Magazine Cultura

91. Il tuo nome

Creato il 16 giugno 2012 da Fabry2010

Pubblicato da fabrizio centofanti su giugno 16, 2012

da qui

Romolo, Romolo. Le hai provate tutte: lo scrittore, lo psicologo, l’uomo dagli occhi grandi e azzurri che hai visto svanire nel nulla, sulla torre. Ti chiedi se sia possibile trovare uno spiraglio, una via d’uscita al muro che inibisce ogni finale. Sei in un vicolo cieco, l’esito previsto della tua vita inconcludente, trascorsa a inseguire una bambina che non ha voluto rivelarti il nome. Se almeno ricordassi com’è cominciato, tutto questo, cosa provasti al vostro primo incontro. Ti ha stregato, ma non sai spiegartene il motivo. Hai la sensazione che ritorni in ogni pagina di libro, come una specie di fil rouge, di trait d’union tra i sogni e la vita quotidiana. A proposito, hai fatto un sogno strano: tuo padre diventava piccolo, sempre più piccolo, al punto che avresti potuto prenderlo nel palmo di una mano: che può significare? Si muove qualcosa? Che la sensazione di non poter dire l’ultima parola, di non riuscire a esprimerti davvero, cominci a regredire, a lasciare il posto a un’altra fase, in cui il tuo più autentico si faccia finalmente strada? Romolo, Romolo. Fino a oggi hai avuto la mente ingombra di domande: potresti fermarti, dare alla risposta che attendi il tempo di raggiungerti, per esempio nel locale all’angolo di Quai des Gesvres, dove campeggia una tenda rossa con la scritta Bistrot Marguerite. L’aria è tersa, il cielo è di un azzurro chiaro come gli occhi di Fofner; forse è proprio lui che ti accompagna, che non è capace di abbandonarti per sempre al tuo destino. Le macchine scorrono lente sulla strada in ombra, un uomo è seduto accanto a te, col motorino parcheggiato poco oltre il tavolo di legno, un altro si affaccia dall’ingresso come in attesa di qualcosa che non sa. Non ti capaciti di come sia successo: un evento di quelli che accadono senza legami con ciò che segue e precede, ma sono lì, con l’evidenza del sole che spunta dietro la massa bianca della case, del passero che si posa sulla sedia per beccare le briciole di pane. Quando è apparsa, da lontano, hai sentito che qualcosa invadeva il tuo campo di attenzione, che urgeva mettere a fuoco la figura agile, decisa, che percorreva il tratto dove finiscono i palazzi e comincia la grande aiuola verde scuro, e ti è sembrato un sogno, antitetico rispetto a quello di tuo padre che diventava piccolo, minuscolo; qui l’immagine cresceva, i tratti erano più riconoscibili, e per un attimo hai pensato che i due momenti fossero collegati chissà come, quello del sogno e quello della donna in bicicletta che passava ora, proprio ora, avanti a te, e tu eri preso da non so che istinto, ti alzavi di scatto dal tavolo del bar, al punto che il cameriere ti guardava preoccupato, pensando che volessi evitare di pagare il conto, e allungavi il braccio, puntavi il dito verso lei, che stava per svanire come un refolo di vento, e con tutta la voce che ti restava in corpo, soffocata solo in parte dall’emozione che t’invadeva senza scampo, le chiedevi, gridavi: dimmi il tuo nome! mentre il cielo azzurro sopra Quai de Gesvres si posava sull’asfalto, lasciando una macchia diafana e umida di nuvole.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il cielo

    cielo

    Magdalena Wanli Il cielo sempre uguale sembra non leggere il tormento, il respiro di lei che si fa affanno, scuote il petto, fa tremare le mani che nel tempo... Leggere il seguito

    Da  Viadellebelledonne
    CULTURA, LIBRI
  • Il protagonista

    protagonista

    Wikipedia lo definisce così: Il protagonista o personaggio principale è la figura centrale di una narrazione, quella attorno a cui si svolge principalmente la... Leggere il seguito

    Da  Chichili123
    CULTURA, EBUSINESS, LIBRI
  • Il cappotto

    cappotto

    1952, Alberto Lattuada.Secondo molti è il capolavoro di Alberto Lattuada, secondo me sicuramente è un capolavoro di Renato Rascel, che 7 anni prima di... Leggere il seguito

    Da  Robydick
    CINEMA, CULTURA
  • Il Buono, Il Matto, Il Cattivo e il Coreano

    Buono, Matto, Cattivo Coreano

    E' ormai tempo che l'oriente si è fatto avanti nella cinematografia sia in tema di remake che di opere originali. Il buono il matto il cattivo ovviamente si pon... Leggere il seguito

    Da  Presidenziali
    CINEMA, CULTURA
  • Il muro

    Pubblicato da fabrizio centofanti su gennaio 12, 2012 da qui Mi hai riportato il sole, stamattina. C’è posto, stranamente, in questo inverno che sembra... Leggere il seguito

    Da  Fabry2010
    CULTURA
  • Il telegramma

    telegramma

    Scarica Titolo: Il telegramma Autore: Luigi Salerno Formato: pdf Categoria: Racconti Licenza: Quest'opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzion... Leggere il seguito

    Da  Camphora
    CULTURA, LIBRI
  • Il Debutto...

    Debutto...

    Debutto con successo, venerdì 13 gennaio al "Teatrino Basaglia" di Trieste, della nostra nuova commedia "TRE STRANI NADAI PER SEI STRAMBI S'CIOPAI" (da “Absurd... Leggere il seguito

    Da  Icocaits
    CULTURA, PALCOSCENICO, TEATRO ED OPERA

Magazine