Magazine Cinema

Animal House

Creato il 29 settembre 2014 da Giorgioplacereani
John Landis Quando gli executive della Universal lessero la sceneggiatura di National Lampoon’s Animal House, scritta da Doug Kenney, Christopher Miller e Harold Ramis, ispirata in teoria alle esperienze di college degli ultimi due, gli vennero i capelli dritti. Persino John Landis, futuro regista del film, fu spaventato dalla foga iper-anarchica dei tre. Comunque, con qualche spruzzata d’acqua sulle gag più distruttive da un lato, con qualche accorgimento per convincere la riluttante Universal a mandare avanti il progetto dall’altro, Animal House vide la luce - e nacque il capolavoro assoluto della commedia demenziale americana. Risposta paradossale e ghignante ad American Graffiti, Animal House trasforma la nostalgia in irrisione, e la poesia in rivolta. E’ l’epopea della malfamata confraternita universitaria dei Delta in guerra con gli Omega (i figli conformisti della upper class) e contro il preside del college, nel 1962: una guerra contro le regole del gioco e contro l’universo ipocrita che li circonda, combattuta a base di musica, birra, oscena fisicità, fornicazione e toga party. Una guerra che culmina nello sconvolgimento della gran cerimonia laica dei buoni sentimenti americani, la parata cittadina: dove i Delta attaccano imparzialmente tanto i simboli dell’America guerriera degli anni ’50 (il plotone di studenti in formazione militare) quanto la retorica kennediana dei ’60 (il carro con due mani che si stringono, una bianca e una nera - e vengono separate e vanno ognuna per la sua strada). Easy Rider? Illaureato? Fluffa. La vera rivolta sullo schermo è Animal House. Ma cosa sarebbe Animal Housesenza John Belushi? E’ questo comico del Saturday Night Live, di famiglia albanese, che regala la sua corposità esagerata all’indimenticabile Bluto, l’animalpiù animaldella house, e che incarna il vero paradigma comico degli anni ’70. La sua comicità è basata sull’iperbole. Sarebbe piaciuto ad André Bréton l’ignobile, dolce, grasso, sudato, sconvolto e immenso John Belushi - che fa schifezze inenarrabili in mensa riempiendosi le guance come un criceto, che lancia un indimenticabile sguardo complice al pubblico mentre spia le ragazze che si spogliano, che per distruggere il corteo cittadino riesuma senza saperlo l’eroismo esotico del nostro Sandokan. O che in Blues Brothers si toglie - per una sola e unica volta - gli occhiali neri ed esibisce romantico gli straordinari occhioni umidi, mentendo a quattro palmenti, per imbrogliare Carrie Fisher, fidanzata delusa che gli sbarra la strada; salvo farla cadere a terra e scappar via non appena lei si è commossa e ha abbassato l’arma. Solo sette anni dopo Animal House, John Belushi, che era stato a lungo dipendente dalla cocaina, moriva a 33 anni per un’iniezione di speedball(eroina più cocaina in vena). Il tempo ha talmente fuso la sua immagine con quella del film che oggi Animal House- con tutte le sue gustose interpretazioni, Tim Matheson e Donald Sutherland, Tom Hulce e Karen Allen, senza scordare l’eccezionale Verna Bloom (la moglie alcolizzata del preside) - lo ricordiamo quasi come un lungo a solodi John Belushi. Ma forse è giusto così.
(Il Nichelino)

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il Libro Della Vita... e il Messico

    Libro Della Vita... Messico

    Il bello di avere figli ancora piccoli è quello di poter assistere anche a proiezioni adatte ad un pubblico di bambini, per i quali i messaggi devono essere... Leggere il seguito

    Da  Nonsolopizzaecinema
    CINEMA, CUCINA
  • San Andreas

    Andreas

    Regia: Brad PeytonOrigine: USA, AustraliaAnno: 2015Durata: 114'La trama (con parole mie): Ray, veterano pilota di elicottero protagonista di centinaia di... Leggere il seguito

    Da  Misterjamesford
    CINEMA, CULTURA
  • Hybris

    Hybris

    REGIA: Giuseppe Maione;ANNO/LUOGO: 2015/ Italia;GENERE: thriller;ATTORI PRINCIPALI: Guglielmo Scilla, Lorenzo Richelmy, Tommaso Arnaldi eClaudia Genolini."Ma ch... Leggere il seguito

    Da  Asgarothmidnight
    CINEMA, CULTURA
  • Dead Snow

    Dead Snow

    Regia: Tommy WirkolaOrigine: NorvegiaAnno: 2009Durata: 90'La trama (con parole mie): un gruppo di studenti di medicina pronti a sfruttare le vacanze di Pasqua... Leggere il seguito

    Da  Misterjamesford
    CINEMA, CULTURA
  • Recensione #1: Sharknado

    Recensione Sharknado

    Avevamo deciso di inziare alla grande questa avventura di 365Film e direi che con questo titolo ci siamo riusciti! Io ho una specie di fissa per gli squali,... Leggere il seguito

    Da  365 Film
    CINEMA, CULTURA
  • LOUISIANA (The Other Side)

    LOUISIANA (The Other Side)

    L’America sporca, desolante e invasataMinervini (l’italiano texano) realizza un brillante esempio di realismo. Un documentario che racconta al pubblico... Leggere il seguito

    Da  Ussy77
    CINEMA, CULTURA
  • Bellissima vince a Cortinametraggio e al David di Donatello

    Bellissima vince Cortinametraggio David Donatello

    Per il secondo anno consecutivo il corto vincitore a Cortinametraggio si aggiudica il David di Donatello E’ Bellissima di Alessandro Capitani con Giusy LodiLa... Leggere il seguito

    Da  Taxi Drivers
    CINEMA, CULTURA