Magazine Calcio

29 maggio 1985: la strage dell'Heysel

Creato il 29 maggio 2010 da Juveincampo

« Tuttocalciomercato: Inter-Mourinho-Real Madrid, non si trova l'accordo | Homepage

29/05/2010

29 maggio 1985: la strage dell'Heysel

«Heysel, la partita mai iniziata». Il ricordo di Del Piero bambino e Platini.Il blog Juveincampo ricomincerà le pubblicazioni domani 30 maggio

Del Piero: «Heysel, la partita mai iniziata» FOTO E VIDEO

Alex: «CAPII IN QUELL'OCCASIONE DOVE PUO' ARRIVARE LA BESTIALITA' UMANA»

«29 maggio 1985, avevo undici anni, me lo ricordo bene. La mia squadra deve vincere la Coppa dei Campioni. Questa volta non puo’ sfuggirci, siamo i più forti. Il giorno dopo c’è la scuola ma so che i miei mi faranno fare tardi, tanto non sarei riuscito a dormire. A casa siamo tutti juventini: papà, mamma, mio fratello. La partita l’ho già giocata nel pomeriggio con il mio pallone, e la sera prima di andare a dormire con la mia immaginazione, come sempre interpretando la parte di tutti i giocatori. La fantasia ti fa volare, qualche anno più tardi avrei scoperto che la realtà la può anche superare». Alessandro Del Piero ricorda sul suo sito la tragica notte dell'Heysel, una partita che il capitano della Juve ha vissuto davanti al televisore. «E’ una di quelle partite di cui parlano tutti, in Veneto poi… E’ pieno di juventini come noi. Eppure Juventus-Liverpool, finale di Coppa dei Campioni 1984/85 dallo stadio Heysel di Bruxelles, la vediamo a con un tifoso dell’Inter: è un collega, caro amico di mio papà, che ci aveva invitato a cena. Una bella occasione per stare insieme e per fare festa, a casa di un amico e non certo di un “avversario”… Tutto il bello del calcio e della passione per una squadra, per me, sta tutta in quell’attesa.


Tutto il brutto, quanto di più drammatico si possa immaginare, sta tutto in quello che è accaduto dopo. Ricordo una cena consumata in pochi minuti per correre a giocare con il figlio degli amici dei miei, prima del calcio d’inizio. Ricordo una partita che non comincia mai, mentre “i grandi” sono a tavola, con gli occhi fissi alla televisione, la voce per me lontana di Bruno Pizzul che rivela a milioni di spettatori quello che sta accadendo. Io sono di là a giocare. Solo più tardi mi spiegheranno, comincerò a capire dove può arrivare la follia, la bestialità, ma anche l’irresponsabilità degli uomini. Torniamo a casa tra il primo e il secondo tempo. La partita era inizita, poco contava ormai. Ma quale partita. Vinciamo la Coppa, sì. Ma all’Heysel sono morte 39 persone, di cui 32 italiani, juventini che volevano festeggiare, come me e la mia famiglia. Come noi, potevamo esserci noi. Adesso sono il capitano della Juventus. Sono passati venticinque anni, da diciassette sono dall’altra parte, non più tifoso ma protagonista. Oggi ricorderemo le vittime di quella tragedia. Lo farò non soltanto da giocatore della Juventus, ma da tifoso, da bambino di undici anni che sognava di giocarla, quella finale. Non la dobbiamo mai dimenticare. E in particolar modo noi che abbiamo la fortuna di indossare questa maglia - per un minuto come per una carriera – dobbiamo rivolgere un pensiero a quella partita mai iniziata e a chi per quella partita, per quella passione, per la Juventus, ha perso la vita».

Platini:

«In quella lontana primavera dell'85, ero un calciatore non ancora trentenne, gioioso e spensierato come tanti che sono venti a Bruxelles per amore della maglia bianconera e che non sono mai tornati a casa, strappati al loro amore in quella tragica notte dell'Heysel. Noi tutti eravamo coscienti che non era una partita normale».... «Quella partita non è durata 90 minuti, si sta giocando ancora oggi. Quella sera non è mai finita, è rimasta nella nostra vita e ci resterà per sempre. Nessun telespettatore potrà mai cancellarla dalla nostra memoria. I nostri pensieri e i nostri cuori sono acanto alle famiglie. Oggi non sono più il giovane calciatore dell'85, oggi sono presidente dell'Uefa e vi assicuro che tragedie come quelle dell'Heysel non accadranno mai più. Io mi impegnerò sempre affichè ci sia la massima sicurezza negli stadi, questa sarà sempre la mia priorità».

18:58 Scritto da : juveincampo in Date Importanti, News | Link permanente | Commenti (0) | Segnala | Tag: strage heysel, sport, juventus-liverpool heysel, news sportive | OKNOtizie | 29 maggio 1985: la strage dell'Heysel Facebook

Scrivi un commento

NB: i commenti di questo blog sono moderati.

In risposta a:
Il tuo nome :
- La tua mail :
- La tua URL :
Il tuo commento :
- Ricorda questi dati:
Iscriviti a questo modulo

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :