Magazine Cultura

Big Eyes: considerazioni sul fare arte e su me

Creato il 14 gennaio 2015 da Almacattleya
Sono appena tornata dal cinema e, come capirete dal titolo, ho visto l'ultimo film di Tim Burton.
Big Eyes: considerazioni sul fare arte e su me
Cosa dire del film? Benritrovato Tim!!! Finalmente un film all'altezza.Anzi, tranne in alcuni momenti, mi sembra un film non burtoniano, almeno non nel senso classico.Qui mi sembra che si sia impegnato a raccontare la storia vera di un'artista, di una persona e come artista, come persona mi sono sentita toccata da ciò.Di occhi grandi e teste enormi adesso c'è un'esagerazione infinita eppure trovavo nei dipinti di Margareth Keane un'inquietudine, qualcosa che non sapeva come esprimersi.Mi sono interessata a lei quando ho saputo, diversi mesi addietro, che Tim Burton avrebbe fatto un film su tale artista.
Big Eyes: considerazioni sul fare arte e su me
 i veri personaggi
Walter e Margaret Keane
 
Big Eyes: considerazioni sul fare arte e su me
 Margaret e Amy Adams che per il suo ruolo da protagonista ha ricevuto recentemente il Golden GlobeAmpiamente meritato
Prima non la conoscevo affatto.Magari l'ho vista da qualche parte, ma non sapevo chi fosse e di sicuro non sapevo che cosa si celasse in tutto ciò.Devo dire che il film mi ha trascinato dentro di sé e come artista mi si pongono delle domande, riflessioni come giustamente scriveva su Fb un'illustratrice.Quanto è importante il sapersi vendere ed è molto più importante del talento?La risposta potrebbe essere scontata, ma così non è.Lasciamo perdere un attimo il film.Il sapersi vendere oramai è considerata un'arte anche essa stessa.Saper intrattenere, creare storie ad arte appunto, essere convincenti ed anche sottili in questo.Ma soprattutto essere onesti perché chi ne ha viste tante di mostre e di lavori, potrebbe soppesare ogni singola parola.E rendetevi conto che nell'era di Internet, nell'era della condivisione, è più facile che le proprie bugie vengano scoperte. E le proprie creazioni? Che cosa sono?Sono come figli, parti (inteso sia come frammenti sia come gestazione) di se stessi?Ogni volta che creavo qualcosa era come un voler consegnarlo al mondo e quando esponevo, ero felice delle attenzioni che ricevevano.Ed ero così felice quando la mia piccola bambina era così apprezzata, poter dire "Lei viene da me."
Big Eyes: considerazioni sul fare arte e su me
Anzi, le emozioni che suscitava (e che puntualmente mi venivano espressi sia sul quaderno che a voce) non erano quasi mai di felicità.Incuteva quasi un sentimento di malinconia e anche di essere nudi di fronte a quello sguardo e a me faceva impressione come alcuni afferravano alcuni sentimenti che mi hanno portato a dipingerla.Ecco, alla fine ho parlato di me stessa, ma sapete... Potete chiamarla vanità, egocentrismo (poi faccio teatro che per alcuni sarà il massimo della vanità e egocentrismo), ma il punto è "Perché?"Perché voglio esprimere quello e non altro?Che emozioni mi dà il continuo esporre una parte di me stessa.La risposta più semplice sarebbe Perché sì.Uno magari si chiederebbe "Ma quello che dipingi, che crei ecc... ti fa stare bene?"Dipende da cosa si intende con stare bene.Non sempre ho avuto un buon rapporto coi miei quadri.Alcuni li ho maltrattati, cancellati.Per alcune opere ho usato anche delle forbici perché mi sembrava che le pennellate non fossero abbastanza intense.E' quasi un atteggiamento compulsivo, magari.E' quasi come uno specchiarmi.Vedo il mio riflesso e nel tracciare il mio profilo, sto delineando il mio concetto di arte, la mia intenzione di fare arte.A Margaret Keane viene chiesto il perché di quegli occhi grandi.Ovviamente non ve la spoilero, ma ci sta.E' un'affermazione così diretta e priva di fronzoli che ho visto quello che lei intendeva.Perché desidero essere un'artista?Non mi saprei immaginare diversamente e non ricordo neanche l'esatto momento nel quale dicevo: "Voglio fare l'artista."Di sicuro ero una bambina piccola.Non saprei immaginare le mie mani diversamente da come si muovono mentre disegno, mentre dipingo, mentre recito.Ogni arte ha il suo movimento almeno per quanto mi riguarda.Alcuni pensano che l'arte serva per sopperire un bisogno incessante, una ferita.Di sicuro è un bisogno.Se mi dovessi chiedere Perché sono un'artista? sarebbe come chiedermi Perché sono qua al mondo?Potrei darmi mille risposte, ma magari non sono sufficienti.E poi, desidero davvero scoprirlo il Perché?Davvero, devo cercarlo?Non credo.E sarei disposta ad accettare un simile trattamento come quello che ha subito Margaret?
Sono situazioni dove ci si deve trovare e adesso l'idea che una donna venda arte non è più strano come anni fa.
Il vedere il film mi permette anche di vedere, di rendermi conto di una cosa: "Ne vale davvero la pena?"
Posso magari tribolarmi perché qualcosa non mi viene, perché non so cosa fare per vendere i miei quadri se non continuare ad esporli e partecipare in alcuni eventi, perché non so cosa fare per recitare al di fuori, in produzioni nazionali e internazionali (perché no?).Di certo non rinnegherò il mio essere arte, il mio fare arte e non saprei neanche scegliere quale arte io preferisca.Certo, il disegno è stato il mio primo amore (come dicevo qui), il mio inizio ma sono cresciuta e maturata molto anche attraverso la pittura e il teatro.Mi hanno permesso di sperimentare, di vedere cose di me (anche non piacevoli) che prima non mi rendevo conto.
Spero di non avervi annoiato con questo mio post.Ho deciso di non fare una recensione perché mi sento emotivamente molto coinvolta e non so se la farò in futuro.Comunque, come avrete capito dalle poche note iniziali, lo considero un film da vedere e credo possa piacere anche a chi non si occupa di arte.
P.S.: Vedendo il film, mi viene da pensare che ci sono alcune persone che desiderano vivere negli anni '50 perché è tutto più glamour, la donna si cura di più, è sempre ben truccata.Ora, mi sa che l'effetto nostalgia mette una bella patina perché ogni epoca ha le due facce della medaglia e, come vedrete anche dal film, essere una donna non era facile. Alcuni diranno neanche adesso. Okay, ma a certe domande come Suo marito è d'accordo (o cosa ne pensa non mi ricordo bene) all'idea che lei lavori? beh è qualcosa che non ci dovrebbe neanche stare.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Big Driver (2014)

    Driver (2014)

    Questo è il mese di Notte buia, niente stelle. Dopo A Good Marriage, in questi giorni è uscito per l'emittente Lifetime il film TV Big Driver, diretto dal... Leggere il seguito

    Da  Babol81
    CINEMA, CULTURA
  • In your eyes, che film del kazan!

    your eyes, film kazan!

    Condividi In Your Eyes (USA 2014) Regia: Brin Hill Sceneggiatura: Joss Whedon Cast: Zoe Kazan, Michael Stahl-David, Mark Feuerstein, Nikki Reed, Jennifer Grey,... Leggere il seguito

    Da  Cannibal Kid
    CULTURA
  • Big Bad Wolves (2013)

    Wolves (2013)

    Dopo aver visto The ABCs of Death 2 mi sono ricordata che dovevo ancora recuperare Big Bad Wolves, diretto e sceneggiato nel 2013 da due dei registi... Leggere il seguito

    Da  Babol81
    CINEMA, CULTURA
  • Big Hero 6

    I registi Don Hall e Chris Williams portano sullo schermo il nuovo prodotto Disney con l’intento di creare un film ricco di umorismo ed emozione in cui non... Leggere il seguito

    Da  Taxi Drivers
    CINEMA, CULTURA
  • Big Hero 6

    Hero

    Quando si avvicinano le feste è ormai di tradizione vedersi la classica pellicola a tema, magari con la fidanzata, ancora meglio se è un cartone animato. Leggere il seguito

    Da  Jeanjacques
    CINEMA, CULTURA
  • Big Hero 6

    Hero

    I nerd salveranno il mondo? Oppure la Disney si è finalmente svegliata e riesce anche a confezionare dei cartoni un po’ diversi dal suo solito e che parlano un... Leggere il seguito

    Da  Lo Sciame Inquieto
    CULTURA