Magazine Cultura

Balanzone La Storia

Creato il 01 marzo 2014 da Carnivalinvenice

Balanzone La StoriaIl Dottor Balanzone è originario di Bologna. Di aspetto gaudente e fisico robusto per non dire grasso, come “grassa” è la sua Bologna, egli rappresenta la più antica Università che ha procurato alla città l’appellativo di “dotta”.
IL NOME E LE ORIGINI
Il nome deriva dal termine “balanza”, che indica la bilancia (allegoria della giustizia). E’ una maschera della Commedia dell’Arte che rappresenta, in chiave satirica, il tipo del giurista e cioè “il dottore”. Appartiene alla schiera dei “vecchi” della Commedia dell’Arte, talvolta è chiamato Dottor Graziano o semplicemente il Dottore. Nella versione goldoniana de “Il Servitore di due padroni” prende il nome di Dottor Lombardi.
Nella “Commedia dell’Arte” fa le funzioni del secondo vecchio, affiancato a Pantalone. Più che un imbroglione è un medico strampalato e inaffidabile che sbaglia non solo il latino, ma anche l’italiano normale, scambiando le parole e i significati. Pur essendo buffo, non manca di una sua saggezza, specialmente nelle commedie più tarde, da Goldoni in poi.
Quasi sempre è il padre di uno dei due innamorati, e spesso si dimostra più sensato e più disposto ad accondiscendere ai desideri del figlio (o figlia) che non Pantalone che ha un carattere più stizzoso.
Il personaggio è approdato anche al mondo dei burattini sotto le spoglie di: Dottor Violoni detto Forbizzone, Graziano delle Cotiche, Scarpazzone, Campanari, Scatolone, Spaccastrumolo, Bombardone
BALANZONE, COLUI CHE TUTTO SA …
Nativo dell’Emilia, dove ha compiuto gli studi, è il classico personaggio “serio”, sapientone e presuntuoso che si lascia andare spesso in verbosi discorsi infarciti di citazioni colte in latino maccheronico. La maschera del Dottore è la presa in giro del supposto sapiente. Potrebbe essere un avvocato o un altro laureato, ma più spesso è un medico (cosa che lo rende più pericoloso al prossimo suo) che in realtà è solo un ignorante che riempiendo le sue frasi con strafalcioni in latino, lingua che all’epoca era usata dagli eruditi e che distingueva costoro dal volgo, riesce a imbrogliare e confondere il popolino. Parla imperterrito, da grande letterato, e non si lascia interrompere da nessuno, neanche quando si rende conto delle stupidaggini che racconta.
Uomo dalle guance rubizze, ha una grossa pancia ed è solito gesticolare molto, ma i suoi gesti sono sempre pacchianamente autorevoli ed eloquenti. Gode di molta stima tra le altre maschere che spesso si rivolgono a lui per un parere medico: egli non nega il suo aiuto ma sempre coglie l’occasione per fare la cosa che più gli piace: parlare ed elargire pareri di nessun valore.
IL COSTUME
Balanzone indossa la divisa dei professori dello Studio di Bologna: toga nera, colletto e polsini bianchi, gran cappello, giubba e mantello. Il cappello nero che porta in testa è di feltro a larghe tese e una mantella sulle spalle. Alla vita una cintura dove tiene sempre un fazzoletto o un pugnale. Il dottor Balanzone porta sempre sotto il braccio un grande libro per poterlo consultare in qualsiasi momento per dispensare i suoi consigli. Calza una piccola maschera che ricopre solo le sopracciglia e il naso, appoggiandosi su due grandi baffi. La siringona del clistere è uno dei suoi accessori prediletti.
Pignolo, cavilloso, prodigo di inutili insegnamenti e di consigli inappropriati, è sempre pronto a trovare ogni minima scusa per iniziare uno dei suoi infiniti sproloqui “dotti” a suon di parole storpiate e discorsi ampollosi ma senza senso. Sempre pronto a vantarsi dei suoi titoli, dice di conoscere ogni campo della scienza umana: legge, medicina, astrologia, filosofia; di esse parla in maniera noiosa, mescolandole in un groviglio inestricabile.
Balanzone incarna l’uomo presuntuoso ma ignorante, che tutto sa, ma nulla conosce. La simpatia che irradia è dovuta sicuramente a questo carattere saccente e ignorante allo stesso tempo. Anche se si ritiene “Uomo studiato”, è al livello delle altre maschere sue compagne ed insieme portano sul palco l’irriverente allegria del Carnevale.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La Storia del Cesso

    Storia Cesso

    Qualche sera fa sono uscito e ho conosciuto gente nuova. Ed è successo. Se come me avete il pallino della scrittura, anzi, peggio ancora, avete la presunzione... Leggere il seguito

    Da  Elgraeco
    CINEMA, CULTURA
  • La storia si scopre eretica: Göbekli Tepe

    storia scopre eretica: Göbekli Tepe

    Relatività dell’archeologia. La storia si scopre eretica. Gli scavi di Göbekli Tepe, un sito archeologico vicino alla città di Şanlıurfa (odierna Turchia)... Leggere il seguito

    Da  Alessandro Manzetti
    CULTURA, GIALLI, LIBRI
  • La storia del cesso

    storia cesso

    Perché si scrive? Con questa domanda si potrebbe distruggere un intero castello di storie, scuse e blande motivazioni. E tutto perché spesso c’è chi adora... Leggere il seguito

    Da  Narratore
    CINEMA, CULTURA, LIBRI, SERIE TV
  • La (mia) storia del cesso

    (mia) storia cesso

    Sono diversi giorni che si vedono in giro post con questo nome. Ecco, nel caso ve lo steste chiedendo, la fonte è qui e vi consiglio di leggerla. Leggere il seguito

    Da  Laleggivendola
    CULTURA, LIBRI
  • Cortinametraggio – La storia

    Cortinametraggio storia

    Cortinametraggio, Festival di genere “corto” a Cortina D’Ampezzo dal 1997 ad oggi Cortinametraggio è un festival di genere “Corto”, che nasce negli anni ’90 com... Leggere il seguito

    Da  Cortinametraggio
    EVENTI
  • Eventi, La storia del rock

    Eventi, storia rock

    Davide Romano vedi altri articoli 31 ottobre 2013 21:07 9 Flares Filament.io Made with Flare More Info'> 9 Flares × Si parla sempre più spesso dei... Leggere il seguito

    Da  Molipier
    CULTURA, MUSICA, POP / ROCK
  • Magazzino 18, la Storia in Teatro

    Magazzino Storia Teatro

    Loretta Bonasera 4 novembre 2013 primo piano, teatro, vedere Nessun commento --> Il Magazzino 18 è un luogo polveroso, pieno di oggetti lì sul porto di... Leggere il seguito

    Da  Dietrolequinte
    CULTURA, PALCOSCENICO