Magazine Società

Abolizione delle Province: l’affossamento del federalismo e il caso della Regione Veneto

Creato il 12 gennaio 2012 da Balocchitaliani

politica,italia,roma,milano,news,notizie,attualità,lavoro,abolizione delle province,abolizione,province,federalismo,ragionato,costi,diritti,cittadini,comuni,regione,veneto,risparmio,castaOrmai i nostri lettori sanno della nostra contrarietà all’abolizione delle province (post 1, post 2). La nostra è una contrarietà dovuta alla possibile mancata tutela di tutte le attività dei privati cittadini che vedranno ridurre la propria voce.
Comunque sia, nelle settimane passate, si parlò dei costi della politica e vennero fuori cifre strabilianti sul risparmio dell’abolizione delle province (qualcuno arrivò a dire circa due miliardi di €uro di risparmio!).
In realtà non è così e prova ne è stata la relazione al Decreto Salva Italia che testualmente affermava:
Per quanto attiene i c.d. “costi della politica” che – da dati SIOPE - ammontano a circa 130 milioni di euro lordi , appare verosimile considerare una riduzione percentuale nell’ordine del 50%, considerando che rimarrebbero quali organi i Presidenti e i componenti del Consiglio e che dovrà essere assicurato un supporto di segretaria, come previsto dal comma 19.
Quindi il grande risparmio sarebbe soltanto di 65 milioni di €uro, come continua la relazione.
Il risparmio di spesa associabile al complesso normativo in esame - 65 milioni di euro lordi – è destinato a prodursi dal 2013 e peraltro in via prudenziale non viene considerato in quanto verrà registrato a consuntivo
Non mi sembra poi che ne valesse la pena, o mi sbaglio?
Se invece ritenete che valeva la pena, sappiate che per ciascuna analisi di politica pubblica occorre sempre analizzare i benefici e forse vi ricrederete dell’abolizione delle province e potreste darci ragione.
Prendiamo ad esempio la Regione Veneto che ha attualmente 7 province e 581 comuni.
Venendo meno le Province, la Regione Veneto dovrà riassorbire e poi ridistribuire le funzioni delle Province. In parte rimarranno in carico alla Regione e in gran parte ricadranno sui Comuni. Ora, ogni comune ha una propria individualità, una propria autonomia e di conseguenza una propria tradizione e comunità territoriale.
Come vedete questo “scaricamento” di funzioni? Come potrà conciliare le necessità dei territori un ente locale distante dai Comuni? Come potrà garantire di ascoltare i problemi di tutte le comunità locali (sono 581!)?
I nostri padri costituenti lo avevano capito, avevano capito che era necessaria una “concentrazione” di funzioni per ciascun ambito territoriale. Ora questa concentrazioni, e aggiungo concertazione, verrà meno.
politica,italia,roma,milano,news,notizie,attualità,lavoro,abolizione delle province,abolizione,province,federalismo,ragionato,costi,diritti,cittadini,comuni,regione,veneto,risparmio,castaCosì come verrà meno di conseguenza quel federalismo di funzioni tanto invocato negli anni passati. Qualcuno potrà obiettare che non è completamente corretto quello che dico, e in parte ha ragione, però l’affermazione diventa corretta se alla parola federalismo si aggiunge la parola “ragionato”. Un “federalismo ragionato” implica infatti mettere in atto tutte quelle politiche atte a garantire la centralità dei servizi e di conseguenza il loro coordinamento, che a livello regionale non può essere garantito con una moltitudine di realtà municipali.

Pertanto la gestione dei servizi verrebbe garantita senza una necessaria ed efficace correlazione diretta con i Comuni, comportando di fatto la minore tutela delle identità di ogni singola cittadinanza con l’effetto di negare il valore di riforma federalista in senso garantista promossa negli ultimi anni dalla politica italiana.
Ma veniamo agli effetti di oggi. Che cosa potrebbe succedere al ruolo delle Province fino alla loro abolizione?
Il rischio è il blocco totale degli investimenti: i progetti in corso saranno ridimensionati nel loro quantum, diminuiti nel numero e confinati in un ambito temporale di competenza annuale, senza programmazione; il personale demotivato, sapendo di lavorare in un'azienda che non ha futuro, penserà giustamente unicamente al futuro, cercando di capire dove finirà e quali prospettive ci possano essere dal punto di vista professionale e umano.
Andiamo poi nel particolare e pensiamo ad esempio ad una strada provinciale, che attraversa più comuni: ci sarà il caos gestionale perché i comuni coinvolti dovrebbero creare ognuno una struttura tecnica che in molti casi non ha (e che la Provincia invece aveva), oppure al fine di ridurre i costi potrebbero creare un ente consortile sovraordinato (e vai, un altro, non necessario perché di fatto c’era già la Provincia) per affidare lavori di manutenzione o di progettazione.
Altri effetti: oltre al personale che verrà inserito in nuovi ruoli con tutti i problemi connessi di inquadramento, di valutazione e di riorganizzazione conseguenti, verranno trasferite tutte le pratiche tra enti con conseguenze di ritardi o perdite di dati e atti, verranno trasferiti gli archivi, verrà riattributo l’immenso patrimonio immobiliare e mobiliare delle Province.
In poche parole un marasma istituzionale dove i costi lieviteranno (e ai quali nessuno ha mai pensato) e i diritti dei cittadini verranno messi da parte.
Complimenti! Clap Clap!

Il vostro Grillo (S)Parlante

 


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Province

    Province

    Figuriamoci se davvero Massa e Carrara va sotto Lucca. Non ci credo davvero. Ai posteri…… Technorati Tag: Province,Tagli,Economia,Costi,Costi della... Leggere il seguito

    Da  Babilonia
    SOCIETÀ
  • Le 36 province che verranno soppresse

    province verranno soppresse

    L'elenco delle 36 province che verranno soppresse dalla manovra. Tutte al di sotto dei 300.000 abitanti. Ascoli Piceno: 214.068 (Pdl) Asti: 221.687 (Pdl)... Leggere il seguito

    Da  Andrea86
    ATTUALITÀ, SOCIETÀ
  • Ridurre Province e Comuni per rilanciarli

    Ridurre Province Comuni rilanciarli

    La stretta economica può essere una risorsa per i piccoli Comuni e le piccole Province, offrendo, attraverso l’unione, maggiore forza e potenzialità inattese.... Leggere il seguito

    Da  Giuseppecocco
    ITALIA, SOCIETÀ
  • Una manovra, due province, 31 comuni

    manovra, province, comuni

    Due province e trentuno comuni. Totale 33 (trentatrè) amministrazioni a rischio di taglio, scomparsa, accorpamento, riordino. Insomma, trentatrè sono gli enti... Leggere il seguito

    Da  Giorgiocaccamo
    INFORMAZIONE REGIONALE, POLITICA, SOCIETÀ
  • Giro delle Province: Padova

    Giro delle Province: Padova

    La provincia di Padova nella prima repubblica è una roccaforte della DC, il PCI e i partiti laici di centroottengono significativi consensi nel capoluogo, dove... Leggere il seguito

    Da  Andl
    POLITICA, SOCIETÀ
  • Giro delle Province: Vicenza

    Giro delle Province: Vicenza

    Vicenza, come le altre province del Veneto pedemontano, è una roccaforte della DC nella prima repubblica, nella seconda sposerà il CDX, con la coalizione di... Leggere il seguito

    Da  Andl
    POLITICA, SOCIETÀ
  • Giro delle Province: Verona

    Giro delle Province: Verona

    La provincia di Verona nella prima repubblica è una roccaforte della DC che spesso supera il 50% dei voti.Il PCI è relegato ad un ruolo minoritario,... Leggere il seguito

    Da  Andl
    POLITICA, SOCIETÀ