Magazine Asia

A Kyoto per la fioritura dei ciliegi

Da Patrickc

Kyoto e i ciliegi in fiore: tutto quello che c’è da sapere (e qualche foto), anche per chi si è mosso all’ultimo momento

 
Tra fiori di pesco
che sbocciano ovunque
il primo fior di ciliegio
(Matsuo Basho)

Due maiko a Kyoto

Due maiko a Kyoto
Foto da Flickr, di Kate Nevens (cc – attribution)

A Kyoto i ciliegi stanno tornando a fiorire in queste ore e il weekend di massimo splendore dal 5 al 6 aprile (previsioni aggiornate qui) vede gli alberghi già pieni al 92% nonostante manchino oltre due settimane (fonte Booking.com). Sto per ripartire per il Giappone e per la prima volta vado in primavera, nella stagione dell’hanami (花見 significa semplicemente ‘guardare i fiori’), tradizione antica che ancora oggi significa ritrovarsi con gli amici sotto gli alberi di sakura (ciliegio in giapponese) e… fare festa. Significa però anche orde di turisti, stranieri, ma anche e soprattutto locali.

Sono emozionato, perché vedrò in una veste nuova una delle città che amo di più al mondo, Kyoto. Però non amo l’alta stagione, non amo dover pianificare i viaggi in anticipo: questa volta siamo stati costretti a farlo e nonostante avessimo iniziato a cercare con due mesi di margine la ricerca degli alberghi è stata particolarmente ardua.

In questo post condivido qualche informazione che ho raccolto, utile in particolar modo per i ritardatari. Per chi non ha in programma un viaggio a breve ci sono invece alcune splendide foto per… farvi cambiare idea (le foto non sono mie, visto che per me sarà la prima volta).

Ciliegi in fiore al giardino botanico di Kyoto

Ciliegi in fiore al giardino botanico di Kyoto
(da Flickr, foto di Kimon Berlin cc – attribution share alike)

Prenota gli alberghi a Kyoto con largo anticipo

1526322_10202786264314823_1210462130_n

La stanza di un ryokan economico
(pensione in stile tradizionale)

Le prime stime affidabili sulla fioritura dei ciliegi cominciano a essere pubblicate a febbraio, ma inizio aprile è in ogni modo il più delle volte il periodo migliore.  Quindi prenota in anticipo, specie se vuoi avere una buona scelta di alberghi o ryokan (qui i diversi tipi di sistemazione in giappone): comincia la ricerca con almeno tre mesi, meglio quattro davanti e metti in conto prezzi più alti del normale Molto del turismo è giapponese e nessuno prenota in anticipo quanto loro!

Inside Kyoto ha una pagina (in inglese) in cui fornisce alcuni consigli su dove alloggiare: meglio non stare a nord e sud higashiyama (la zona oltre il fiume) perché  strapiene di turisti; più consigliabile alloggiare nella zona di kawaramachi/mercato Nishiki (Kyoto centro) o della stazione. Qui la lista dei migliori posti dove alloggiare a Kyoto secondo il sito.

La capsula di Nine hours kyoto

La capsula di Nine hours kyoto

Detto che secondo me a Kyoto si deve stare in ryokan (pensione tradizionale), per chi ha un budget ridotto consiglio decisamente Hana hostel (che ha anche stanze in stile giapponese), a due passi dalla stazione, e lo splendido capsule hotel Nine hours che ha una posizione davvero fantastica e prezzi convenienti. Entrambi – come tutte le sistemazioni migliori – al momento risultano esauriti per l’inizio di aprile (nelle date che ho cercato).

Anche eventuali tour organizzati vanno prenotati con grande anticipo: nelle scorse settimane ho tentato di prenotare un corso di cucina, ma è tutto esaurito fino al 24 aprile!

Se sei ancora senza albergo a Kyoto

Kyoto ha una scelta incredibile di alberghi, ostelli e ryokan di ogni livello e non tutti sono sui siti più usati come booking.com. Quindi anche se tutto sembra già prenotato o troppo caro per la fioritura dei ciliegi, hai ancora delle chance. E’ ancora Inside Kyoto a venire in aiuto suggerendo siti alternativi: Japanican (specializzato in ryokan), Agoda e Rakuten travel propongono molti indirizzi che non sono presenti su Booking o Expedia. Controlla sempre bene la mappa e come si arriva all’albergo: Kyoto è molto vasta e alcune sistemazioni sono davvero fuori mano e scomode.

L’ultima possibilità – anche se prenotare a Kyoto per me è irrinunciabile – è cercare in una città vicina, specie se hai il Japan rail pass e puoi muoverti liberamente in treno: Osaka è a 2o minuti di treno, Nagoya a poco più di mezz’ora e sono molto meno affollate di turisti.

Dove vedere i ciliegi in fiore a Kyoto

Japan Guide propone una lista completa dei punti più belli: ai primi posti il Sentiero della Filosofia , il parco Maruyama koen, Arashiyama (splendida località vicina a Kyoto, famosa per i templi e la foresta di bambù) e il tempio Heian.

Il parco Maruyama koen

E’ il grande giardino dietro allo Yasaka jinja, uno dei templi più importanti di Kyoto. E’ una zona tranquilla tutto l’anno, ma che fra marzo e aprile diventa popolarissima. Qui in primavera nascono ristorantini, chioschi e sotto gli alberi compaiono tantissimi tavolini che, assieme ai tappetini dei privati, occupano ogni centimetro del parco: da vedere. Il parco è famoso anche per il suo antico ciliegio ‘piangente’: ha oltre 200 anni.

Maruyama Koen Kyoto

Al Maruyama Koen, il ciliegio più antico di Kyoto (200 anni)
(da Flickr, foto di Fabiano Kai – cc attribution non commercial)

Il sentiero della filosofia

Splendida passeggiata lungo un canale fra l’Eikan do e il Ginkaku-ji, il Tetsukagu no michi è molto piacevole tutto l’anno, ma in aprile diventa spettacolare. Secondo le guide la sera, andati via i turisti, diventa uno dei posti migliori dove godersi i fiori.

Il sentiero della filosofia Kyoto

Il sentiero della filosofia a Kyoto
(da Flickr, foto di Eddie Chang cc- attribution non commercial)

Arashiyama

Questa località vicina a Kyoto ha alcuni dei più bei templi e panorami della zona ed è comunque una meta dove andare. E’ anche un bel posto dove osservare i ciliegi, lungo il fiume Katsura-gawa e nel parco, anche se non spettacolare come altre zone.

Le rive del Katsura-gawa ad Arashiyama

Le rive del Katsura-gawa ad Arashiyama
(da Flickr, foto Jpellgen cc – attribution non commercial)

Hanami al parco di Arashiyama

Hanami al parco di Arashiyama
(da Flickr, foto Jpellgen cc – attribution non commercial)

 

Gli altri punti: Shinbashi, Kyomizudera e Giardino botanico

Sempre il sito Inside Kyoto aggiunge alla lista Shinbashi e il tempio Kyomizudera illuminati la sera propone qualche consiglio per evitare le folle. Raccomanda in particolare il giardino botanico di Kyoto, amato dai residenti locali e quasi sconosciuto ai turisti. Quest’ ultimo secondo Chris Rowthorn (autore di Lonely Planet e Inside Kyoto) è anche un ottimo punto in cui infilarsi in una delle tante feste private che si svolgono sotto i ciliegi (il consiglio è di portarsi da bere e farsi invitare o… unirsi alla festa con un po’ di faccia tosta!).

Shinbashi di notte

Shinbashi di notte: è la via più bella di Kyoto
(Christian Kaden, da Flickr cc – attribution non commercial)

Giardini botanici di Kyoto

Giardini botanici di Kyoto
(foto da Flickr, Olivier Lejade – cc attribution share alike)

Ciliegi in fiore al giardino botanico di Kyoto

Ciliegi in fiore al giardino botanico di Kyoto
(foto di T.Kiya da Flickr, cc attribution non commercial share alike)

Link utili:

Hanami, qualche informazione storica su The Japanese dreams

Tre posti dove mangiare a Kyoto (Orizzonti)

Questo post ti è piaciuto o è stato utile? Clicca ‘mi piace’ alla pagina Facebook del blog! (usa il pulsante a pié pagina)

Hai altri consigli per Kyoto nella stagione dei ciliegi? Lascia un commento!


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog