Magazine Programmi TV

Al via su Rai2 la terza edizione di Pechino Express, ai confini dell’Asia

Creato il 07 settembre 2014 da Iltelevisionario

Al via su Rai2 la terza edizione di Pechino Express, ai confini dell’Asia

Al via su Rai2 la terza edizione di Pechino Express, il reality d’avventura condotto da Costantino della Gherardesca e realizzato in collaborazione con Magnolia, che parte con un doppio appuntamento in prima serata domenica 7 e lunedì 8 settembre alle 21.10 (e dal 15 settembre ogni lunedì sempre alle 21.10). Le otto coppie protagoniste del viaggio sono: i coreografi Alessandra Celentano e Corrado Giordani; la coppia delle “cougar” Eva Grimaldi e Roberta Garzia; le modelle “immigrate” Mariana Rodriguez e Romina Giamminelli; le “cattive” Alessandra Angeli “Angelina” e Antonella Ventura; i fratelli Clementino, rapper napoletano, e Paolo Maccaro; gli “sposini” Emiliano Pepe e Orsola Branzi alias La Pina; gli “eterosessuali” Luca Betti e Michael Lewis e, per finire, la coppia dei “benestanti”: il dandy Uberto Marchesi e la modella e principessa Sofia Odescalchi.

++ STASERA PARTE #PECHINOEXPRESS ++
Vi vogliamo tutti su @RaiDue e su Twitter per commentare la prima tappa con noi! http://t.co/ZsjUuYCgjZ
Pechino Express (@PechinoExpress) September 07, 2014

I concorrenti dovranno attraversare quattro Paesi del Sud Est Asiatico – Myanmar, Malesia, Singapore e Indonesia – con un budget limitato di due euro al giorno, muovendosi solo in autostop e contando sull’accoglienza delle popolazioni locali. Durante il viaggio, affronteranno prove e missioni difficili ispirate alle tradizioni del territorio e attraverso la loro avventura daranno al pubblico la possibilità di conoscere la storia e la cultura di uomini, famiglie, villaggi che di volta in volta offriranno loro cibo e ospitalità. Il viaggio inizia da Mandalay, in Myanmar. In questa antica città si trova il Mahamuni Buddha Temple che ospita una statua di Buddha in bronzo alta 4 metri completamente ricoperta dalle foglie d’oro applicate dai devoti. Il viaggio prosegue, poi, fino alla valle dei templi di Bagan, un paradiso dove il tempo sembra essersi fermato. La tappa in Myanmar termina nella vecchia capitale: Yangoon, nota per i suoi eleganti edifici coloniali e per la magnificenza della Shwedagon pagoda.

Il secondo paese che i viaggiatori visiteranno è la Malesia, una terra ricca di tradizioni, in cui passato e presente si miscelano perfettamente. Si parte da Georgetown, città multietnica in cui l’antica cultura cinese è molto presente, e si prosegue verso Kuala Lumpur, la città più grande della Malesia – moderna e cosmopolita. Qui sorgono i grattacieli più maestosi dell’Asia, tra cui le famose KL Towers e le Petronas Twin Towers, due torri gemelle alte 452 metri che rappresentano una delle più imponenti opere dell’ingegneria umana. Abbandonati i luoghi delle tradizioni antiche, le coppie si ritroveranno nell’avveniristica Singapore. Questa città, nonostante sia caratterizzata dai grattacieli, tra cui il famoso Marina Bay Sands (costituito da tre torri sulle quali è adagiata una nave), rappresenta un perfetto connubio tra natura e modernità. Nel suo centro si trova infatti il maestoso e sempreverde Supertree Garden, ricco di specie vegetali: un cuore verde all’interno della modernità cittadina. Le coppie rimaste in gara faranno infine il loro ingresso in Indonesia, l’ultimo Paese toccato da Pechino Express che verrà attraversato dall’isola di Giava fino alle spiagge di Bali. Il viaggio alla scoperta di Giava parte da Kampong Naga Village, un villaggio dove il tempo si è fermato, raggiungibile solo attraverso una lunga scalinata. Le avventure continuano poi a Yogyakarta, città famosa per essere il centro della cultura e dell’arte giavense, passando per Borobudur dove sorge il più famoso tempio buddista, fino al Vulcano Kawah Ijen. Obiettivo finale dei concorrenti in gara è Bali, l’isola degli Dei, un vero e proprio paradiso tropicale. Per maggiori informazioni sul programma www.pechinoexpress.rai.it

(fonte Ufficio Stampa Rai).


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :