Magazine Cultura

Ysobel e il suo dono

Creato il 22 gennaio 2016 da Paperottolo37 @RecensioniLibra

Recensione de “Le Anime bianche” di Frances Hodgson Burnett

Salve a tutti!

LE ANIME BIANCHE
A volte capita di leggere dei piccoli gioielli narrativi. Questo è il caso del racconto di Frances Hodgson Burnett, la “mamma” de “Il Piccolo Lord” per capirci, intitolato “Le Anime bianche“. Scritto in origine nel 1917 è uscito in Italia il giorno dell’Antivigilia di Natale grazie alla Panesi Edizioni e alla traduzione curata dalla bravissima Annarita Tranfici. Si tratta di una storia positiva nella quale non esistono figure di “cattivi” ma dove tutti collaborano alla perfetta riuscita di un racconto che pur nella sua brevità rappresenta un Universo di personaggi stupendi, delicati, poetici e di una tenerezza incredibile.La storia nasce da un grande dolore. A portare l’autrice a dar vita a “Le Anime bianche” è infatti la necessità di dare sfogo a quello che per una madre è il dolore più grande. Veder morire, in giovane età, il proprio figlio prediletto. Questo e la volontà di trovare una risposta alla grande domanda relativa a: “Cosa c’è nell’Altrove che noi si raggiunge una volta varcata la soglia di questo nostro mondo terreno?”

LE ANIME BIANCHE
A rispondere a queste domande e necessità è Ysobel, la profondissima e complessa protagonista del racconto. Seguiamo Ysobel nelle varie fasi della sua vita, dall’infanzia alla giovinezza. Ysobel è una ragazza timida che vive in un castello isolato nel nord della Scozia. L’essere timida e silenziosa non attira a Ysobel l’interesse e la simpatia dei suoi parenti londinesi che si ritengono estremamente fortunati quando possono venir esentati dal rendere visita a quella parente “stramba”. Ysobel ha però un dono meraviglioso. Sa vedere le persone che, pur se morte, restano attaccate a questo mondo allo scopo di cercare di consolare i propri cari travolti dal dolore. Ysobel le chiama “anime bianche” e ne parla, prima ai tutori che l’hanno allevata fin da piccola e poi al proprio scrittore preferito, conosciuto durante un ricevimento nella capitale inglese. Con quest’uomo, ancor giovane ma già segnato terribilmente a causa di un difetto cardiaco, intreccerà un legame profondo. Legame che poi si allargherà anche alla madre di lui. Grazie al suo “dono” Ysobel aiuterà madre e figlio a superare la “Paura”, ossia quell’orrore di non sapere, come si diceva in precedenza, “cosa aspettarsi dopo il passaggio tra il nostro mondo e quello di là”. Grazie al racconto di un sogno fatto, sogno che ha tanto l’aspetto di un’esperienza di premorte, Ysobel riuscirà a comunicare una sorta di pace ai due, pace che li aiuterà ad affrontare il “passaggio di Hector”, questo il nome del figlio scrittore.

Una storia poetica e dolcissima. Un piccolo scrigno di Bellezza. Una Bellezza assoluta da gustare con calma così da potersi immergere dentro il racconto e poterne assaporare, oltre all’indiscutibile Bellezza, anche i significati profondi e positivi che esso porta con sé.

Grazie di cuore ad Annarita Tranfici e alla Panesi Edizioni per aver permesso ai lettori italiani di gustarsi questo piccolo grande gioiello della Letteratura!

E, naturalmente, grazie di cuore anche a tutte e tutti voi per la pazienza e l’attenzione che anche stavolta mi avete dedicato!

Buon pomeriggio e, come sempre, Buona lettura, meglio ancora se in compagnia de “Le Anime bianche” di Frances Hodgson Burnett!

Arrivederci alla prossima!

Con simpatia! :)

LE ANIME BIANCHE



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :