Magazine Cinema

Black and White

Creato il 06 marzo 2015 da Taxi Drivers @TaxiDriversRoma
  • Anno: 2014
  • Durata: 121'
  • Distribuzione: Good Films
  • Genere: Drammatico
  • Nazionalita: USA
  • Regia: Mike Binder
  • Data di uscita: 04-March-2015

Il titolo vuole anticipare il tema della diversità e del razzismo ma in realtà quello che Black and White racconta è, soprattutto, un dramma familiare e legale dalle mille sfumature che vede di nuovo, a dieci anni da Litigi d’amore, Mike Binder dirigere Kevin Costner che stavolta non veste solo il ruolo del protagonista ma anche quello del produttore.

Elliot (Costner) è un avvocato rampante la cui vita prende la via del declino dopo la morte di sua moglie a causa di un incidente automobilistico. Già provato dalla perdita di sua figlia deceduta poco dopo aver messo al mondo la piccola Eloise, bambina di colore avuta da un tossicodipendente che mai si è preso cura della figlia, il dolore di Elliot non trova quiete e, anzi, viene messo a dura prova dalla richiesta di Rowena (Osctavia Spencer), la nonna paterna della piccola, che vuole che la nipote sia legalmente affidata alle sue cure.

Il plot che relegherebbe senza se e senza ma il lungometraggio nel genere puramente drammatico in realtà, attraverso suoi dialoghi, si risolleva e regala al pubblico anche momenti di bella ironia oltre che di pura tenerezza in un rapporto nonno/nipote irresistibile e fatto di gesti talmente naturali – e ripetuti all’interno del film – da divenire familiari anche per lo spettatore che senza se e senza ma non può non schierarsi, nella battaglia legale, dalla parte di Elliot nonostante la sua fragilità e la sua conseguente dipendenza dall’alcol.

Le ottime interpretazioni di Costner, in primis, e del Premio Oscar Octavia Spencer non riescono però a salvare un lungometraggio che non decolla e che appare costruito più che sull’intensità di sentimenti sulla voglia prorompente di sfatare cliché che è la stessa sceneggiatura a sottolineare, per poi, ad un certo punto, minare d’improvviso a suon di retorica.

Black and white vorrebbe essere una sorta di nuovo Indovina chi viene a cena? ma purtroppo, pur non essendo  vecchio il concetto di uguaglianza e il bisogno che a tutt’oggi c’è di sottolinearne l’esistenza, è vecchissimo il modo in cui è gestito l’intero assetto narrativo, e la scusante che il film usa per parlare di razzismo penalizza non solo l’intero lavoro ma anche il suo importante messaggio.

Sandra Martone


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Black Sea (2014)

    Black (2014)

    Nonostante il genere “suBBaquo” non faccia proprio al caso mio, qualche sera fa ho deciso di guardare Black Sea, diretto nel 2014 dal regista Kevin MacDonald. Leggere il seguito

    Da  Babol81
    CINEMA, CULTURA
  • Back to black!

    Back black!

    Non posso credere di essere stata così a lungo lontana dal blog! Che stia guarendo dalla mia grafomania? Non credo proprio! Dunque miei amati, sono di ritorno d... Leggere il seguito

    Da  Rory
    CULTURA, MUSICA
  • PICCOLI SPAZI BEN ORGANIZZATI: 62 mq IN BLACK AND WHITE

    PICCOLI SPAZI ORGANIZZATI: BLACK WHITE

    Ci sono case dai dettagli sorprendenti, altre che ci stupiscono per le loro decorazioni e alcune, per il modo in cui viene distribuito lo spazio. Leggere il seguito

    Da  Artisignexplosion
    ARTE, CULTURA, LIFESTYLE
  • Black Mirror – White Christmas

    Black Mirror White Christmas

    Anche se solo con un episodio, anche quest’anno c’è stato il ritorno di quella che probabilmente è la serie tv più bella di tutti i tempi: Black Mirror. Leggere il seguito

    Da  Arpio
    CULTURA