Magazine Bambini

We wish you a turtle Christmas (1994) - compriamo un regalo per Splinter!

Da Fiore Esse
Premessa: a me piacciono le Tartarughe Ninja, anche se conosco bene solo la serie animata in CGI trasmessa da Nickelodeon dal 2012, della quale ho visto molti appassionanti episodi.
Pertanto se siete fan sfegatati delle Tartarughe Ninja non prendete questo post come offensivo, anche perchè io adoro questi personaggi, in particolare Michelangelo e la storia complessa che è stata costruita, sia con i buoni che con i cattivi (soprattutto Karai, che trovo il personaggio con la psicologia più affascinante). Anzi, se NON avete mai visto le Tartarughe Ninja, correte a vedere la serie del 2012 che è davvero ottima e avvincente e vedete questo speciale dopo che vi sarete affezionati ai personaggi, sennò rischierete, per colpa di questo prodotto natalizio, di rischiare di farvi una cattiva idea della serie. E le tartarughe non se lo meritano.
Comunque sia, nel 1994 la turtlemania stava per svanire e il franchise di Eastman e Laird ormai aveva soltanto bisogno di SOLDI. Questa degenerazione, da cui per fortuna Donatello, Raffaello, Michelangelo e Leonardo si sono ripresi alla grande con le due nuove serie animate, molto amate dal pubblico (anche se la serie del 2003 l'ho vista solo di sfuggita perchè quando la facevano la guardavo per aspettare l'anime dei Pokèmon, e solo gli ultimi minuti).
Dal 1990 in poi i prodotti live-action con le TMNT abbondavano come spin-off della serie: dai tre film (qui la recensione del primo, qui del secondo, qui del terzo) a vari special musicali, quali un musical che fece solo una tournée e alcuni episodi con attori in guscio e ossa, come We wish you a turtle Christmas!
We wish you a turtle Christmas (1994) - compriamo un regalo per Splinter!
We wish you a turtle Christmas è uno special delirante che farebbe schiantare dalle risate anche Licia, Andrea, Giuliano, Mirko, Marrabbio e tutti gli altri personaggi dei telefilm tratti da Kiss Me Licia, mentre mangiano una pizza alle fettine panate.
Innanzitutto, le TMNT non c'entrano un bel niente con la musica, e per giunta qui non combattono. Lo special dura 22 minuti che vi garantiranno risate fino alle lacrime.
Le quattro tartarughe vogliono prendere un regalo per Splinter, e quindi si dirigono fuori dalle fogne e nel frattempo canteranno un sacco di canzoni ASSURDE spaziando dai classici natalizi, al rap e...all'opera (cantata da Michelangelo sotto l'albero in un'isola di traffico newyorkese mentre un Babbo Natale sta accanto all'albero a rompersi le scatole e parlare brevemente con una delle tartarughe).
I costumi dei personaggi sono pessimi, si vede chiaramente dove finisce la maschera sull'attaccatura del collo. Inoltre, ci sono dei momenti in cui gli attori sembrano rompersi le palle di essere in scena (addirittura si vede Donatello con una faccia che sembra sia morto in piedi o si sia addormentato in preda alla disperazione). La maschera di Splinter poi sembra fatta con un budget di un dollaro uno. 
Raffaello e Michelangelo inoltre hanno le fascette così uguali che ho rischiato di confonderli: ah, e Raffaello non sa ballare come un'egiziano!
C'è inoltre un bambino con i pattini a rotelle che gironzola allegro per le fogne e...una delle tartarughe (credo Leonardo, ma in questo film le fascette di Leonardo e Donatello da una parte, e Raffaello e Michelangelo dall'altra, sono difficili da distinguere...e poi HANNO TUTTI LA STESSA FACCIA!) lo spinge molto ma molto educatamente fuori dalla scena.
Tornati a casa da Splinter, gli autori di questa merdaviglia devono trovare un modo per riempire il tempo, e lo fanno facendo cantare alle tartarughe e a Splinter tutta la canzone The Twelve Days of Christmas sprecando ben quattro (in)utili minuti! Se riuscite ad ascoltare tutta la canzone, meritate un premio!

E alla fine nel rifugio delle TMNT spuntano da chissà dove (e chissà perchè sono lì...meglio non pensarci) dei bambini che si mettono a cantare con loro senza alcuna voglia di farlo.

E dopo i titoli di coda...c'è una scena extra, con le tartarughe che parlano, su schermo completamente nero... per raggiungere i minuti previsti dal contratto.


Cosa dire di questa roba? DOVETE VEDERLA ASSOLUTAMENTE! 
Non sto scherzando, è una di quelle cose talmente brutte da risultare estremamente belle e divertenti, e soprattutto vi farà piangere istericamente dalle risate, come dei pazzi!
Ci troviamo di fronte a un CAPOLAVORO ASSOLUTO DEL TRASH, a livelli di trash DOC con denominazione IGP e soprattutto, dato i protagonisti, presidio SLOW FILM.
Le parole servono fino a un certo punto...bisogna vedere per capire appieno quanto sia pattone questo prodotto.
Perciò vi metto qui lo special in due parti: spero vi farete delle grasse grosse risate greche! C'è pure la versione con un esilarante (e sfottorio) commento scritto: cliccate qui per vederla!


 A presto!Petralia Alaskana

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Splinter ( 2008 )

    Splinter 2008

    Seth e Paula sono una coppia di fidanzati che vuole trascorrere una vacanza all'insegna del campeggio più avventuroso. A causa di problemi con le tende optano... Leggere il seguito

    Da  Bradipo
    CINEMA, CULTURA
  • Brands We Love| INNIU

    Brands Love| INNIU

    La moda italiana si sa, mette l'acquolina in bocca agli elegantoni del mondo intero. Proprio per soddisfare l'esigenza di estetica e bellezza, nel 2010 vede la... Leggere il seguito

    Da  Cchissima
    LIFESTYLE, MODA E TREND
  • Brands We Love| Ultràchic

    Brands Love| Ultràchic

    Cosa c'è di più chic di Chicchissima?Ultràchic, naturalmente!Scherzi a parte, non potevamo non ospitare sulle nostre pagine questo brand romantico con brio che... Leggere il seguito

    Da  Cchissima
    LIFESTYLE, MODA E TREND
  • In green we trust

    Da bambino mi avevano insegnato una barzelletta: Sai perché una gallina attraversa la strada? Per andare dall'altra parte. Non l'ho mai trovata... Leggere il seguito

    Da  Scriptomanti
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Before We Go

    Before

    E' già Ieri. -2014-Non un weekend, questa volta, ma una manciata di ore, notturne, per conoscersi e venirsi incontro.E' ancora una volta un film sulle corde di... Leggere il seguito

    Da  In Central Perk
    CINEMA
  • Brands We Love| Quattromani

    Brands Love| Quattromani

    Di Quattromani abbiamo già parlato recentemente.Per questa collezione i due stilisti, portano in passerella le Janas ( popolo di piccole fate tessitrici della... Leggere il seguito

    Da  Cchissima
    LIFESTYLE, MODA E TREND
  • Recensione: "We are what we are" (2013)

    Recensione: what are" (2013)

    Un grande incipit e un ottimo finale non ce la fanno a salvare del tutto un horror "drammatico" che, con fatica, cerca di esplorare la tematica dell'accettazion... Leggere il seguito

    Da  Giuseppe Armellini
    CINEMA, CULTURA