Magazine Giardinaggio

Agnocasto, un sollievo per la sindrome premestruale

Creato il 13 settembre 2010 da Gianni

Agnocasto, un sollievo per la sindrome premestruale
L’ Agnocasto (Vitex agnus castus L.), della famiglia delle Verbenaceae è un arbusto che può arrivare a una altezza di circa 6 metri con una vistosa fioritura bianca o violacea estiva. Le foglie sono decidue, opposte, hanno un odore che ricorda la salvia e in più assomigliano in modo impressionante a quelle della marijuana, caratteristica che gli ha fatto guadagnare l’appellativo di “hemp tree”. I fiori, ermafroditi, sono minuscoli e somigliano a una piccola campana, con colori che vanno dal viola al rosa-biancastro e, come frutto, producono una drupa di 4 mm circa.
L’agnocasto ha da sempre fatto parte delle piante medicinali dell’antichità ed è citato da Plinio il Vecchio e anche nelle opere di Ippocrate nel IV secolo a.C..Le parti utilizzate in fitoterapia sono i frutti, maturi ed essiccati. I costituenti sono moltepici ad iniziare dall‘olio essenziale (pinene e cineolo). I frutti sono inoltre ricchi in flavonoidi (casticina, vitexina, isovitexina ecc.), alcaloidi (viticina), glucosidi iridoidi (aucubina e soprattutto agnuside) e castina, un principio amaro.

Come detto molto utilizzata dagli antichi, è ancora oggi apprezzata anche dalla medicina tradizionale moderna che gli attribuisce proprietà antispasmodiche e antidolorifiche. Inoltre è una pianta sedativa, utile per le vertigini, per gli spasmi intestinali, per l’insonnia e per le malattie psicosomatiche.
Ma la vera utilizzazione è nella sindrome premestruale, ipeprolattinemia e turbe funzionali del ciclo mestruale, dato che aumenta il livello degli ormoni progestinici. Sul “British Medical Journal” è stato reso publico uno studio che ha messo a confronto l’efficacia e la tolleranza dell’agnocasto con un placebo in donne affette da sindrome premestruale. A 170 donne con età media di 36 anni e con ciclo mestruale regolare è stata somministrata una compressa al giorno per tre cicli consecutivi; i risultati hanno evidenziato una buona tolleranza associata anche ad un buon sollievo dei sintomi.
I fitoterapeuti consigliano l’agnocasto a donne di età compresa tra i 20 ed i 40 anni, in buono stato di salute, con funzioni ovariche in buono stato e senza disturbi alla tiroide. Fra gli effetti collaterali ci possono essere reazioni allergiche, cefalea e aumento delle perdite mestruali.
Dato il meccanismo di azione della pianta e dei suoi estratti sono possibili interferenze con estroprogestinici, antagonisti della dopamina, e con terapie ormonali.
Naturalmente, come ho sempre ricordato nei post precedenti, prima di assumere qualunque tipo di erba è SEMPRE bene chiedere il parere al vostro medico curante: TUTTE le erbe contengono dei principi attivi che possono risultare anche MOLTO pericolosi per chi li usa con il fai-da-te quindi dobbiamo essere sempre certi di quello che facciamo e assumiamo, perché con la salute, anche la propria, non si dovrebbe scherzare mai.
Foto di Tatters:)

Leggi anche:
Cardiaca, benefica per il cuore
Tarassaco: il grande “depuratore”
Cipresso, un buon rimedio contro l’insufficienza venosa
Marrubio, mucolito e digestivo
Mirtillo nero, per proteggere la vista e i capillari

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :