Magazine Cultura

Bye Bye Bob

Creato il 11 maggio 2011 da Achess
Bye Bye Bob
Era considerato una specie di santone, da molti un profeta, di sicuro un difensore dei deboli e degli oppressi.
Robert Nesta Marley, in arte solo Bob, musicista giamaicano famoso per aver reso popolare il reggae, di cui era il riconosciuto portabandiera, si spense l’11 maggio del 1981 al Cedar of Lebanon Hospital di Miami, a soli 36 anni, ucciso da un melanoma che si era rifiutato di curare, per seguire i dettami della sua religione, il rastafarianesimo. Sono passati trent’anni esatti e la sua stella non è mai tramontata, tanto che è stato commercializzato da poco un doppio cd inedito, “Live forever, che documenta l’ultimo concerto della sua carriera, tenuto nel settembre dell’80 a Pittsburgh. Come spesso è successo nel mondo dello showbiz, molti musicisti sono diventati delle icone più per la loro valenza sociale e politica che per i loro effettivi meriti artistici. Clash e Patty Smith, tanto per fare un esempio. Bob Marley rientra sicuramente nella categoria, anche se gli va comunque riconosciuto un discreto talento musicale. Di fatto, il suo merito è stato quello di portare alla ribalta planetaria il reggae, genere caraibico derivato dallo ska, una musica dal ritmo in levare molto in voga negli anni ’60, trasformandola in un canto per la sollevazione del sottoproletariato del terzo mondo, e riuscendo a renderla digeribile ai giovani bianchi, che diventarono subito il suo pubblico di riferimento. A dimostrazione, basta citare il memorabile concerto di San Siro del giugno del 1980, davanti a 100.000 persone.
Negli anni ’70, insieme alla sua storica backing band, i Wailers, nella quale aveva militato anche Peter Tosh, l’altra icona del reggae giamaicano, Marley portò in giro per il mondo un messaggio religioso, spirituale e politico allo stesso tempo. La sua religione identificava in Hailè Selassie I, l’ imperatore d’Etiopia, il Messia di Jah, ovvero il figlio di Dio.
Nel 1978 gli fu conferita, a nome di 500 milioni di africani, la medaglia di pace delle Nazioni Unite, e nel 1980 fu invitato a partecipare all’indipendenza dello Zimbabwe. Il suo messaggio di pace e di non violenza fece rapida presa sulle giovani generazioni, all’epoca alle prese con profondi sommovimenti politici e sociali. Troppo breve la sua carriera perché potesse realizzare una corposa discografia. Certo è che “Catch a fire”, “Exodus”, “Babylon By Bus” meritano di diritto un posto nel catalogo ufficiale della storia della musica contemporanea. Così come “I shot the sherif” (ripresa anche da Eric Clapton), “Redemption song”, “Get Up Stand Up”, “Jammin”, “No woman no cry”, che sono diventate degli evergreen della cultura afro-rock.
Coerentemente con la sua religione, che vietava di violare il corpo umano con delle lame (ragion per cui i rasta si facevano allungare a dismisura i capelli, raccolti poi in trecce chiamate dreadlocks), Marley non volle che gli fosse amputato un dito del piede per evitare che il cancro si diffondesse in tutto il corpo. Fu la sua auto-condanna a morte.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Bob marley

    marley

    Oggi gioco facile, ma proprio tanto. Voglio parlarvi di uno dei miei eroi, uno di quelli che ne sanno a pacchi di musica e di vita. Voglio parlarvi di una... Leggere il seguito

    Da  Ceppo
    CULTURA, MUSICA
  • Bob Marley... tanti anni fa...

    Marley... tanti anni fa...

    Ieri ho ricordato la morte di Noel Redding. Nello stesso giorno, l’11 maggio, ma del 1981, a soli 36 anni Bob Marley ci lasciava, al termine di una lunga... Leggere il seguito

    Da  Athos Enrile
    CULTURA, MUSICA
  • Bob Dylan oggi fa 70!

    Robert Allen Zimmerman è nato a Duluth (USA) il 24 maggio 1941 ed oggi compie 70 anni.Cantante, polistrumentista, compositore, poeta, pittore è dagli anni '60 l... Leggere il seguito

    Da  Jagming
    CULTURA, MUSICA, POP / ROCK
  • Auguri Bob: e sono 70!

    Auguri Bob: sono

    Uno degli eventi che si terrà presso il prossimo Salone del Libro di Torino, è senza dubbio l'happening dedicato al compleanno di Bob Dylan.In occasione dei 70... Leggere il seguito

    Da  Achess
    CULTURA, MUSICA
  • BYE BYE BRAIN FANZINE numero 1 out NOW!!!!

    BRAIN FANZINE numero NOW!!!!

    E' uscita una nuova fanzine in città. Arriva da Trieste e parla di punkrock/poppunk come piace a noi. Old-school nella grafica e nel cuore, poche seghe... Leggere il seguito

    Da  Kallo
    CULTURA, INDIE, MUSICA
  • DISCOTIME: "Superstar" di Bob McGilpin

    Tutti abbiamo iniziato da qualche parte.Io quando c'era la disco music iniziavo parecchie cose della mia vita.Riviste all'indietro eran tutte cazzatelle ma... Leggere il seguito

    Da  Diamonddog
    CULTURA, MUSICA
  • BYE BYE BRAIN FANZINE # 2 out now!

    BRAIN FANZINE now!

    Il numero 2 di Bye Bye Brain fanzine è fuori...con una velocità sorprendente per essere una fanzine cartacea....e questa è una cosa davvero figa! Leggere il seguito

    Da  Kallo
    CULTURA, INDIE, MUSICA