Magazine Cinema

World War Z – Corri ragazzo Corri

Creato il 19 giugno 2013 da Poison78 @poison78

World War Z – Corri ragazzo Corri

USCITA CINEMA: 27/06/2013
GENERE: Azione, Horror
REGIA: Marc Forster
SCENEGGIATURA: J. Michael Straczynski, Matthew Michael Carnahan
ATTORI: Brad Pitt, Mireille Enos, Eric West, Matthew Fox, James Badge Dale, David Morse, Elyes Gabel, Michiel Huisman, David Andrews, Trevor White, Sterling Jerins, Daniel Newman, Nikola Djuricko
FOTOGRAFIA: Robert Richardson
MONTAGGIO: Matt Chesse
MUSICHE: Marco Beltrami
PRODUZIONE: Plan B Entertainment, Apparatus Productions, Paramount Pictures, Skydance Productions, UTV Motion Pictures
DISTRIBUZIONE: Universal Pitures
PAESE: USA 2013
FORMATO: Colore
Sito Italiano

Dal romanzo omonimo di Max Brooks

 

Trama:

La storia segue Gerry Lane (Pitt), un impiegato delle Nazioni Unite, che gira il mondo in una corsa contro il tempo per fermare una epidemia che rovescia eserciti e governi e che minaccia di decimare la popolazione mondiale.

world war z-daruma.view.cinema

Commento:

Popolare fin dai lontani anni ’70, la figura degli zombie è tornata prepotentemente in auge non solo grazie ad una serie di prodotti ben realizzati come la serie tv “The Walking Dead” anche se in ribasso con la terza stagione, ma soprattutto per l’inevitabile clima di sfiducia e voglia di cambiamento che la nostra società ha maturato fortemente in questo clima di crisi senza uscita. Alla base del progetto del regista Marc Foster e del protagonista e produttore Brad Pitt, evito di elencarli tutti, troviamo l’omonimo romanzo apocalittico di Max Brooks, autore anche del “Manuale per Sopravvivere agli Zombie”, i non morti come metafora del mondo, uno specchio per il degrado della società.

world war z-daruma.view.cinema

Contrariamente al libro, che viene raccontato con l’espediente della raccolta delle testimonianze degli avvenimenti, la pellicola è incentrata sulle vicende di un unico protagonista così da facilitare la fruibilità della narrazione. Questo accorgimento ha dato modo di alleggerire il compito agli sceneggiatori che mantenuti i temi essenziali del romanzo hanno potuto realizzare una trama lineare e per nulla frammentata. Un prodotto godibilissimo sotto l’aspetto narrativo che intrattiene lo spettatore senza troppe difficoltà e che non ci risparmia qualche buona intuizione come il confronto zombie/madre natura effettivamente interessante.

world war z-daruma.view.cinema

Visivamente parlando l’operato è caratterizzato da una serie di alti e bassi non fastidiosi ma eccessivamente limitanti. I non morti vengono quasi sempre raffigurati come una mandria di cani rabbiosi impazziti, modello “28 giorni dopo”. Fin dalla bellissima scena iniziale dell’epidemia siamo spettatori di una ipotetica maratona di Philadelphia, in una Glasgow veramente ben mascherata, in corsa per la vita. In ogni momento che le vite dei protagonisti saranno in pericolo, saremo sempre in fuga. “Il movimento è vita”.

world war z-daruma.view.cinema

Se questa componente da una parte offre una buona rappresentazione dell'ansia e di realismo, il fuggire dalle avversità, dall’altra crea una serie di situazioni e visioni di immagini confusionarie difficili da seguire dove si capisce e si vede ben poco. Un buon espediente anche per mascherare degli effetti in computer graphics  non sempre in linea qualitativamente con i blockbuster più blasonati . L’effetto della terza dimensione è ottimo, molto coinvolgente, benché deleterio nell'amplificare ancora di più il senso di confusione e smarrimento nelle scene più concitate. Spettacolare l’assalto alla città di Gerusalemme.

world war z-daruma.view.cinema

Altro aspetto poco azzeccato è la decisione della produzione di voler adattare il prodotto alle famiglie, così da realizzare un horror dove mancano solo le grandi orecchie e un castello nei titoli di testa per affibbiare la produzione alla casa di topolino. Un film di zombie senza sangue, qualche goccia, poche macchie, il resto è giocato sul vedo e non vedo. Cani rabbiosi quasi privi di ferite e scene forti censurate a prescindere. Non manca qualche salto dalla sedia e un po’ di suspense come nelle scene nel laboratorio ma veramente poca cosa per annoverare il titolo alla stregua del classico film del terrore. La suggestione, se esiste, è quella psicologica nei confronti degli eventi ma nutro poche aspettative nella sensibilità generale dello spettatore che da questo tipo di cinema cerca prima di tutto, e aggiungerei giustamente, la paura.

world war z-daruma.view.cinema

Marc Foster si conferma un regista più in palla per quanto riguarda un tipo di regia riflessiva e ordinata, e  poco incline nel  saper dirigere con le stesse capacità le tematiche più action. Il suo talento emerge del resto nelle parti del film più ponderate verso il forte legame familiare che unisce Gerry Lane (Brad Pitt) alla sua famiglia. Scene in cui Foster riesce a sviluppare argomenti più intimi e a lui cari come il nucleo familiare, l’amore o la fatalità. Purtroppo anche in questo caso manca il vero dolore sul volto dei vivi quasi a voler mascherare volutamente ogni tipo di violenza. Discrete le interpretazioni in linea con la produzione, ho trovato gradevole il personaggio di Segen, il tenente israeliano interpretato da Daniella Kertesz.

world war z-daruma.view.cinema

Tutti questi aspetti delineano infine una discreta pellicola d’azione dal non proprio sufficiente tasso di suspense. Godibilissima per quanto riguarda l’intrattenimento ma lontana anni luce da ogni tipo di rivincita del genere Zombie nei confronti dei blockbuster americani.  Ne horror ne thriller politico/sociale è un discreto film di produzione hollywoodiana per intrattenere senza troppe complicazioni lo spettatore. Buono da guardare, cattivo per temere.

WORLD WAR Z

Pro.

  • Intrattenimento garantito.
  • Buone intuizioni.
  • Scene di grande impatto visivo.

Contro.

  • Si corre troppo e in piena confusione.
  • Quasi totale assenza del sangue.
  • Un film di zombie scritto da Topolino.

world war z-daruma.view.cinema


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • World war z

    World

    Brad Pitt è leggendaBlockbuster catastrofico dal concept non molto originale, World War Z parte con il piede pigiato sull’acceleratore e non lo stacca quasi mai... Leggere il seguito

    Da  Ussy77
    CINEMA, CULTURA
  • World War Z (Film 2013) – [Recensione]

    World (Film 2013) [Recensione]

    Inutile montare paragoni col libro da cui è tratto, l’omonimo di Max Brooks. I punti in comune col testo sono ben riassunti da questo grafico esplicativo:... Leggere il seguito

    Da  Elgraeco
    CINEMA, CULTURA
  • World War Z

    World

    Anno: 2013Nazionalità: USADurata: 116’Genere: HorrorRegia: Marc ForsterDistribuzione: UniversalUscita: 27 giugno 2013 Che prima o poi sarebbe successo era... Leggere il seguito

    Da  Taxi Drivers
    CINEMA, CULTURA
  • Il Cinema di Post Scriptum: World War Z e Salvo tra le novità

    Cinema Post Scriptum: World Salvo novità

    Stavolta tocca a Brad Pitt salvare il mondo dall’assalto zombie: arriva l’atteso “World War Z” diretto da Marc Forster. Ma in sala ecco finalmente “Salvo”,... Leggere il seguito

    Da  Postscriptum
    CINEMA, CULTURA
  • Recensione: World War Z

    Recensione: World

    World War Z: ovvero il miglior romanzo di zombie di sempre, senza se e senza ma. L'opera di Max Brooks, sequel spirituale del suo Manuale per Sopravvivere agli... Leggere il seguito

    Da  Giobblin
    CINEMA, CULTURA, LIBRI
  • Recensione di World War Z. Zombie e musica elettronica

    Recensione World Zombie musica elettronica

    In World War Z, il nuovo film zombie uscito nelle sale ieri 26 giugno, saltano subito all’orecchio le inconfondibili melodie dei Muse. Leggere il seguito

    Da  Retrò Online Magazine
    ATTUALITÀ, CINEMA, CULTURA, SOCIETÀ
  • world war z

    world

    (Usa 2013) Un virus misterioso trasforma gli uomini in zombie, catatoniche creature affamate di carne umana. Nel giro di pochi giorni il mondo intero è nel caos. Leggere il seguito

    Da  Albertogallo
    CINEMA, CULTURA