hin chì denanz

i tentazion de [a vitta,

pront a fas cattà

come tanti scires madur,

a promett tesàr

senza fadiga e sudor,

a tirà fosca

la nostra ment,

cancellà i nòst radis

e a destrùg

quell che semrn.

Ma mi bocchi no

a l’am come on pèss.

Voeuri vèss

acqua de rònsgia

che scoeud [a set di praa,

radis de pianta

che dà ombria ai paisan,

mclgon per polenta

e legna per fogorà.

Voeuri vèss

fen in cassina

che sfama vacch e conili,

meda de ruf

che concima la terra,

quella terra

che me pòrti adòss

come on vestii,

che me scorr in di vènn,

quella terra che la sarà,

on doman,

la mia ultima cà.

 

Traduzione dal dialetto milanese

VOGLIO ESSERE…..

Grappoli d’uva

con acini d’oro che luccicano,

miele che scone

nelle rogge e nei finsi,

porte che si aprono

a prati con erba d’argento,

luna e stelle

a portata di mano.

Sono qui davanti

le tentazioni della vita,

pronte a farsi cogliere

come tante ciliegie mature,

a promettere tesori

senza fatica e sudore,

a offuscare

la nostra mente

e a distruggere

ciò che siamo.

Ma io non abbocco

all’amo come on pesce.

Voglio essere

acqua de roggia

che toglie la sete ai prati,

radice di pianta

che dà ombra ai contadini,

granturco per polenta

e legna per camino.

Voglio essere

fieno nel pagliaio

che stima vacche e conigli,

cumulo di letame

che concima la terra,

quella terra

che mi porto addosso

come un vestito,

quella terra che sarà,

un domani,

la mia ultima dimora.

Poesia candidata al Premio internazionale di poesia Piccapane


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Dossier Paperblog