Magazine Rugby

A Viadana non è solo questione di sponsor

Creato il 01 marzo 2011 da Rightrugby
A Viadana non è solo questione di sponsorLa cosa non sorprende. C'è della maretta sull'asse Viadana - Parma e di mezzo ci sono gli Aironi. Il presidente della franchigia Silvano Melegari, schiettamente, si è levato qualche sassolino dalla scarpa nella giornata di ieri parlando dei cosiddetti soci parmensi, escluso Colorno che "sta facendo ampiamente la sua parte insieme ai mantovani. I parmigiani no. Ci sono dei parmigiani che collaborano e parmigiani detrattori. Attendo risposte definitive riguardo l'impegno finanziario". Mica poco, visto che di mezzo ci sono gli sponsor e già abbiamo avuto modo di parlarne indirettamente, ma poi riportando le dichiarazioni su questo blog, proprio con il presidente Melegari che, analizzando i 7.500.000 euro di bilancio degli Aironi, aveva ricordato come il 65% delle entrate dipendesse da sponsorizzazioni e pubblicità.
Oggi sono arrivate le risposte sia dal Rugby Parma che dal Noceto - le indicazioni geografiche sono importanti, se rapportate al vertice della Fir. "Il Rugby Parma ha sempre collaborato e sempre creduto nel progetto", ha risposto il presidente del club Bernando Borri. "E' un momento generale molto difficile e, come altri, fatichiamo a trovare risorse, ma ci siamo sempre rimboccati le maniche". 
Gabriele Ruffolo, presidente del Noceto, ha aggiunto: "Abbiamo una piccola quota e facciamo il possibile. Il rugby a Parma ha grossi problemi: con 4 squadre ci sono sovrapposizioni di sponsor, la situazione è difficile". E' intervenuto anche il Gran Rugby, per bocca del presidente Andrea Bandini, che si lamenta del fatto che "non giocare a Parma di certo non aiuta" nella caccia alla sponsorizzazione. Come se il tutto si riducesse a una questione di stadi, che comunque ha il suo perché. E lo Zaffanella di Viadana nel 2010 ha chiuso un'operazione di restyling che ha permesso di portare a 6.000 posti la capacità, con costi pari a 5 milioni di euro: quindi, la precedenza dovrebbe essere di diritto sua.
Il germe del campanilismo è sempre vivo nel rugby di casa nostra, talmente tanto che dopo aver spedito Benetton Treviso e Aironi in Magners League, il resto langue, con una Eccellenza semiprofessionistica e una qualità del gioco che lascia perplessi. Per dirla in soldoni, non se la fila nessuno se non gli aficionados nella piazze interessate. Ma questo è il Paese dove, in prima votazione, si era deciso di organizzare una franchigia romana per la Celtic, tagliando fuori il Veneto. Poi gli accordi sono stati fatti e le due formazioni italiane si sono trovate catapultate in una nuova dimensione, con pochi indizi e nessuna mappa: ma se da una parte Treviso disponeva già di un gruppo consolidato, sia tecnico che manageriale, a Viadana si sono ritrovati nel maggio scorso a cercare di mettere assieme un prodotto competitivo. Al di là dei risultati ottenibili alla prima partecipazione nel campionato celtico.
"La sfida più grande è quella del primo anno", ha più volte ricordato Melegari, anche con i sottoscritti. E si riferiva anche all'aspetto economico perché senza quattrini, le intenzioni possono essere valevoli, ma di strada se ne fa poca. 
A pensar male si fa del peccato, ma a volte ci si azzecca. Nella voglia matta di metterci la faccia, qualcuno in Federazione ha spinto perché gli Aironi avessero una forte componente parmense: la maggioranza, a fare le proporzioni. Poi salta fuori che "il rugby a Parma ha grossi problemi: con 4 squadre ci sono sovrapposizioni di sponsor, la situazione è difficile". Nel corso della stagione si sono verificate anche scelte quanto mai discutibili, come quella di affidare i trequarti mantovani a Gianluca Guidi: una relazione cominciata a dicembre e naufragata a febbraio perché il Guidi un impiego lo avrebbe già, quello di allenatore dell'Italia A. Potrebbe dire: ma anche Shaun Edwards con il Galles. Sì, ma nel frattempo i London Wasps li hanno affidati ad un manager ad interim
Tirando le somme, la faccia però la mettono gli Aironi e per quanto sia una franchigia, è chiaro e lampante che lo sforzo più grande - e oneroso - lo faccia la componente di casa, quella di Viadana. Con il senno di poi, è andata anche bene che fino ad ora la squadra di Rowland Phillips abbia perso le partite disputate durante il 6 Nazioni, altrimenti il Federale se la sarebbe presa anche con loro (sì, quello che sabato pomeriggio avrebbe avuto il coraggio di affermare che tutto sommato Fabio Semenzato poteva fare qualcosina di più). Ti immagini, a quel punto, che beffa?

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • A volte

    volte

    (Londra, marzo 2010) Sedute accanto al nostro tavolo, alcune giovani donne conversano a voce alta. Sono truccate e vestite elegantemente, forse hanno fatto un... Leggere il seguito

    Da  Pim
    PER LEI
  • Aqu-a

    Aqu-a

    Già da diverso tempo la Principina ha aggiunto al suo, ormai abbastanza vasto vocabolario, la parola (!) AQU-A. L’illuminazione è arrivata in una notte di febbr... Leggere il seguito

    Da  Valepi
    CULTURA
  • Tuo/a figlio/a

    Vi ricordate la pubblicità di Grana Padano apparsa su carta stampata? Anche sull’emittente radiofonica su “radio Italia” per specificare, si pubblicizza... Leggere il seguito

    Da  Marypinagiuliaalessiafabiana
    PARI OPPORTUNITÀ, PER LEI
  • Gelosia a a!

    Ci sono delle caricature che ancora si spacciano per politici. Una trasformazione trasversale che non conosce ideologie. Veniamo al caso della compravendita... Leggere il seguito

    Da  Patuasia
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ
  • A room with a view

    room with view

    The photo doesn't come out from the E.M. Forster's novel neither we are in Florence but in Torino and that is the Mole Antonelliana (also popular because the... Leggere il seguito

    Da  Ikol22
    FOTOGRAFIA, LIFESTYLE, TALENTI
  • Democrazia a a

    Riceviamo dal signor Giancarlo Borluzzi e volentieri pubblichiamo. La democrazia è certo una questione di numeri, ma solo all’interno di regole non eludibili:... Leggere il seguito

    Da  Patuasia
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ
  • A bag or a box?

    box?

    La semplicità e l'originalità di queste borse di Simone Rocha mi ha subito colpita. Dopo le shoppers, tornano anche le borse/boxes in bachelite, lucite e... Leggere il seguito

    Da  Giorgiastudentflair
    LIFESTYLE, MODA E TREND

Magazines