Magazine Diario personale

With the nose up...Con il naso all'insù

Da Bogomillahopp21 @BogomillaHopp
La vita corre frenetica, gli impegni si susseguono incessanti e arrivo a sera chiedendomi come la giornata sia volata via senza accorgermene quasi e avendo bisogno di almeno un'altra mezza giornata per finire quanto ho iniziato. Mentre guido per andare al lavoro cerco sempre di osservare la natura e i suoi mutamenti, i suoi magnifici colori e sperando di incontrare ogni giorno un animale che sbuca dal bosco. Finora, ho incontrato - di sera- una volpe che spaventata dai fari delle auto era rimasta impietrita e indecisa da quale parte dirigersi per nascondersi nel bosco che incornicia la strada, un cinghiale non affatto preoccupato, anzi si sentiva del tutto a casa sua e in diritto di attraversare la strada e proseguire imperterrito, scoiattoli ricci che purtroppo hanno spesso la peggio.
Domenica scorsa qui c'era un cielo meraviglioso e ho approfittato della temperatura piacevole, come spesso capita più a dicembre che a novembre, per fare una passeggiata tra le stradine della collina e stare col naso all'insù, complice la nuova macchina fotografica reflex che ho espressamente chiesto per Natale...dovevo pur provarla, no?
With the nose up...Con il naso all'insù
Un bellissimo faggio pendulo con foglie arancio e un cervo di ferro troneggia sull'angolo di una casa in mattoni sopra a casa mia.
With the nose up...Con il naso all'insù
 Percorriamo poche decine di metri e notiamo un altro bellissimo albero: un caco colmo di frutti. Sembra adorno di palline di Natale...fosse imbiancato dalla neve, sarebbe magico. E ancora bacche arancioni, rosse e vermiglie su arbusti e alberi.
With the nose up...Con il naso all'insù
With the nose up...Con il naso all'insù
La natura sembra addormentata e ferma. In realtà, le gemme degli alberi sono sempre più gonfie  e  vediamo tante tane di talpe ricoperte dalla brina del mattino.
With the nose up...Con il naso all'insù
Questo è un albero molto particolare di cui non conosco il nome e che è diverso in ogni stagione per frutti, foglie e gemme...pelosissime ed enormi! Devo scoprire come si chiama...
Più avanti, percorrendo i sentieri della passeggiata che solitamente facciamo anche con Lothar che, dalla primavera dobbiamo trattenere perchè non si faccia i fanghi alla pancia...sì avete capito bene, il nostro cane deve essere incrociato con qualche cinghiale perchè appena vede del fango e fa un po' caldo, fa finta di niente e poi....splash! si sdraia con le zampe anteriori e posteriori allungate nei canali fangosi e si rotola dentro cambiando colore e per la mia gioia che poi lo devo lavare (argh!!!!)
With the nose up...Con il naso all'insù
Il cielo si specchia in questo stagno che in alcuni punti è ghiacciato.
Vi ho portato con me in passeggiata a respirare un po' di aria buona e a vedere cosa c'è intorno a casa nostra.
Un abbraccio,
With the nose up...Con il naso all'insù

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :