Magazine Salute e Benessere

Autismo e inquinamento: scoperto legame

Creato il 23 ottobre 2014 da Informasalus @informasalus

inquinamento
L'inquinamento potrebbe rappresentare un fattore di rischio per l'autismo

L'inquinamento potrebbe rappresentare un fattore di rischio per l'autismo. Secondo un gruppo di ricercatori della University of Pittsburgh Graduate School of Public Health, i bambini affetti da autismo hanno maggiori probabilità di essere stati esposti ad elevati livelli di alcune sostanze tossiche nell'aria sia durante la gravidanza che durante i primi due anni di vita. La scoperta potrebbe spiegare l'aumento dei casi negli Stati Uniti.
Per giungere a queste conclusioni i ricercatori hanno condotto uno studio su una popolazione di famiglie con figli con e senza autismo in sei contee della Pennsylvania. Dai risultati è emerso un collegamento tra aumento dei livelli di cromo e stireme e autismo.
In particolare i bambini più esposti a queste sostanze in gravidanza e nei primi anni di vita sono risultati 1,4 volte più a rischio di sviluppare l'autismo.
"Questo studio - Grant Oliphant, presidente della Heinz Endowments -  ci porta un passo più vicino verso la comprensione del motivo per cui l'autismo colpisce tante famiglie nella regione di Pittsburgh e a livello nazionale. Inoltre, fa riflettere sull'importanza della qualità dell'aria”.



Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog