Magazine Gossip

Alfonso Signorini con "Studio 5" celebra i 35 anni di Mediaset

Creato il 11 giugno 2013 da Mysterics
Alfonso Signorini
A volte ritornano. Purtroppo! Dopo il successo insperato ed inspiegabile di Kalispéra di qualche anno fa, Alfonso Signorini ritorna a presentare un programma tutto suo. Dallo studio 4 di Cologno Monzese andrà in onda Studio 5 per 6 puntate, il tutto per celebrare i trentacinque anni di Mediaset. Insomma, un miscuglio di numeri! E chi meglio di lui potrebbe incensare elogi e slinguazzate a destra e a manca. Nessuno riuscirebbe a farlo meglio della nostra damigella di corte. Unica nota positiva è che andrà in onda quest’estate, a partire da luglio, e se abbiamo la botta di cu*o non dovremmo assolutamente sentirne parlare, presi dalle valigie ed i preparativi per le tanto ambite vacanze.

Il direttore del settimanale "Chi" in queste sei puntate ripercorrerà  la storia diel biscione mostrando stralci di programmi che hanno fatto la storia dei loro palinsesti e commentandoli con fior fiori di ospiti che, pur di festeggiare a dovere l’importante traguardo, hanno rinunciato alle loro vacanze per parteciparvi. La prima puntata prevede come ospiti dei nomi altisonanti della televisione italiana che tra alti e bassi hanno regalato perle rare e soprattutto di trashume mediatico non indifferente alle reti di Berlusconi. Infatti, a presenziare il palco per il debutto del programma ci saranno Valeria Marini ancora in abito da sposa, che sulle reti Mediaset ha fatto solo programmi dimenticabilissimi col Bagaglino, Fiorello che a parte il debutto col Karaoke e il Festivalbar ha inanellato solo flop su Canale 5, Gerry Scotti con le sue letterine di Passaparola che ci mostravano te*te e cu*i alle sei del pomeriggio, Max Pezzali che verosimilmente presenterà il suo ultimo singolo (altrimenti non so cosa c’azzecca) ed infine l’uomo del momento che troneggia su tutti i rotocalchi nostrani, Marco Bocci, probabilmente chiamato solo per quello.

E per cercare di non ripetere i flop dei suoi ultimi programmi, Signorini anche per le successive puntate ha messo a segno una lista di pezzi da novanta da fare invidia anche a Sanremo. Tutti i grandi nomi presenti e passati della tv biscionica passeranno dal suo studio, dalla D’Urso a Bonolis passando per la De Filippi e la Ventura, nessuno scampa a questo amarcord mediasettiano o fininvestiano che dir si voglia.
Vedremo se l’estate porterà una ventata di freschezza al programma o sarà la solita caciaronata inutile alla quale ci ha abituati il presentatore con i suoi programmi passati. E a questo punto se amarcord deve essere, che amarcord sia. Datemi Wendy Windham, Cristina D’Avena e le ragazze di Non è la Rai…

Alfonso Signorini

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog