Magazine Gossip

AI GIOVANI MESSICANI GLI STATI UNITI NON AFFASCINANO PIù

Creato il 30 aprile 2012 da Madyur
Potenziali migranti verso gli Stati Uniti dicono che il valico di frontiera degli Stati Uniti non è di per sé un fattore dissuasivo, ma lo sono la  discriminazione razziale e ostilità .
emmigranti-clandestini-messicani
Alcuni  giovani messicani della zona occidentale del Messico non pensano che partire sia positivo. "Per anni abbiamo sognato di andare in America, ma ora  il sogno non è buono", dice il 18 enne  Pedro Morales, seduto nell'elegante piazza di Spagna  all'ombra della spettacolare Volcan de Fuego. "Non ci sono posti di lavoro e troppi problemi. Noi non vogliamo andare."
L’ondata di immigrazione dal Messico verso gli  Stati Uniti è in fase di stallo. I villaggi che erano vuoti  di giovani ora sono pieni. Un rapporto pubblicato dal Pew Hispanic Center questa settimana ha confermato ciò che era già  chiaro: la più grande ondata di immigrazione nella storia degli Stati Uniti si è arrestata ed è ora vicino a scivolare in retromarcia.
Tra il 2005 e il 2010, 1,4 milioni di messicani sono emigrati negli Stati Uniti , meno della metà del numero che la migrazione tra il 1995 e il 2000. Allo stesso tempo, il numero di messicani che si è trasferito in Messico nello stesso periodo è salito a 1,4 milioni, il doppio del numero negli ultimi cinque anni.
Altri gruppi di ricerca nel campo dicono che il problema è il gap riduzione dei salari e dei relativi costi di vita tra il Messico e gli Stati Uniti, oltre al miglioramento degli standard educativi in ​​Messico.
Doug Massey, fondatore del progetto di migrazione messicana presso la Princeton University. "Siamo ad un punto di stasi dal 2009."  
In  Messico, l'aumento dei controlli alle frontiere da parte statunitense, così come la controversa legislazione anti-immigrati  approvata in stati come Alabama e Arizona , sono  segnali evidenti che gli Stati Uniti potrebbe essere entrati in un periodo di ostilità costante verso il suo sud.
Potenziali migranti dicono che il confine non è di per sé un fattore dissuasivo, ma la discriminazione razziale e l'ostilità, gli sforzi per negare l'occupazione, l'istruzione e la sanità , come aumentata l'esposizione a arresto e  deportazione.
"La ragione che stanno tornando a casa è perché non hanno opzioni, senza documenti, e le leggi sono più aggressive", spiega Fernando Morett, un negoziante della città costiera di Chiutlan. "E 'complicato, e le persone stanno discutendo. Se non si dispone di amici negli Stati Uniti e che devono pagare per attraversare la frontiera , non vale la pena."
Per i messicani già negli Stati Uniti, la decisione di tornare è ancora piena di incertezze. "Ma almeno qui hanno la possibilità di vitto e alloggio, e soffrono meno rispetto agli Stati Uniti", dice Morett.
Tra il 2005 e il 2010, lo stesso numero di messicani entrarono negli Stati Uniti .
L'inversione di tendenza è impressionante. Mentre gli studi mostrano che  i lavoratori migranti sono contribuenti netti, economici e costituiscono il fondamento della costruzione , ci sono prove della repressione sta creando un nuovo sottoproletariato.
"E 'un peso enorme sulla mobilità sociale ed economica del paese se non hai alcun diritto", dice Massey. Miglioramento economico in Messico e in tutta l'America Latina, insieme a tassi di fertilità in diminuzione (da una media di sette figli nel 1960 a poco più di due ora) suggerisce che  la regione potrebbe presto non avere  più una forza lavoro in eccedenza.
Inoltre, gli atteggiamenti duri verso gli stranieri degli Stati Uniti si fa sentire con vivacità. Cesar Castellano, un autista di taxi in attesa di una tariffa in Comala, descrive come il  fratello ha lavorato otto anni nello stesso ristorante in  California.
"Una mattina è arrivata la polizia e cercato tutti. Non aveva documenti e quindi  al confine di Tijuana. Non gli avrebbero permesso di vedere la sua famiglia o raccogliere le sue cose. Il ristorante non  gli ha dato nulla. Ora sta lavorando  qui . "
La scelta di rimanere a casa sembra avere poco con la militarizzazione in corso al confine USA-Messico, che ha iniziato a metà degli anni 1980. Il confine ora costa 3,5 miliardi di dollari all'anno nella costruzione di recinzione  e di tecnologie che comprendono  droni e sensori di movimento. I critici dicono che è un vantaggio effettivo dell'occupazione a livello locale - il numero di agenti di frontiera è triplicato negli ultimi anni - ma poco di più: le misure di per sé non dissuadono  i migranti.
Ampie celle di detenzione sono praticamente vuoti . "Valicheremo se vogliamo", dice uno degli  giovani  di Colama. "Se ci fossero migliori opportunità negli Stati Uniti, saremmo andati".
David Fitzgerald, un esperto di immigrazione presso la University of California San Diego, è convinto che il 95% di coloro che tentano la traversata ha successo. Egli ritiene che i controlli alle frontiere hanno involontariamente contribuito alla ferocia delle guerre di cartello sul lato messicano - una rivolta che ha ucciso 50 mila negli ultimi quattro anni.
I costi di un trasporto transfrontaliero sono aumentati di 2.500 dollari, dieci volte superiore in un decennio.
"I ragazzi vogliono i soldi ma non possono andare in America per farlo. Allora gli prestano i soldi o la domanda di protezione, e che causa più problemi", dice Castellano. "Forse sarebbe meglio tutti se hanno appena aperto la frontiera".
Ma nell'attuale contesto politico ed economico, egli ammette che è improbabile.

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog