Magazine Scuola

Busia Borders (6)

Creato il 09 novembre 2010 da Emilioneoteros
Svegliarsi è qualcosa di molto strano, lì. Non mi sono mai svegliato, che io ricordi, al canto del gallo; ma qui tocca farlo, perché il distretto è una specie di gigantesco pollaio, ed è impossibile non sentirne gli abitanti gracchiare a tutte le ore del giorno. E davvero gracchiano quando vedono la luce; apro gli occhi, e vedo dalla finestra la campagna soffusa di questa luce azzurrina, come se il fresco della notte si fosse posato come un velo sulle cose, e stentasse ad abbandonarle.Appena sveglio, mi vesto, vado in bagno, mi sciacquo la faccia, cerco di rendermi presentabile davanti allo specchio, per una manciata di secondi – e poi vado nella sala principale della casa e aspetto che la colazione sia pronta. Fanno tutto le donne; tu, come uomo e come ospite, sei dissuaso a sberleffi dal fare alcunchè. A poco a poco arriva gente, si sistema sui divani o sulle poltrone, chiacchiera e prende quello che vuole dal tavolo dove viene servito il cibo (che per colazione comprende pane, burro, marmellata, te' caldo).Il concetto di riunirsi a un tavolo per mangiare non esiste: tutti mangiano seduti da qualche parte, senza coltello e senza tovagliolo, una mano a reggere il piatto e una la forchetta.C'è anche il latte, a colazione. Sono stati abbastanza fuori di cranio da propormi il cacao nell'ACQUA, ma gli ho detto quelle seicento volte che VA CON IL LATTE, e dopo un po' l'han capita. Come tutte le cose africane, la colazione prende qualche ora, spezzettata com'è in chiacchiere, giochi a carte coi bimbi di casa, lettura o appunti. In tempi di scuola, semplicemente si salta la colazione e si va all'orfanotrofio per fare lezione ai ragazzi, con profonda sofferenza di zia Gladys, la cuoca, che ci tiene tanto che noi mangiamo i vagoni di roba che prepara.[continua]

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Busia Borders (22)

    Negli ultimi quindici giorni, ho fatto lezione di inglese con reading, a quattro classi elementari: P4, P5, P6 e P7. Per ognuna di essi avevo scelto un testo... Leggere il seguito

    Da  Emilioneoteros
    SCUOLA, SOCIETÀ
  • Busia Borders (21)

    Un pomeriggio mi sono spaccato la schiena a far fare volavolavola a una decina di bimbi – li manda ai matti. Per non parlare di quanto adorano starti in... Leggere il seguito

    Da  Emilioneoteros
    SCUOLA, SOCIETÀ
  • Busia Borders (20)

    Lo vedi anche quando stai con loro. Hanno talmente fame di coccole e di attenzioni da parte di un adulto che ti si attaccano addosso, e diventano molto... Leggere il seguito

    Da  Emilioneoteros
    SCUOLA, SOCIETÀ
  • Busia Borders (19)

    Come ho detto, al NH ci sono una ventina e passa di bambini, di tutte le età; fanno più di metà degli ospiti fissi dell'orfanotrofio. Leggere il seguito

    Da  Emilioneoteros
    SCUOLA, SOCIETÀ
  • Busia Borders (18)

    Poco prima di partire dall'Africa, una sensazione mi girava in testa. Cominciavo a pensare a pensare che certe persone che erano lì, tutto avrei voluto, tranne... Leggere il seguito

    Da  Emilioneoteros
    SCUOLA, SOCIETÀ
  • Busia Borders (17)

    Ho avuto una certa soddisfazione quando, tre giorni prima di partire, Dorcas mi ha chiesto se gli raccontavo un'altra storia. E via con l'Agamennone. Tagliato... Leggere il seguito

    Da  Emilioneoteros
    SCUOLA, SOCIETÀ
  • Busia Borders (16)

    Durante la messa successiva, la domenica (tre ore di funzione che hanno distrutto tutte le mie possibilità di divenire religioso), c'è stato il giro di... Leggere il seguito

    Da  Emilioneoteros
    SCUOLA, SOCIETÀ

Dossier Paperblog

Magazines